Mattarella non infilarti in un vicolo cieco

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, probabilmente mal consigliato o tirato per la giacca, si è infilato in un vicolo stretto e senza sbocchi, facendo trapelare il suo veto sul nome di Paolo Savona a Ministro dell'Economia nel futuro governo di Giuseppe Conte.

 

Come era ampiamente scontato, sia Salvini che Di Maio hanno dichiarato di non voler fare marcia indietro su Paolo Savona, che è diventato la bandiera "politica" dello schieramento di "unità populista", contro le ingerenze dell'establishment nazionale ed europeo, e simbolo dell'autonomia decisionale del popolo italiano che la stampa tedesca ha offeso in modo volgare ed autolesionista.

Se Mattarella rifiuta la nomina di Paolo Savona, il governo Conte svanisce e si va ad elezioni anticipate ma il Presidente della Repubblica sarebbe indicato come principale colpevole della crisi e quindi ne uscirebbe indebolito ed inviso ad una gran parte dell'elettorato. E' altrettanto evidente che il problema si riproporrebbe dopo pochi mesi, perché il fronte populista e in particolare la Lega avrebbero una maggioranza ancora più ampia di consensi.

Se invece accetta l'incarico all'economista "No Euro", anche se con "contrappesi" o dichiarazioni di garanzia, il Quirinale apparirà come il vero sconfitto di un braccio di ferro che non sarebbe mai dovuto iniziare.

Il nodo dello scontro non è rappresentato dalla figura di Savona ma dall'essenza stessa del nuovo governo a cui Mattarella vuole dare un segnale forte di quali siano i confini da non oltrepassare.

Ma per dare questo segnale aveva un'occasione migliore se avesse sfruttato la scivolato dell'avvocato Conte sul suo curriculum gonfiato. Mattarella poteva ritirargli l'incarico avendone buoni motivi, e costringendo sulla difensiva M5S e Lega.

Il Presidente della Repubblica invece si è infilato nel vicolo più pericoloso per i poteri del Quirinale e più favorevole per le ambizioni di Salvini, il quale alle prossime elezioni potrà presentarsi come capo della coalizione di centrodestra, prendere molti più deputati e fare un governo (anche senza Di Maio) con Paolo Savona primo ministro. 

Un PRESIDENTE vero

Il nuovo Presidente della Repubblica italiana non si chiama Nazareno bensì

Sergio Mattarella, un Presidente vero.

Renzi fa un passo indietro e due avanti, Berlusconi deraglia.

Il soffio pesante della crisi trasforma un Parlamento di illegittimi in un Esercito della Salvezza.