LE PROVE CHE OBAMA HA MENTITO

Obama era stato informato nel 2010 dal generale Alexander (capo della NSA e dimessosi da poche settimane) che l'agenzia americana spiava la cancelliera Merkel e altri capi di stato in tutto il mondo. Lo rivela l'edizione domenicale della BILD, che inizia anche una campagna di stampa contro "l'ingenuità" della Merkel che ha preferito tenere il suo cellulare NOKIA anziché usare i telefoni criptati. Come dire: te la sei cercata.

Tommy Vietor, ex portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale e uno dei più stretti confidenti del presidente degli Stati Uniti Barack Obama, ha detto a Bild: "La collaborazione tra i nostri servizi è così stretta che i tedeschi in realtà avevano un'idea precisa delle nostre capacità di intercettazione e spionaggio."

Perché solo ora gli europei fanno finta di indignarsi ?

C'ERA UNA VOLTA LA VERDETERRA

 

DISTRUZIONE DELLA GROENLANDIA

Con 15 voti a favore e 14 contrari, il parlamento della Groenlandia ha deciso di rimuovere il divieto di estrazione di minerali dal sottosuolo.

La decisione consentirà di iniziare la ricerca di miniere di uranio e terre rare, con una distruzione di notevoli estensioni di territorio, e di alterazione degli equilibri naturali.

 La Groenlandia non sarà più la stessa.

ANCHE LA MERKEL NEL CLUB DEGLI SPIATI

A differenza di Hollande, la cancelliera Merkel è stata hackerata dalla NSA assieme ad altri milioni di cittadini tedeschi. Lo rivela Der Spiegel sulla base dei file ricevuti da Snowden: Obama ormai è impegnato a tempo pieno al telefono per giustificare lo spionaggio nei confronti di capi di Stato di tutto il mondo ("è stato un caso, un eccesso di zelo, lo facciamo per proteggervi dal terrorismo...").

 

Merkel spiata da NSA

Il Presidente messicano spiato dalla NSA

Der Spiegel mostra le prove (fornitegli da Snowden) che la NSA ha hackerato per anni, sistematicamente, le comunicazioni riservate (email e telefonate) del Presidente messicano Felipe Calderon per acquisire informazioni  sulle sue iniziative politiche ed economiche, importanti per la stabilità interna del Paese e sui suoi comportamenti privati, per poterlo controllare ed eventualmente ricattare.

Una violazione palese dell'indipendenza nazionale messicana e la riprova di quanto Snowden abbia contribuito ad aprire gli occhi del mondo sulla vera natura delle attività "antiterroristiche" della NSA.

L'operazione di spionaggio ai danni di Calderon, denominata "Flatliquid", è stata realizzata nell Medina Regional SIGINT Operations Center (MRSOC) della NSA, nella Lackland Air Force Base Annex di San Antonio in Texas, da una unità speciale denominata TAO (Tailored Access Operations)

Si prevedono pesanti ripercussioni nei rapporti diplomatici tra Messico e USA.

NSA ha spiatp Felipe Calderon presidente del Messico

La nuova pedagogia di Hollande

Si può chiedere ad una ragazza di 15 anni di scegliere tra la famiglia e il diritto allo studio ?. Hollande, il Presidente più scialbo della Francia moderna, ritiene di si, e ha fatto questa offerta per cercare di uscire dall'imbarazzo di una vicenda crudele.

La vittima è una ragazza kossovara, Leonarda di 15 anni, arrestata sull'autobus che la portava a scuola, colpevole di far parte di una famiglia a cui è stato negato il rinnovo del permesso di soggiorno, e con tutta la famiglia rispedita come un pacco nel paese di origine. Una giovane nata tra le macerie dei Balcani che sperava di farsi un futuro nella culla dell'illuminismo.

Una storia atroce che ha messo a nudo l'ipocrisia del governo socialista, più preoccupato a scimmiottare Marine LePen che a trovare i lumi con cui rischiarare le contraddizioni di questi anni bui.

 

C'era una volta l'America - 3

Finita come previsto la sceneggiata sullo shutdown e debt-ceiling (rinviato di tre mesi, in modo da far passare un buon Natale alle multinazionali del vivere) felice), l'America fa i conti con il vero shutdown, quello della sua credibilità internazionale.

La Cina ha lanciato il sasso della de-Americanization del Mondo. "Non possiamo più basare l'equilibrio del sistema monetario ed economico mondiale su un dollaro che è l'espressione della confusione politica di Washington". Un ragionamento che non fa una piega, e si coniuga con l'indebolimento politico militare degli USA in tutti gli scacchieri importanti del mondo. All'ultima conferenza asiatica, Obama ha dovuto assentarsi per poter seguire la crisi interna. Una sedia vuota che tutti, ad iniziare dai cinesi, hanno rimarcato con ironia.

L'America suscita negli altri paesi un senso di fastidio: si permettono un tenore di vita più alto delle possibilità perchè stampano dollari, indebolendone il valore e facendo concorrenza sleale verso gli altri paesi. E se prima questo arbitrio era giustificato dal ruolo di guardiano del mondo, ora non ha più motivo di essere. L'unica remora che frena i creditori degli USA (Cina in primis) è che le loro riserve monetarie sono investite in gran parte in titoli di Stato USA (cioè dollari): venderli significherebbe una perdita di valore sia in capitale che in valuta, senza contare lo sconquasso sui mercati finanziari. 

Un dilemma da sciogliere con cautela, ma la strada della de-americanization è ormai tracciata.

Obama perde consensi

Il consenso del Presidente Obama è precipitato al livello più basso da oltre un anno. Secondo Gallup solo il 41% degli americani approva l'operato di Obama. La situazione è ancora peggiore se si guarda all'indice di fiducia nei confronti dei politici eletti al senato e al Congresso: meno del 10%.

L'accordo sull'innalzamento del tetto del debito e sulla riapertura delle attività federali non è stato ancora raggiunto. Qualcuno inizia a protestare davanti a alla Casa Bianca

http://www.theepochtimes.com/n3/316952-white-house-tea-party-and-veteran-protesters-meet-riot-police-in-dc/

Protesta davanti alla Casa Bianca

L'ora d'aria di Snowden

Uno Snowden intristito partecipa ad una patetica premiazione di un patetico premio assegnato in una patetica Mosca. I video della premiazione e della dichiarazione di Snowden sono stati diffusi da Wikileaks, presente alla cerimonia con Sarah Harrison

 

Snowden riceve premio a Mosca

La vera, vecchia faccia di Putin

Dopo aver cercato di rifarsi l'immagine sequestrando "ospitando" Snowden, Putin è tornato a mostrare il suo vero volto:eliminazione degli oppositori, sfoggio muscolare, minacce e menzogne, uso spregiudicato del potere politico ed economico. Ma soprattutto approfitta delle debolezze altrui, come nel caso del sequestro dei militanti di Greenpeace: le deboli richieste dei governi non lo intimoriscono. Il suo obbiettivo è di dare una "punizione esemplare" a chi cerca di mettergli i bastoni tra le ruote. Il petrolio dell'Artico è troppo importante per la la sua strategia di potere.Greenpeace freetheArctic30

La morte del Tibet è un'infamia per la Cina

nuova strage in Tibet per mano cineseL'esercito e la polizia cinese hanno compiuto un nuovo massacro a Driru in Tibet, sparando su una folla di manifestanti che protestava contro l'obbligo di mostrare la bandiera cinese nei luoghi pubblici tibetani.

Almeno 4 morti, decine di feriti e di imprigionati.

Ma i cinesi questa volta verranno a sapere della repressione in Tibet e dello sdegno dell'opinione pubblica mondiale contro il genocidio che il governo cinese sta compiendo in Tibet. L'iniziativa di un tribunale spagnolo di "avviare un'indagine" sulle responsabilità delle autorità cinesi nel lento sterminio del popolo tibetano potrebbe essere l'inizio di una sollevazione più ampia, anche all'interno della stessa società civile cinese.

Il Tibet è un patrimonio dell'umanità intera e non può essere distrutto e cancellato dalla repressione cinese.

Il default che non c'è

Nessuno crede davvero al default degli Stati Uniti, cioè alla possibilità che non si trovi un accordo tra Obama e i Repubblicani per alzare il tetto di spesa oltre il quale il Tesoro USA non può per legge pagare i propri debiti (titoli di Stato, commesse, stipendi ecc).

Nessuno ci crede, tanto meno gli sciacalli di Wall Street, ai quali fanno comodo queste ondate di incertezza che gli consentono di guadagnare sia in ribasso che in rialzo, avendo le spalle coperte dalla Federal Reserve che gli fornisce le munizioni (denaro) a costo zero.

L'ora X è fissata per giovedì 17 ottobre, ma prima di allora ci sarà di sicuro un accordo per spostarla di qualche settimana, in mancanza di una intesa più duratura.

 

La Spagna accusa la Cina di genocidio

Dal Southern China Morning Post del 12-10 una notizia che ha "urtato" la suscettibilità dei cinesi sulla questione Tibetana: finalmente un paese occidentale promuove un'azione giudiziaria contro l'invasione cinese del Tibet e il massacro della sua popolazione. 

 

Yellen, la brava economista tra i lupi della finanza

 

Avevo pensato di scrivere qualcosa sulla Yellen del tipo:"un'altra keynesiana di corte alla guida della FED", ma poi ho letto un articolo di Luigi Zingales, di cui apprezzo i commenti e le intuizioni. Zingales traccia un elogio inconsueto a favore della Yellen, e sono certo che non lo fa per piaggeria. 

http://www.ilsole24ore.com/art/commenti-e-idee/2013-10-10/banchiere-centrale-cervello-cuore-080633.shtml

 In parte, mi ha fatto cambiare idea.

Ma ...  (segue)

10 suggerimenti di Yu Jianrong al Partito Comunista Cinese

Yu Jianrong

 

Yu Jianrong, lo studioso cinese famoso per i suoi scritti sulla stabilità sociale e le riforme, ha formulato un elenco di suggerimenti per i leader del partito comunista cinese :  http://www.theepochtimes.com/n3/291996-yu-jianrongs-10-suggestions-to-the-chinese-communist-party/

http://www.scmp.com/news/china-insider/article/1327098/yu-jianrongs-rural-renewal-project-stalls

 

 

 

 

 

 

 

A Fukushima niente più errori umani

 Il Presidente della Tokyo Electric Power Company (TEPCO) ha assicurato che a Fukushima non si verificheranno più "errori umani", come quello che pochi giorni fa ha causato un altro riversamento di tonnellate di acqua radioattiva da uno dei serbatoi di stoccaggio.

Molti vorrebbero dar credito alle parole del signor Naomi Hirose (il Presidente) ma il caso ha voluto che mentre pronunciava il solenne impegno, alla centrale di Fukushima è mancata per qualche minuto l'energia elettrica, bloccando l'impianto di raffreddamento di uno dei reattori. Errore umano, qualcuno avrà pigiato l'interruttore sbagliato.

L'unico a credere alle parole di Hirose è il Primo Ministro Abe, quello che ha garantito che a Fukushima è tutto sotto controllo, e i Giochi Olimpici del 2020 non saranno turbati da alcunchè.

In mezzo a tanto ottimismo, si affacciano dubbi sul futuro economico della TEPCO. L'azienda è di fatto al collasso e si regge solo grazie alle iniezioni di soldi pubblici. Ma sono in molti ormai a chiedere di fare chiarezza: se TEPCO è un'azienda privata, dovrebbe far fronte con i propri mezzi agli impegni economici - tra cui il rimborso alle popolazioni costrette all'evacuazione dalle zone inquinate dalla centrale. Ma TEPCO non ha i mezzi per pagare i debiti presenti e futuri, le sue entrate si sono ridotte dopo il fermo delle centrali nucleari, mentre i costi di gestione dell'emergenza sono saliti alle stelle. Occorrono decine di miliardi di dollari, che TEPCO non ha, e nemmeno il governo Abe.

Fukushima dal punto di vista economico è un pozzo senza fondo, e assorbirà risorse finanziarie per decine di anni. L'alternativa non esiste, perchè significherebbe non finanziare più la TEPCO che sarebbe costretta al fallimento e ad abbandonare i reattori al loro destino, cioè una enorme devastante esplosione.

Quello che Abe non ha ancora detto ai suoi cittadini e al mondo interno: o il disastro nucleare oppure quello economico.

 

Snowden aderisce all'appello di Greenpeace

Greenpeace free arctic 30

 

 

In tutto il mondo si svolgono manifestazioni per la liberazione degli attivisti di Greenpeace detenuti dal regime di Putin con l'accusa di "pirateria" per aver cercato di sensibilizzare l'opinione pubblica mondiale sul rischio di disastro ambientale nell'Artico, aggravato dall'estrazione del petrolio.

 

Anche Ed Snowden, rifugiato in una località segreta della Russia nord occidentale, ha fatto sapere di voler aderire all'appello per la liberazione degli attivisti di Greenpeace.