Lula Rousseff arriveranno alle Olimpiadi?

Si faranno prima le Olimpiadi di Rio ad agosto e poi l'impeachment di Dilma Rousseff con la sua destituzione da Presidente del Brasile, oppure l'inverso ?

 

Con la nomina della Commissione di 65 membri, é iniziato in Brasile il procedimento di impeachment lungo, complicato e incerto in un quadro di scontri di piazza, tentativi goffi della coppia Lula-Rousseff di sfuggire alla giustizia civile e alle responsabilità politiche. La Presidentessa nei giorni scorsi aveva nominato Lula suo Ministro, per garantirgli l'immunità contro una probabile richiesta di arresto da parte della magistratura in una inchiesta per corruzione in cui c'è dentro tutta la classe politica brasiliana, passata e presente.

Il colpo di mano da telenovela ha scatenato le proteste di piazza, le controproteste di piazza, e le controingiunzioni di magistrati. Che il Brasile sia ormai un paese allo sbando, tra crisi economica, crisi sanitaria (zika), crisi morale e politica, è sotto gli occhi di tutti.

Quello che è meno evidente è lo sbocco finale di questa situazione e la mancanza totale di una riflessione sull'esperienza politica e sociale del Brasile, la prima lettera del gruppo dei paesi BRICS , la sigla che ha rappresentato il "miracolo" politico-finanziario del nuovo corso keynesiano della globalizzazione dal 2000 in poi.

E' plausibile che la cupola di banchieri e affaristi che governa il mondo non abbia ancora trovato una soluzione per il Brasile ? Oppure è stata già trovata ma per praticarla si aspetta che finiscano le Olimpiadi, che saranno comunque tra le più tragiche e fallimentari di sempre ?

 

 

BRASIL vive crise, mas bancos têm lucros astronômicos. Que vergonha!

Lula BrasilIl Brasile é sull'orlo del precipizio tra crisi economica, scandali politici, rabbia popolarem ma "i profitti delle banche sono astronomici. Che vergogna" titola il Jornal do Brasil. E' saltato il tappo dei Mondiali di calcio, si aspettano le Olimpiadi 2016 che potrebbero svolgersi nel pieno del caos sociale. L'ineffabile Roussef resta saldamente al potere, cercando il sostegno dei "riservisti" come Lula, che minaccia di candidarsi alle elezioni del 2018 (se ci saranno). 

Se c'era bisogno di una ulteriore e drammatica riprova di come funziona il modello di globalizzazione mondiale (do you remember BRICS ?) questa volta è il Brasile a fornire i soliti titoli già visti nel passato in altri paesi. Russia, Cina e Sudafrica non se la passano meglio del Brasile e l'India è solo in ritardo di un anno all'appuntamento con la crisi.

http://www.jb.com.br/opiniao/noticias/2015/08/28/pais-vive-crise-mas-bancos-tem-lucros-astronomicos-que-vergonha/