MIGRANTI in trappola sulle isole della Grecia

L'odissea dei migranti siriani che fuggono dalla guerra si ferma sulle isole della Grecia di fronte alla Turchia.    Per ordine del governo greco le migliaia di profughi resteranno bloccati sulle isole, anziché imbarcati per essere trasferiti sul continente, come da accordi comunitari. I traghetti che finora hanno trasportato le famiglie in fuga non partiranno. L'Austria ha chi... [leggi tutto]

Tsipras senza trattore

Migliaia di contadini con trattori e attrezzi di lavoro hanno invaso il centro di Atene fino a Piazza Syntagma accolti da altri cittadini che li acclamavano come un esercito di liberazione.   All'inizio sembrava la solita manifestazione che da mesi i diversi gruppi sociali, dai marittimi agli avvocati, dai pescatori ai dentisti, colpiti dalle manovre del governo Tsipras, svol... [leggi tutto]

In Grecia vince il modello Troika

 Per ogni paese dell'unione europea il modello Troika prevede : 1) che al governo ci sia un partito saldamente compatibile con i vincoli imposti oppure 2) se un solo partito non ce la dovesse fare, è prevista una coalizione di unità nazionale in entrambi i casi è preferibile che il maggior numero possibile di elettori NON vada a votare, perché è stato pr... [leggi tutto]

Grecia al voto, vince la Troika

  Previsioni di sabato 19 settembre. Le elezioni più inutili e scontate, volute da Tsipras per suggellare il suo "pasokkio", si concluderanno come voleva la Troika: la destra di Nuova Democrazia prevale sui resti dell'exSyriza, ma non ha la maggioranza per governare da sola.  Tsipras, ben contento di aver perso, ribalta le dichiarazioni preelettorali e si dice disposto ad un gov... [leggi tutto]

Se tutte le bolle scoppiano insieme...

L'esplosione di Tianjin una settimana fa era un segno premonitore ? una sciagura accidentale come ne accadono spesso ? oppure era l'inizio di una esplosione globale, frutto di situazioni a lungo covate ? la corruzione politica, la presunzione di un modello di sviluppo inarrestabile, la compiacenza e l'avidità dei potenti, la speranza di facili guadagni per i più poveri, l'indebitamen... [leggi tutto]

SYRIZA non c'é più

 NUOVE ELEZIONI ANTICIPATE dopo le dimissioni del governo Tsipras a fine agosto   L'esperienza politica di Syriza è finita, Tsipras riporta l'orologio della politica greca a due anni fa, azzerando gli entusiasmi per un esperienza che prometteva di agire diversamente. Il memorandum imposto da Tsipras al Parlamento ellenico è una schifezza, inutile a risolvere i problemi ... [leggi tutto]

The sound of tanks

Rodi 20/7/2015    Le banche greche hanno riaperto, la missione è compiuta, grazie ai 25 miliardi regalati prestati dai contribuenti europei. All'Alpha Bank di Arhangelos qualcuno aspetta il proprio turno fuori, al bancomat non c'è fila e mi viene da pensare che per dare quei miliardi hanno fatto tanto rumore per nulla. In verità anche nei giorni scorsi ho ritirat... [leggi tutto]

Il mistero di Tsipras: Draghi gli avrebbe imposto la cacciata di Varoufakis ? e la rinuncia a GREXIT

Poco alla volta si compone il quadro che ha portato in pochi giorni dalla vittoria dell'OXI all'annessione della Grecia. Un tassello importante e misterioso è rappresentato dalle dimissioni di Varoufakis poche ore dopo l'esito del referendum. Le motivazioni ufficiali appaiono subito lacunose e rituali: "Le dimissioni servono a facilitare il compito di Tsipras" perchè Varoufakis &egr... [leggi tutto]

Tsipras vende la Grecia al Lussemburgo

    Quello che avevo paventato nel post di qualche giorno fa è accaduto :  https://www.menoopiu.it/post/Tsipras-il-Mendicante-non-caccera-la-Troika-da-Atene Tsipras ha venduto la Grecia, con tutti i Greci, al Lussemburgo che così avrà uno sbocco sul mare per farvi attraccare navi russe e cinesi con cui entrare in affari ed evadere tasse. L'umiliazione subit... [leggi tutto]

Schaeuble sfiducia Draghi

  Volano gli stracci in quella che doveva essere la riunione decisiva per decidere il terzo piano di aiuti alla Grecia.   Sono stracci pesanti perchè coinvolgono Mario Draghi, presidente-paladino dell'Euro "whatever it takes", e Wolfgang Schaeuble, rappresentante dell'azionista di maggioranza della BCE.   Nel corso delle riunioni interminabili prima dell'elastica... [leggi tutto]

Riflessioni sulla scelta di Tsipras di dire Si alla Troika dopo il No dei greci

  1) L'ipotesi che la scelta di Tsipras di indire il referendum del 5 luglio fosse dettata dalla speranza di perderlo è realistica, ma convalidarla o meno è un esercizio inutile allo stato attuale per capire gli scenari che si sono aperti dopo la vittoria del SI in Parlamento contro quella del NO nelle urne.  2) Il ridimensionamento dell'esito referendario fatto da T... [leggi tutto]

Tsipras il Mendicante non caccerà la Troika da Atene

Ulisse si travestì da mendicante per cacciare i Proci dalla sua isola.  Tsipras si comporta da mendicante per trattenere la Troika ad Atene. Immaginatevi se ora la Merkel respingesse l'accordo per scarsa affidabilità della controparte. Un leader che mente al suo popolo, come può essere creduto dai suoi nemici?

REFERENDUM per caso ? il mistero di Tsipras dopo la vittoria di OXI

Mi associo a quanti iniziano a credere nelle divinità dell'Ellade che assumono sembianze di uomini per compiere azioni altrimenti impossibili, cambiando il corso degli eventi. Un'ipotesi che potrebbe spiegare il mistero di Tsipras. Girano voci che abbia scelto di andare al referendum del 5 luglio convinto di perderlo, in modo da spianare la strada ad un rimpasto di governo e accettare il m... [leggi tutto]

La farfalla Tsipras farà crollare la Grande Muraglia Cinese ?

Il Tsipras-Perseo che ha scompaginato i piani della Troika (e anche i suoi stessi) e sta contagiando tutta l'Europa rassomiglia alla farfalla di Renè Thom. Un battito d'ali nella foresta amazzonica può collassare una remota galassia dell'universo. "Altro che Grecia, Shanghai rischia di diventare una bolla mondiale", titolano (dopo lo scoppio) i giornali. Prima del referendum greco ... [leggi tutto]

Wall Street chiama Obama per risolvere la crisi greca

  Il Patriarca di Wall Street Warren Buffett, conosciuto anche come "oracolo di Omaha", dopo la vittoria del NO nel referendum in Grecia ha iniziato ad avere davvero paura, assalito da brutti presentimenti. Quella che sembrava una crisi addomesticabile, utile per creare qualche buona occasione per comprare i ribassi di Borsa sfruttando l'altalena mediatica, sta prendendo una piega ... [leggi tutto]

Referendum Grecia, primo risultato a favore di Tsipras

E' iniziato il referendum che nessuno dei 18 rappresentanti dell'eurozona voleva, e il primo risultato decreta il successo della scelta di Syriza e dello schieramento del OXI: l'affluenza alle urne è molto alta, a metà giornata il quorum del 40% è superato la democrazia ha già vinto  

Perché alla Grecia conviene uscire dall’euro e rimanere in Europa

 https://www.economicvoice.com/elgin-marbles-targeted-in-greek-solidarity-protest-in-british-museum/   A poche ore dal referendum di domenica si moltiplicano le pressioni, gli appelli e i colpi bassi per “convincere” i greci. Si prospettano giorni drammatici per la gente, e molti ancora ce ne saranno, sia se vinceranno i No – perché la Troika non accetter&agrav... [leggi tutto]

Brava signora Merkel !

Quando si recita senza copione, i protagonisti si distinguono dalle comparse. La crisi greca, dopo lo sparigliamento da parte di Tsipras con la decisione di indire il referendum, ha cancellato il prevedibile copione degli ultimi mesi, lasciando ciascuno alle sue responsabilità. Allo scadere del tempo, qualcuno, Junker, Tsipras, Draghi, Hollande, Renzi speravano di poter continuare la s... [leggi tutto]

L'Europa è in DEFAULT

La Grecia è in DEFAULT - 3 Precedenti puntate https://www.menoopiu.it/post/La-Grecia-e-in-DEFAULT https://www.menoopiu.it/post/La-Grecia-e-in-DEFAULT-2    Juncker ha deciso di scendere in campo nel referendum greco. Lo ha fatto a modo suo, con lo stile che già in passato gli è stato riconosciuto dalla stampa internazionale, quando ebbe a dire "when it's serious ... [leggi tutto]

La TROIKA proclama il divieto di voto, nega il referendum ai Greci, invoca il CAOS

La reazione della Troika  - sotto le sembianze del "Eurogruppo" - al referendum chiesto da Tsipras è stata violenta e coerente: la Grecia non può votare e decidere sulle condizioni poste per il suo "salvataggio", deve accettarle oppure uscire. L'Europa dei tecnocrati non eletti non può permettere che vengano messi in discussione i principii e il metodo finora imposto... [leggi tutto]

Bravo TSIPRAS, l'hai fatta grossa, hai riportato la GRECIA al centro della civiltà, o almeno ci hai provato

  Un referendum tra sette giorni per decidere il destino della Grecia e dell'Europa. La scelta di Tsipras non è un azzardo né una mossa disperata: è il punto di arrivo e di ripartenza di una crisi della democrazia e della politica, prima ancora che dell'economia. Il referendum, per quanto drammatizzato e affrettato, (ma sono mesi che se ne discute !) restituisce l'one... [leggi tutto]

La Grecia é in DEFAULT - 2

  Doveva essere il D-Day (Deal Day) dell'accordo Grecia-Troika, e invece si sta rivelando il D-Day (Default Day) 2. I Greci hanno inviato a Bruxelles (per errore !?) una vecchia versione del piano di "riforme", se ne sarebbero accorti la mattina, inviandone una nuova (tra le tante), che i tecnici dei paesi creditori non faranno a tempo a valutare rinviando di altri giorni il D-Day. I capi d... [leggi tutto]

Più tasse meno pensioni, la ricetta di Tsipras per campare qualche altro mese

Sul filo di lana imposto dai creditori della Troika, Tsipras sforna una bozza di accordo dove quello che conta sono le parole e non i numeri. I tecnocrati chiedevano alla Grecia di rinunciare alla prosopopea anti austerità, a prescindere dai numeri che, tutti sanno, sono il problema minore e più manipolabile della vicenda. Sembra che nella bozza di accordo il governo greco abbia acc... [leggi tutto]

Draghi contro Draghi

__________________________________________ Mario Draghi sembra aver cambiato idea: disegna scenari e lancia minacce sul destino della moneta unica. Sono passati i tempi del "whatever it takes", la difesa dell'euro a qualunque costo. Adesso - con un po' di ritardo - Mario Draghi ammette che "In una unione monetaria non ci si può permettere di avere profonde e crescenti divergenze struttural... [leggi tutto]