LA PACCHIA E' FINITA PER SALVINI ?

18/04/2019

sea-watch3-migranti

Matteo Salvini ha dovuto ingoiare un rospo grande e imprevisto: quello che sembrava un sedicente Primo Ministro, avvocato Giuseppe Conte, ha iniziato ad appropriarsi del ruolo che il boss leghista riteneva di fatto suo.
E Giuseppe Conte, lo ha sfidato e costretto alla resa sul campo di battaglia più congeniale alla demagogia della destra populista: quello dell'immigrazione e del rifiuto all'assistenza ai disperati che si trovano sulle navi ONG nel Mediterraneo. Alla fine tutti sono sbarcati a Malta e 15 di loro saranno accolti presso una comunità Valdese in Italia.

I 49 della Sea Watch sono diventati, grazie alla ottusa prepotenza di Salvini, l'emblema di un'Italia ragionevole, che non vuole invasioni ma nemmeno esecuzioni, che aspetta il Festival di San Remo dove tutti daranno la mano ad un bambino africano simbolo della solidarietà che dovrebbe essere concessa a quanti ne hanno davvero bisogno.

Il Primo Ministro Conte, al leghista che ripeteva per l'ennesima volta che i porti italiani erano chiusi ai migranti, ha risposto : "E io li vado a prendere con l'aereo e li porto in Italia". !!!! il Conte Tentenna pronuncia una frase da Cuor di Leone. !!


Una frase che contiene un messaggio esplicito: se Salvini continua a pensare di lucrare meschine rendite elettorali aizzando paure e odio e indebolendo i 5Stelle (grazie anche all'insipienza di Di Maio) addirittura sul piano del coraggio morale, con argomentazioni neorazziste, sappia che "la pacchia è finita" per lui e la sua schiera di sostenitori cattivi. La "disobbedienza" di Conte, incoraggiata dal Presidente Mattarella in persona,  si aggiunge a quella di alcuni sindaci e amministratori del PD che nei giorni scorsi avevano dichiarato di non voler applicare il nuovo codice di "sicurezza" anti-migranti varato dal governo.

E' un segnale inaspettato, al quale il boss della destra ha reagito con sorpresa e stizza, facendo trapelare voci che indicano come prossima la fine del governo di "unità populista" e l'inizio di un governo a trazione Lega con l'appoggio del centrodestra e di alcune decine di "responsabili", in gran parte comprati dalle fila del PD renziano.


Magari lo facesse, darebbe a molti un valido motivo per tornare ad incavolarsi con i resti della sinistra mercantile.


Il panorama politico è in fermento, mano a mano che si avvicinano le elezioni europee di maggio, e Beppe Grillo ha voluto dare anch'egli un tocco importante: ha sottoscritto un Patto proposto da scienziati e medici: tutti i giornali titolano "Grillo firma assieme a Renzi il patto pro Vax del virologo Burioni" . I due non potevano non sapere che le loro firme si sarebbero trovate una a fianco dell'altra, ma hanno accettato di lanciare un messaggio ancora da decifrare.

Si tratta di un inizio di "tregua" elettorale, oppure è solo un espediente tattico di Grillo per togliere all'ex boss del PD l'arma emotiva e scientifica sull'obbligo dei vaccini ?