Gli auguri di BLACK LIVES MATTER

Alcune migliaia di aderenti al movimento Black Lives Matter hanno bloccato per ore uno dei più grandi centri commerciali degli USA nel pieno della corsa natalizia agli acquisti.

Il movimento protesta contro la discriminazione razziale e l'impunità della polizia.

ABE, la farsa della democrazia

Il Giappone vota per incoronare il metodo ABE - ABENOMICS - in quelle che saranno le elezioni con il minor afflusso di elettori nella storia giapponese.

La Camera Bassa è stata sciolta un mese fa da Abe per consentirgli di chiedere ai giapponesi : "se volete che NON vi aumento le tasse sul consumo (IVA) votatemi".

I giapponesi risponderanno alla chiamata di Abe in modo scontato, ma con una astensione record, che potrebbe sfiorare il 45%. Già nelle elezioni vinte da Abe nel 2012 si era verificato un forte calo di votanti (da circa 70 milioni a 58).

Il voto giapponese sarà una ulteriore dimostrazione della divergenza tra politica e società, che riguarda tutti i continenti dall'Europa all'Asia passando per l'America.

Il fenomeno della "inutilità" della democrazia, cioè della partecipazione e della scelta, in un sistema globalizzato ed uniforme di manipolazione, imposizione del consenso, controllo e repressione poliziesca, scelte economiche improntate alla distruzione del lavoro, al sequestro del risparmio, alla massimizzazione dei profitti e delle rendite.

L'astensione non è certo un fenomeno consapevole ed organizzato, ma la risposta crescente ed inconsapevole ad una domanda banale: "perché chiedermi di votare, se le decisioni sono state già prese ed imposte ?".

Come ha fatto Abe in Giappone, prima rinviando l'aumento delle tasse (necessario a limitare la crescita del gigantesco debito pubblico giapponese sotto il 250% del PIL) e poi chiamando gli elettori a rafforzare la sua decisione. E in ogni caso, prima che fossero evidenti i segni del fallimento della ABENOMICS: dopo due anni di "stimoli" (quelli che Draghi vorrebbe importare in Europa) l'economia è in recessione, le aziende chiudono ad un ritmo crescente, la corruzione e l'apatia dilagano.

Meglio votare subito, anche se in pochi, prima che anche questi se ne accorgano.

 

 

Perché le scelte di DRAGHI aggravano la crisi europea

Cadere dal primo piano di un edificio è molto rischioso e comporta nella migliore delle ipotesi gravi ferite. Cadere dal terzo piano è ancora più rischioso e con un'alta probabilità di decesso. Dal quinto piano in poi la morte è certa.

I capi delle banche centrali dei paesi più potenti - FED, BCE, BoJ, BoE - hanno da tempo attuato politiche di "stimolo" con tassi a zero a tempo indefinito, immissione di moneta non coperta, acquisto di titoli di Stato (la BCE non direttamente ma per il tramite delle banche commerciali).

Così facendo hanno favorito le attività speculative da un lato e hanno innalzato il livello di azzardo sia dei mercati che dei governi degli Stati indebitati dall'altro. Perché ridurre il debito pubblico italiano se Draghi promette che farà qualsiasi cosa per salvare l'euro ? Non c'è bisogno di essere economisti di Harvard per capire che negli ultimi anni le politiche monetarie hanno solo spostato su un piano più alto il rischio di caduta, senza rimuovere le cause di fondo di un sistema economico squilibrato e indebitato e anzi accrescendo il debito degli stati più indebitati ad un livello di bancarotta effettiva.

Il debito divora le risorse necessarie a mantenere un livello "sano" di sviluppo e crea un meccanismo perverso - per generare 1 euro di ricchezza è necessario indebitarsi per 1,5 euro.

La promessa di Draghi di "quantitative easing" equivale a portare il piano di caduta dal terzo al quinto.  (segue)

ITALIA: con Renzi come la Bulgaria

L'agenzia di rating S&P declassa l'Italia di Renzi a BBB-,  paese quasi a rischio di insolvenza, stesso livello attribuito alla Bulgaria e alla Romania.

Le riforme di Renzi non impressionano gli analisti di Standard & Poor's, che invece ritengono che il debito del Paese continuerà a crescere, come la disoccupazione, in un quadro economico stagnante.

Eppure la notizia del declassamento dell'Italia NON fa notizia. In altre epoche ci sarebbero stati titoloni e allarme sui tassi dei titoli (e quindi del debito) pubblici. Merito di Draghi, che con i suoi annunci di acquistare titoli anche molto rischiosi come quelli italiani ha praticamente azzerato l'effetto del rating delle agenzie internazionali.

Perché anche se i titoli italiani sono rischiosi c'è comunque qualcuno (la BCE con i soldi pubblici dei cittadini europei) che è disposto a comprarli. Quindi il rating è ininfluente e questo consente all'Italia di disinteressarsi del debito e della sua solvibilità.

Entro un paio di anni il rapporto Debito/PIL sarà al 150% e se ci saranno elezioni anticipate andrà anche oltre, perché Renzi non le vuole perdere ed è disposto a fare di tutto, con i soldi dei contribuenti (anche quelli tedeschi).

Perché la polizia USA uccide ?

Perché la polizia negli USA è sempre più aggressiva e impunita?

Perché assolve ad una funzione vitale per la società USA: garantire la sopravvivenza del sistema, allo stesso modo con cui la NSA - quella che spia tutti in ogni angolo degli USA e del mondo - si è assegnata il ruolo di controllore senza controlli nel nome dell'ordine mondiale e con la copertura della lotta al terrorismo.

Il sistema sociale è sempre più "diviso" tra 1% e 99%, le tensioni e i comportamenti devianti che ne scaturiscono minacciano l'ordine e la certezza del sistema, i politici sono percepiti come incapaci e corrotti, i poliziotti cercano di arginare la deriva sociale, difendere il "sogno americano" ecc ecc ....

I cops americani e gli spioni informatici sono impegnati ed esaltati dalla mission che il sistema gli ha affidato. La polizia ha ricevuto armamenti e addestramenti da apparato militare interno e ogni poliziotto si sente investito della nuova funzione e minacciato da ogni  possibile comportamento "deviante".

Se ci scappa il morto, a Ferguson come a New York o nelle altre decine di casi, ci penseranno i giudici - anello della catena del sistema di controllo - ad assolverli in ogni caso. E se per caso si tratta di vittime di colore, come Brown o Garner, l'assoluzione è più semplice.