One Belt One Road strategia totalitaria di Xi Jinping

L'Italia è stato l'unico paese del G7 ad essere rappresentato nel Forum cinese "One Belt, One Road" al massimo livello con Gentiloni, il primo ministro che tiene calda la poltrona di Matteo Renzi. Un'occasione per parlare di soldi, tanti, che la Cina di Xi Jinping intende investire in decine di nazioni per costruire una rete logistica globale al servizio delle strategie commerciali e politiche cinesi, e l'Italia ha bisogno di pecunia che notoriamente "non olet" e quindi perchè farsi sfuggire l'occasione ?
Ma i soldi arriveranno ad una sola condizione: che si chiudano tutti e due gli occhi sulle reali condizioni in cui Xi Jinping sta imponendo il suo potere dentro e fuori il suo paese.

da China Change :

One Belt, One Road, Total Corruption

Chang Ping, May 18, 2017

God said: “Let there be light,” and then there was light. Xi Jinping said: “A ‘Project of the Century’ must be undertaken,” and then there was “One Belt, One Road.” At the just-completed summit in Beijing, Xi Jinping announced that China will invest hundreds of billions of U.S. dollars in 60 countries to lead in the construction of bridges, railways, ports and energy projects. This venture is known as “One Belt, One Road,” and involves more than 60 percent of the world’s population. It’s projected to transform the global political and economic order, and can be said to be the largest overseas investment project undertaken by a single country in history.
Where does such an unprecedented, magnificent, and spectacular plan come from? How many Chinese were aware of it in advance? Was it critically evaluated? And what was the outcome of the evaluation? Other than Xi Jinping, there is probably no one who can answer these questions. And no one knows if he himself has carefully thought about it. People can at least learn about almighty God by reading the Bible. But the “One Belt, One Road” plan of renewing the world only consists of a few pages of empty speeches and some conference documents. According to Chinese media descriptions, the whole world is heralding the birth of a new savior.
‘One Belt, One Road’: Don’t Ask Me Where I Came From

Chi si prenderà la Corea del Nord?

Mentre Trump fa girare a vuoto la portaerei Vinson nel Pacifico, la Cina si prende prima la Corea del Nord e poi quella del Sud.

 

 

La logica del potere, sia militare che politico, ci dice che un piccolo stato, organizzato come una caserma, con a capo un pazzo, senza soldi o risorse e con tecnologie distruttive 1000 volte inferiori a quelle dei suoi nemici, non può che soccombere in uno scontro diretto.

E' quello che dovrebbe accadere da un giorno all'altro alla Corea del Nord di Kim Jong Un, non appena farà uno starnuto che possa somigliare ad un gesto di sfida alla "armada" internazionale che Trump e Xi Jinping hanno messo in campo contro di lui.

Ma il pazzo coreano ha il vantaggio che nessuno dei suoi nemici ha una strategia per il "dopo", che sia praticabile e conveniente per tutti, ovvero:
- l'attacco al regime di Pyongyang deve essere limitato in modo da colpire le basi militari e i laboratori dove si accumula l'uranio per le bombe, lasciando il pazzo al suo posto e sperando che si impaurisca per molti lunghi anni (poco probabile) oppure
- un attacco più vasto e distruttivo, con notevoli bombardamenti e "danni collaterali" civili per annichilire la popolazione e cercare di defenestrare il pazzo, lasciando però intatta la struttura di potere, cioè l'esercito e la nomenclatura di partito e sperando che ci sia qualcuno in grado di avviare una transizione di regime (molto probabile) oppure
- ipotesi estrema e dalle ripercussioni incontrollabili, avviare una guerra vera e propria, con distruzione di infrastrutture civili su larga scala, migliaia di vittime, missili in ogni direzione e con un'invasione finale che azzeri completamente il regime per sostituirlo con qualcosa di completamente diverso.

Ciascuna di queste tre ipotesi ha i suoi pro e contro, ma alla fine la domanda è la stessa: chi si avvantaggerà del post Kim Jong Un, cioè sotto quale sfera di influenza andrà a finire la Corea del Nord.

La risposta più ovvia indica nella Cina il vincitore di qualsiasi scenario immaginabile, come dire che Trump ci mette le bombe e Xi Jinping raccoglie i frutti. La Corea del Nord diventerebbe una provincia cinese, confinante con quella del Sud sulla quale potrà esercitare influenza e pressioni, nella prospettiva di una storica riunificazione che farebbe ricadere nell'orbita cinese l'intera penisola.
Con conseguenze imprevedibili anche sul vicino Giappone, al quale una Corea tutta "cinese" fa paura molto più dei missili di Kim Jong Un.
Nel breve termine la Cina ci guadagna anche nel caso di un attacco americano limitato, che lascia al suo posto il pazzo ma rende l'area geopolitica completamente instabile e bisognosa quindi di un autorevole intervento della diplomazia di Pechino.
L'opzione che Trump decida di non intervenire e lasciare ai cinesi il lavoro sporco di eliminare o arginare il pazzo è da escludere, perchè il presidente USA ha un bisogno disperato di sparare missili e bombe almeno quanto il dittatore coreano. La Cina aspetta di raccogliere i frutti.

L'unica variabile incontrollabile è il vento, in che direzione e con quale forza spingerà le nubi radioattive che si sprigioneranno dalla guerra di Corea. Andranno verso il Sud, oppure si dirigeranno verso il Giappone, all'opposto verso la Cina e forse la Russia e finanche la costa californiana.

PS: un amico mi fa notare che c'è anche una quarta possibilità che apre uno scenario da incubo mondiale. Una invasione della Corea del Nord da parte dell'esercito del Sud, ovviamente preceduta e favorita dai bombardamenti americani, che scatenerebbe la conseguente controinvasione dell'esercito cinese nel tentativo di riprendersi quello che è suo.

Altre due portaerei americane, oltre quella già annunciata, si stanno dirigendo verso la zona calda, dove dovrebbero iniziare "esercitazioni congiunte" tra USA e Corea del Sud. Esercitarsi a che cosa?

La strage di lavoratori in Cina non fa notizia, mentre Xi Jinping si autocelebra

 

Oggi 68 lavoratori cinesi sono morti per un "fatal accident" nella costruzione di una centrale elettrica a Fengcheng, nella regione orientale di Jiangxi. Sono stati schiacciati dal crollo dell'enorme struttura, collassata come un castello di carte.

ll sito ufficiale del Partito http://www.xinhuanet.com/ relega la notizia in un trafiletto e le immagini del disastro nello slider di prima pagina compaiono al sesto posto, dopo una serie di foto che esaltano l'ennesimo tour diplomatico di Xi Jinping.


Le frasi di rito sullo "sforzo dei soccorsi", sulle "necessarie indagini" ecc ecc fanno da contorno alla notizia sull'ennesimo disastro sul lavoro.
Non bisogna essere indovini per immaginare le vere cause della strage.

La sequenza di "fatal accident" che si protrae ininterrotta in ogni zona industriale della Cina è fortemente correlata con il modello di sviluppo drogato con il quale il regime cerca di nascondere la grave crisi economica e sociale che grava sul paese e di cui ne fanno le spese i lavoratori e gli abitanti delle trappole-metropoli.

Commentando il disastro di Fengcheng, il South China Morning Post di Hong Kong scrive: "On September 13, the company launched a campaign called Work Hard Together for 100 Days, urging workers at the station to speed up construction while heeding safety rules.

... Construction accidents are frequent occurrences in China, sparking criticism that the central and local governments are ignoring safety violations in their haste to complete projects.

... A series of major industrial accidents across the nation in recent months have also been blamed on corruption, disregard for safety and pressure to boost production amid a slowing economy.

La disinformazione con cui gli organi di stampa ufficiali trattano l'argomento della sicurezza nei cantieri e nelle fabbriche ha raggiunto livelli insopportabili, di pari passo con l'idolatria permanente ed esagerata di Xi Jinping.

Negli ultimi due anni nel silenzio della stampa occidentale in Cina si sta realizzando una trasformazione strisciante del regime comunista in una dittatura personale.
Il ferreo controllo sui mass media, la repressione di qualsiasi forma - anche la più blanda ed innocua - di critica, l'uso spregiudicato delle indagini sulla corruzione per eliminare gli apparati interni diffidenti, il culto della personalità, sono i tratti essenziali della silenziosa marcia di Xi Jinping verso la dittatura assoluta.
Sessantotto lavoratori morti non devono fare notizia.

La bomba DUTERTE che Obama lascia in eredità

In tutto il mondo - ad esclusione delle Filippine - il nome di Rodrigo Duterte risulta sconosciuto al 99% della gente, ma tra qualche mese sarà più famoso di Renzi.

Rodrigo Duterte

Duterte è il Presidente filippino in carica da giugno scorso che si è fatto conoscere dalle diplomazie internazionali per aver insultato l'ambasciatore e il presidente americano, aver fatto il dito medio nei confronti dell'Unione Europea, aver minacciato l'uscita dall'ONU, essersi paragonato a Hitler e aver dato l'ultimatum agli USA perché ritirino le basi militari dal paese. E' famoso per le simpatie a suo dire "di sinistra", per aver santificato il defunto e tristemente noto dittatore Marcos, per aver demandato la lotta ai narcotrafficanti agli squadroni della morte - che per errore eliminano anche qualche dissidente - e soprattutto per aver promesso a Xi Jinping di portare le Filippine nella sfera di influenza politico-militare della Cina entro i prossimi due anni.

Rodrigo Duterte, in Japan, Calls for U.S. Troops to Exit Philippines in 2 Years

 

Obama non farà a tempo ad occuparsene e lascerà in eredità a Hillary Rhodam Clinton (HRC) il compito di eliminare il problema.
Perchè sul piano geopolitico il cambio di alleanze promesso da Duterte è una bomba ad orologeria di portata gigantesca, con reazioni a catena in tutta la dorsale dell'Oceano Pacifico, dalla Corea del Nord in giù, ed è ovvio che un presidente degli Stati Uniti, chiunque fosse, dovrà metterlo ai primi posti dell'agenda politica.

Rodrigo Duterte, che qualcuno definisce il Trump delle Filippine, è il classico prodotto della politica estera americana degli ultimi decenni, compresa l'epoca dell'ex segretario di stato e futuro presidente USA, HRC, fatta di miopia e arroganza che si tramuta in impotenza nei confronti di personaggi come Duterte (ma lo stesso dicasi per altri) che vanno al potere sulla base di una legittima scelta elettorale di un popolo esasperato dalle disuguaglianze, violenze, povertà e corruzioni.

Gli Stati Uniti cercheranno di defenestrare "Duterte il pazzo" prima che l'asse con Pechino si consolidi a tal punto da rendere irreversibile la nuova gabbia in cui le Filippine si andranno a cacciare ?, oppure ne faranno merce di scambio nella partita su Taiwan, a cui Xi Jinping è molto sensibile, o quella del Mare del Sud che coinvolge altri paesi come il Vietnam?. Oppure daranno per persa la partita a sud e lanceranno l'attacco militare a nord per eliminare il pazzo coreano?
Tutte situazioni che porteranno Rodrigo Duterte al centro della ribalta internazionale, ed è per questo che molti ignari cittadini dovranno imparare il suo nome.

Denise Ho 何韻詩 censurata in Cina anche da Apple

Denise Ho 何韻詩, star della cantonese pop music - Cantopop - di Hong Kong , è "scomparsa" dalle piattaforme streaming cinesi e in particolare da iTunes di Apple.


Il motivo della cancellazione di Denis Ho - in arte HOCC - è ovviamente politico ed è una delle prime rappresaglie del regime di Xi Jinping dopo la recente sconfitta elettorale in Hong Kong.
Denise Ho infatti è uno dei simboli artistici della "rivoluzione degli ombrelli" e di #OccupyCentral del 2014, quando venne anche arrestata, oltre ad essere un'attivista del movimento per i diritti LGBT.

 

Da China Digital Times:

Apple has previously removed content including censorship circumvention tools and apps related to the Dalai Lama from its Chinese App Store, citing its obligation to comply with local laws.
Denise Ho was blacklisted from performing in China during Occupy Central. This summer, on June 5, Lancôme canceled a Hong Kong concert where Ho was to perform after nationalist internet users pressured the company to drop her from the billing. Lancôme claimed that “possible safety reasons” lead to the cancellation. Hong Kongers protested Lancôme’s decision to “kowtow to Beijing,” while mainland netizens circumvented the Great Firewall to attack Lancôme’s Facebook page. Ho later gave a free concert near where the Lancôme event was to be held.
In recent years, celebrities from Hong Kong, Taiwan, and elsewhere whose political viewpoints offend Beijing have faced pressure to publicly apologize or risk losing the lucrative China market.

Che il regime di Xi Jinping non si faccia scrupoli a colpire e censurare gli artisti scomodi non fa meraviglia, ma Tim Cook di Apple dovrebbe avere un pò più le spalle dritte, anziché prendere ordini per qualche iPhone in più.

Si chiama Eddie Chu il nuovo incubo di Xi Jinping

Eddie Chu Hoi-dick ambientalista e difensore dei diritti dei piccoli contadini contro lo strapotere dei palazzinari di regime, ha vinto le elezioni di Hong Kong, nonostante i meccanismi farraginosi, le divisioni nello schieramento di opposizione, la censura e la manipolazione dei mass media schierati ovviamente a favore dei candidati di Xi Jinping.
Eddie Chu ha avuto il maggior numero di preferenze (oltre 80.000) tra gli aventi diritto al voto. https://www.hongkongfp.com/2016/09/05/kicking-the-hornets-nest-king-of-votes-eddie-chu-to-tackle-rural-gentry-but-expects-political-violence/

Ma chi è Eddie Chu e quali sfide si prospettano per Hong Kong e il sistema cinese ?

 

https://www.hongkongfp.com/2016/09/05/kicking-the-hornets-nest-king-of-votes-eddie-chu-to-tackle-rural-gentry-but-expects-political-violence/

 Quando ha saputo del successo elettorale, Eddie Chu ha avuto un momento di forte emozione e tra le lacrime ha ringraziato la famiglia e quanti lo hanno sostenuto nella campagna elettorale.

“The result shows that Hong Kong people believe we need a paradigm shift in the democratic movement,” the 38-year-old ­independent candidate said. “We should no longer strictly follow the Basic Law.”

 

Anche Nathan Law Kwun-chung,  rappresentante di Demosisto, il partito nato dal movimento studentesco che aveva promosso la Rivoluzione degli Ombrelli, è stato eletto nel nuovo consiglio di Hong Kong

La stagione di #OccupyCentral Hong Kong ha iniziato a dare i suoi frutti.

 

La reazione ufficiale del Partito Comunista Cinese, impegnato a glorificare l'immagine del capo nel G20 che si tiene proprio in Cina, è stata affidata ad una breve news dell'agenzia Xinhua che, senza dare i risultati della votazione, ha lanciato un "avvertimento" a coloro che chiedono indipendenza per Hong Kong:

BEIJING, Sept. 5 (Xinhua) -- The mainland underscored its "resolute opposition" against any form of "Hong Kong independence" activities inside or outside of the special administrative region's (SAR) Legislative Council (LegCo), according to an official statement on Monday.

The statement, issued by the Hong Kong and Macao Affairs Office of the State Council, noted that certain organizations and candidates were publicly advocating for "Hong Kong independence," capitalizing on the exposure afforded to them because of the election for the sixth-term LegCo of the Hong Kong SAR.

The statement reiterated that "Hong Kong independence" was against the Constitution of China, the Basic Law and relevant laws of the Hong Kong SAR, that it was a threat to China's sovereignty and security, damaged the prosperity and stability of Hong Kong, and was counter to the fundamental interests of Hong Kong citizens.

"We firmly support the Hong Kong SAR government to mete out penalties according to law," the statement said.

The election for the sixth-term LegCo of the Hong Kong SAR was held on Sunday.

The elected members are expected to fulfill their duties according to the Basic Law and relevant laws of Hong Kong, and to implement the "one country, two systems" principle, in an effort to protect the prosperity and stability of Hong Kong, according to the statement.

 

La storia del libraio che sfida Xi Jinping

La storia del libraio Lam Wing-Kee ha scosso tutta l'opinione pubblica di Hong Kong

perchè ha messo a nudo le bugie del regime cinese sul modello "one country two systems" che doveva essere alla base della reciproca fiducia alla coesistenza tra la ex colonia inglese e la "mainland" autoritaria di Xi Jinping.
Lam Wing-kee, a cui erano state estorte false confessioni dalla polizia di regime, ha denunciato tutto in una conferenza stampa. La trascrizione della sua denuncia:

Last year on October 24, I was crossing the Shenzhen immigration point to visit my girlfriend in Dongguan when I was detained by Shenzhen officers.
When they detained me, I asked them what I had done wrong. I pressed them for an answer for the whole day, but no one was able to tell me [what I had done wrong].
I remember that when I was passing immigration, the document scan machine stopped and I was trapped there. Two immigration officers pointed at me. Then a few other officers ... took me to a corner on the left. Maybe they recognised me.

leggi tutto

Cameron e Xi Jinping si incontravano a PANAMA

David Cameron ammette di avere evaso le tasse fino a pochi mesi prima di diventare capo del governo. Xi Jinping non parla ma censura, cioè conferma le verità dei PANAMA Papers.

Sotto l'incalzare della stampa britannica, dopo le rivelazioni sugli affari del defunto padre nei paradisi offshore, David Cameron ha iniziato a confessare: aveva una quota dal 1997 al gennaio 2010 di 31.500 sterline in una società intestata al padre, la Blairmore Investment Trust,  che non ha mai pagato le tasse. Così come non avevano pagato tasse le somme ereditate alla morte del padre provenienti dalla liquidazione della Blairmore.

Ma soprattutto Cameron deve rispondere alla domanda: dove è finita l'eredità del padre (un patrimonio stimato in oltre 10 milioni di sterline), in quali paradisi fiscali è occultata ?
Cameron dovrà dimettersi, come ha già fatto il presidente islandese, e come invece non farà Xi Jinping, il quale non deve rispondere alle pressioni della stampa e alle prove evidenti del suo arricchimento personale e familiare.

 

PANAMA Papers, il GOTHA del riciclaggio mondiale

Se non siete nominati, direttamente o tramite familiari, nei Panama Papers siete dei poveracci oppure avete scelto di utilizzare un'altro canale per riciclare il vostro denaro.

 

Lo studio Legale Mossack Fonseca, di cui sono stati pubblicati oltre 11 milioni di documenti riguardanti anni di attività per conto di politici, finanzieri, truffatori e riciclatori di ogni parte del mondo (Russia e Cina in testa), è sola la QUARTA azienda del settore "offshore" a livello mondiale.

Putin sarebbe uno dei principali "utilizzatori" del sistema Mossack Fonseca, con più di 2 miliardi di dollardi riciclati, ma anche la famiglia di Xi Jinping e il padre di Cameron, il presidente dell'Argentina Macri, il boss dell'Azerbaijan, il presidente dell'Ucraina e quello dell'Islanda, i reali del Marocco e dell'Arabia Saudita, sono nominati nella lista di Panama. https://panamapapers.icij.org/the_power_players/

The Panama Papers expose offshore companies controlled by the prime ministers of Iceland and Pakistan, the king of Saudi Arabia and the children of the president of Azerbaijan. They also include the names of at least 33 people and companies blacklisted by the U.S. government because of evidence that they’ve done business with Mexican drug lords, terrorist organizations like Hezbollah or rogue nations, including North Korea and Iran.

E non potevano mancare le banche, per il tramite di società travestite: HSBC, UBS, Credit Suisse, Societe Generale, Commerzbank, Rothschild, Julius Baer, e per l'Italia Unicredit e Ubi.

Panama è il cortile degli Stati Uniti, e il Grande Orecchio della NSA, apparentemente, non ha mai "sentito" nulla, nemmeno quello che accadeva nella filiale di Mossack Fonseca nel Nevada (USA), dove sono stati fatti sparire file ed email dai computer per nascondere l'attività illegale dello studio legale.

Così come non si è accorto di nulla l'apparato di lotta alla corruzione di Xi Jinping, nonostante lo studio Mossack Fonseca abbia ben otto agenzie dislocate in varie città della Cina. Suo cognato figura tra i clienti abituali dello studio legale.

https://panamapapers.icij.org/20160403-panama-papers-global-overview.html

 

 

Lettera a Xi Jinping: vattene

Un gruppo di "Loyal Communist Party Members" scrive una lettera aperta a Xi Jinping, in cui si chiedono le sue dimissioni.

 

Il testo viene pubblicato su un sito del partito, Watching News, a metà marzo dal giornalista  Jia Jia. Dopo poche ore il sito viene bloccato, la lettera fatta sparire e il giornalista viene arrestato, assieme ad altre 20 persone di cui non si conoscono identità e appartenenze.

Il testo della lettera però viene fatto circolare e il suo contenuto rappresenta un colpo molto duro per l'immagine di Xi Jinping, e testimonia una lotta di potere al vertice di cui ancora non si conoscono gli schieramenti e gli obbiettivi.

".. per il bene del Partito, per la pace e la stabilità del paese, e per la sicurezza tua personale e della tua famiglia, ti chiediamo di dimetterti da tutti gli incarichi di Partito e dello stato, di lasciare il Comitato Centrale in modo da permettere al popolo di scegliere un leader virtuoso che possa con vigore guidarci nel futuro."

Chi sono "i membri leali del Partito" che hanno scritto e diffuso la lettera? Cosa vogliono e cosa rappresentano ?

Le critiche rivolte a Xi Jinping sono a tutto tondo: la gestione accentratrice e familiare del potere, il fallimento delle politiche economiche, il culto della personalità, le scelte in politica estera con l'abbandono della strategia di Deng: secondo gli autori della lettera, Xi Jinping ha cumulato errori e scelte personali che lo qualificano come un incapace a guidare il paese nel futuro.

Sono argomenti che descrivono un disagio crescente della società cinese: l'ultimo scandalo dei vaccini scaduti che una banda di personaggi legati alle case farmaceutiche vendeva da anni, ha suscitato una indignazione collettiva che si è rivoltata contro il regime accusato di non essere stato capace di accorgersene prima. E poi ci sono le proteste degli operai delle acciaierie e delle miniere, i contadini espropriati e i risparmiatori truffati, l'aumento delle diseguaglianze e un apparato politico affaristico che si fa beffa della lotta alla corruzione.

La lettera aperta contro Xi Jinping potrebbe essere l'atto d'accusa di una genuina componente del partito, oppure il primo atto di una discesa in campo delle Forze Armate a fianco delle componenti tradizionali escluse dalla gestione del potere, o anche un artificioso espediente di una battaglia diplomatica internazionale (teoria del complotto cara ad ogni regime autoritario).

Qualunque ipotesi su chi ha scritto e diffuso la lettera può essere plausibile e opinabile allo stesso tempo. L'unica cosa certa è che Xi Jinping è più debole di prima e che la lotta per il potere è ormai dichiarata. E potrebbe essere una lotta cruenta, come lasciano intendere i riferimenti alla sua sicurezza personale e della famiglia.

I minatori di Shuangyashan contro Xi Jinping

La rabbia dei minatori cinesi della Longmay Mining Holding Group, una delle principali aziende di estrazione del carbone in Cina, esplode a Shuangyashan, nella provincia di Heilongjiang.

I minatori non vengono pagati da molti mesi, sono al limite della sopportazione. 

Rappresentano una realtà storica dello "sviluppo" economico e sociale della Cina, che le autorità di governo hanno deciso di "riconvertire" con un metodo semplice: affamandoli,  negando diritti elementari e reprimendoli con l'uso della forza e della censura. Sono le vittime di una politica di sviluppo insensata, della corruzione e della commistione tra politici e affarismo. 

Da AFP : "I'm on my knees, my family can't eat," an elderly woman pleaded with a man who appeared to be a government official.

"Tell me, how can we live?" she shouted, before collapsing and being rushed away by fellow protesters.

The situation in Heilongjiang exemplifies the dilemma faced by Chinese authorities, who say they want to reform the world's second-largest economy and at the same time seek to avoid unrest.

 Le immagini della protesta dei minatori di Shuangyashan sono state censurate.

Menoopiù Blog è in grado di mostrarle.

La Cina caccia la Gauthier e invita Babbo Natale

Ursula Gauthier, giornalista francese di OBS, non potrà più restare in Cina e scrivere sulle condizioni dei popoli oppressi dal regime di Xi Jinping.

Se entro il 31 dicembre la Gauthier non presenterà le sue "scuse" al governo cinese per aver raccontato la verità nei suoi reportage, non riavrà il visto per restare in Cina e quindi dovrà smettere di fare il suo lavoro.

 La decisione del governo cinese dimostra come il paese sia in una crisi politica profonda e che il ceto politico è attraversato da indecisioni, certezze autoritarie e ipocrisie.

In questi giorni i mass media cinesi fanno a gara per mostrare il volto natalizio dei grandi centri commerciali di Pechino o di Shanghai, ostentando "babbi natale", alberi e decorazioni tipiche dei paesi del nord Europa, trasformando la festa cristiana in un'orgia consumistica priva di qualsiasi riferimento storico e culturale.

Se invece qualcuno cerca, come ha fatto la Gauthier, di raccontare la vera Cina, quella delle campagne povere, delle metropoli sommerse da smog e detriti, quella delle etnie annesse con la forza e la repressione, allora diventa scomoda e viene cacciata.

https://www.menoopiu.it/post/SILK-ROAD-la-strage-degli-Uyghur

Il caso della Gauthier è molto grave, per le tante implicazioni non ultima perchè si tratta di una giornalista francese che diventa il simbolo di quelle libertà di espressione contro le quali il terrorismo islamico si è scagliato con le stragi di Charlie Hebdo e del Bataclan.

Il suo BLOG :http://www.ursulagauthier.fr/la-chine-et-les-attentats-a-paris/

 

Cina, Xi Jinping ordina di fare figli

Tra nove mesi potrebbero esserci 200 milioni di bambini neonati in Cina. Sarà l'effetto della "liberalizzazione" del secondo figlio, voluta da Xi Jinping al termine della sessione del 18° Comitato Centrale del Partito che ha lanciato il nuovo piano economico quinquennale.

Il divieto (con deroghe) di fare più di un figlio era stato introdotto nel 1977 per far fronte alla crescita demografica incontrollabile. Ciò non ha impedito alla popolazione di raggiungere la cifra ufficiale di 1.368.000.000 alla fine del 2014.

Ma l'economia va male e il governo sta provando in tutti i modi di raddrizzare una situazione che sembra essergli sfuggita di mano.

Nonostante la svalutazione, l'abbassamento dei tassi di interesse, l'aumento del debito pubblico, l'aumento dei crediti bancari e l'iniezione di liquidità, l'economia non cresce e i capi del partito, che un anno fa promettevano il "sogno cinese" ora temono i contraccolpi sociali e la crisi.

Più figli per combattere la crisi, è la nuova parola d'ordine, e i mass media di regime si sono già scatenati nell'incitare alla "corsa al figlio", magnificando l'opportunità.

Quali possano essere le conseguenze reali di questo provvedimento nessuno è in grado di prevederlo.

La società cinese è una realtà molto più complessa di quella di 40 anni fa: l'impatto delle trasformazioni sui costumi sociali non è paragonabile a nulla di quanto sperimentato in altri paesi. Un tentativo di controllo demografico su una scala così vasta come quella cinese non ha precedenti.

1) La popolazione cinese è relativamente invecchiata e quella in età di lavoro è diminuita da 940 del 2012 a 930 milioni nel 2014. Ma parallelamente la Cina sta pianificando una introduzione massiccia della robotica nelle fabbriche, in un sostituzione di una manodopera ormai più costosa di quella dei paesi rivali come il Vietnam.

2) Nel breve termine la politica del secondo figlio può generare un aumento dei consumi di alcuni generi, ma determina aspettative inflazionistiche che nel breve termine potrebbero accentuare le tensioni sociali già latenti tra la popolazione.

3) C'è il rischio di una "bolla demografica" creata artificialmente dal governo, come un anno fa venne creata la bolla del mercato azionario, poi scoppiata all'inizio dell'estate.

Ma la speculazione di borsa è cosa ben diversa dalla speculazione sui figli.

La Cina è un paese già oltre i limiti dello sfruttamento delle risorse naturali, dell'inquinamento e degli squilibri ambientali di ogni genere.

E' come un barcone sovraccarico su cui si affollano altre persone. Basta una piccola oscillazione per farlo capovolgere.

 

 

La Cina di Xi Jinping si copre di ridicolo

 

Una serie di esplosioni in due giorni provocano dieci morti accertati e decine di feriti.

 Accade nella regione povera del Liucheng, nel sud della Cina. Sugli organi ufficiali di partito non trapelano dettagli dell'accaduto. La censura rimuove tutto.

 La polizia annuncia che le esplosioni sono state causate da pacchi bomba confezionati e distribuiti da un unico attentatore, che sarebbe morto nell'ultima esplosione. Viene descritto come un attentatore solitario:

Da South China Morning Post: "The sole suspect in a series of deadly parcel bomb attacks in Guangxi has been confirmed dead in one of Wednesday’s explosions, Xinhua reported on Friday, citing Liuzhou city polic . Police in Guangxi said the blasts were carried out by 33-year-old Wei Yinyong, and DNA tests had confirmed his remains were at one of the blast sites, the report said. No other suspects were named in the report.

The county of Liucheng was rocked by a series of blasts this week – 17 on Wednesday afternoon and one the next morning, which together claimed 10 lives and injured 51 people."

Un uomo solo avrebbe organizzato e portato a termine 18 attentati, spinto dalla rabbia.

"Wei’s brother and father told the South China Morning Post on Friday that Wei was frustrated when protesting villagers forced the closure of the quarry and the local authorities failed to negotiate a solution.

His quarry was smashed for a reason . Wei had been the manager of the Zhihao Stone Quarry since it opened in 2003. The quarry was named after its founder Wei Zhihao, who became Wei’s father-in-law in 2009. The quarry had a major upgrade in 2010, with both men taking out bank loans to buy more than a million yuan’s worth of equipment, according to Wei’s brother, who would only identify himself as Luo."

 Le autorità cinesi hanno censurato la notizia sui principali organi di informazione, sfidando il senso del ridicolo.

 Più leggiamo di queste notizie e più cresce l'inquietudine su come sia governato il più popoloso paese del mondo. In Cina non c'é dissenso, non c'é censura, ma solo una grande armonia disturbata da gesti isolati : http://news.xinhuanet.com/english/2015-10/01/c_134678705_2.htm

Pechino la parata di regime del V Day

Il licenziamento collettivo di 300.000 militari dell'Esercito del Popolo annunciato da Xi Jinping durante il discorso per il 70 V-Day a Pechino.

Cosa fanno i regimi autoritari quando inizia a serpeggiare aria di crisi ? Organizzano una grande parata militare, per fare mostra di forza, stabilità serenità e convincere i sudditi che le cose vanno bene e andranno meglio.

La Cina non sfugge a questa regola, già applicata da Putin con il VDay a Mosca nel maggio scorso, e per questo ha deciso di commemorare i 70 anni dalla fine della II Guerra Mondiale con una enorme sfilata militare a Pechino che dovrebbe nelle intenzioni di Xi Jinping segnare la ripresa della fiducia nell'immagine del potere.

 V-DAY china

Ma negli ultimi tempi le intenzioni dei governanti si sono spesso trasformate in clamorosi boomerang, accrescendo nell'opinione pubblica la sensazione di scarsa affidabilità da parte degli apparati. L'esplosione di Tianjin e soprattutto le mezze verità, le censure e le omissioni che ne sono seguite hanno accelerato la caduta di immagine.

 

La parata di Pechino in Tiananmen è stata gestita direttamente da Xi Jinping (alimentando le voci di una futura estromissione o di un ridimensionamento del Primo Ministro Li Keqiang) e sarà ricordata soprattutto per le misure adottate per manipolare la scenografia dell'evento.

 

Dalla metà di agosto sono state introdotti divieti di circolazione ai veicoli e chiusura di fabbriche con particolari emissioni per far “ripulire” l'aria fetida di Pechino e consentire agli invitati di tutto il mondo di vedere il cielo sereno.

 china V-day 2015

Il mercato azionario in calo continuo da luglio è stato sostenuto da misure straordinarie per limitare la discesa e non turbare troppo !! i mercati finanziari mondiali.

E' stata concessa una larga amnistia discrezionale per reati di varia natura, mentre dall'altra parte si è messo in moto un gigantesco apparato di “sicurezza” con arresti di decine di persone sospettate di attività antiregime – soprattutto avvocati e giornalisti.

Si è costruita la tesi di una partecipazione decisiva delle forze militari cinesi alla Seconda Guerra Mondiale piegando la storia ad esigenze di potere e soprattutto di politica internazionale, nel tentativo di mandare messaggi espliciti o cifrati al Giappone – che nel V DAY è il grande sconfitto del 1945 – e agli altri paesi dell'est asiatico con i quali i rapporti ora sono pessimi, a cominciare dal Vietnam e le Filippine.

Per qualche giorno il cielo di Pechino sembrerà azzurro e non ci saranno esplosioni di depositi tossici.

Che la parata (di regime) inizi, ovviamente con “il Discorso del Presidente”, parafrasando il saggio di Oliver Sacks ne “L'uomo che scambiò sua moglie per un cappello”

 

 

Silurato Li Keqiang con l'onore delle armi

Li Keqiang

Il siluramento di Li Keqiang, capo del governo cinese e numero due - dopo Xi Jinping - della nomenclatura, inizierà dopo la parata militare che si terrà a Pechino il 3 settembre prossimo per commemorare i 70 anni della vittoria contro il Giappone.

L'avvenimento del 3 settembre è troppo importante per il sistema di potere e le voci sulla destituzione di Li Keqiang metterebbero in secondo piano la sfilata di missili e burocrati, in un momento in cui la crisi economica ha già messo a nudo i vizi del sistema e i pericoli di reazioni imprevedibili.

Il ridimensionamento e il successivo siluramento del primo ministro, preannunciato dal Financial Times,  hanno due cause principali concomitanti:

1) La gestione della crisi economica e finanziaria, con la svalutazione dello yuan e il crollo della borsa di Shanghai, hanno evidenziato una grande confusione e approssimazione nel modo in cui sono stati affrontati i problemi. Li Keqiang viene indicato come il principale responsabile di quanto accaduto.

2) Una catena di episodi ed incidenti, ultimo dei quali l'esplosione di Tianjin, con lo strascico di polemiche sulla corruzione e la superficialità con cui vengono causati gestiti, anche agli occhi dell'opinione pubblica.

Sono sempre più frequenti le notizie di manifestazioni di dissenso e di scherno contro i politici al potere, e la censura non riesce più a tenerle nascoste.

Li Keqiang ha avuto come principale sponsor politico nella sua ascesa al potere il precedente capo del governo Hu Jintao, ritiratosi dalla scena pubblica ma tornato al centro dell'attenzione per un'inchiesta di corruzione a carico di un suo assistente. L'inchiesta potrebbe aver rivelato particolari che coinvolgerebbero anche Li Keqiang.

La "testa" del Primo Ministro dovrebbe servire al Presidente Xi Jinping per allentare le critiche e le pressioni sulla sua gestione, a circa un mese dalla visita negli Stati Uniti.

Sarà quella l'occasione per annunciare il siluramento di Li Keqiang ? Per ora tutto tace, anche per evitare di accrescere il già alto livello di caos a Pechino.

E' quasi certo che il futuro Primo Ministro cinese sarà indicato direttamente da Goldman Sachs.

__________________________

CAOS cinese o globale?

La guerra delle valute non è una novità. Da almeno cinque anni, a fasi alterne, è il principale strumento di politica monetaria, utilizzato dalle banche centrali su richiesta dei governi per cercare di far ripartire il modello economico inceppato dalla crisi del 2008.

Prima gli USA, poi il Giappone, l'Europa e via via tutti, fino allo Zimbabwe, sono scesi in campo per svalutare la propria moneta a danno delle altre, perché ovunque si produce troppo, si consuma poco e ci si indebita tanto.

La Cina ha utilizzato per 20 anni l'arma della svalutazione per invadere il mondo con i suoi manufatti, poi ha deciso, per motivi non tutti compatibili tra di loro, di "peggarsi" al dollaro USA, mantenendo una sorta di cambio fisso manipolato dalla banca centrale.

Il motivo della scelta, in gran parte voluta e ribadita dal nuovo corso di Xi Jinping e Li Keqiang, risiedeva nella convinzione di poter uscire dallo status di paese finanziariamente anomalo e arretrato e di poter competere o addirittura condizionare le economie avanzate, con un occhio fisso al nemico Giappone.

Ma i progetti del governo cinese sono naufragati in un mare di debiti e di corruzione politica-finanziaria, nella crescita delle disuguaglianze e della necessità di mantenere un ordine sociale preordinato, dovendo comunque assecondare una parte delle spinte interne e soprattutto esterne: per farsi accettare dal FMI nel club dei paesi con una moneta "forte" e di riferimento, la Cina ha dovuto rendere meno evidente la manipolazione del cambio con le altre valute e nascondere il rallentamento della crescita esponenziale con i dati farlocchi sul PIL.

I governanti si erano illusi di poter realizzare in modo indolore la svolta economica presa a modello dalle economie occidentali, passando da un sistema basato essenzialmente sulla produzione di manufatti e opere pubbliche statali ad uno basato sui servizi e sui consumi interni. Si erano illusi di realizzare in pochi anni quel cambiamento che il capitalismo ha impiegato più di cent'anni a fare in occidente, non in maniera indolore ma con forti scosse sociali e politiche.

Negli ultimi mesi le illusioni si sono rivelate, prima con il crollo dei mercati azionari - massacrando milioni di piccoli risparmiatori semianalfabeti - e ora con la necessità di ammettere la svalutazione dello yuan come possibile arma nella guerra delle valute.

Quello che preoccupa i banchieri centrali non è tanto la dimensione della svalutazione, piuttosto le modalità caotiche e velleitarie con cui è stata annunciata, smentita, riproposta. I governanti cinesi stanno dando un'immagine inquietante di se stessi, e per gli speculatori una situazione caotica e confusa equivale al massimo rischio possibile, da evitare con ogni mezzo.

Anche la Federal Reserve non sa cosa fare, di fronte al dilettantismo cinese. La manipolazione dei mercati finanziari e il sequestro dei risparmi hanno bisogno di professionalità e collusioni che la Fed si è costruita in decenni di duro lavoro.

 

 

Xi Jinping ha messo milioni di cinesi nelle mani degli speculatori

Anche i pensionati diventeranno polli speculatori:  "The CSRC also said that it would guide more long-term funds to invest in the stock market. An official draft guideline on Monday gave pension funds the nod to invest in the stock market." (Xinhua 3/7/2015)

Alla fine del 2013 il Plenum del Partito Comunista Cinese guidato da Xi Jinping lanciava il piano per "riformare" la società e l'economia: ordine, sviluppo, serenità, un quadro della società sulla falsariga dell'America anni 50-60, e Xi Jinping copiò lo slogan "chinese dream" per rafforzare l'immagine di una Cina middle class.

Ma nel corso del 2014 l'economia ha iniziato a perdere colpi, per fattori interni (il peso di un indebitamento enorme delle amministrazioni locali, la corruzione,  e il costo del lavoro crescente) e internazionali.
La promessa del "sogno cinese" cominciava a farsi difficile da mantenere, bisognava inventarsi qualcosa.

Nell'autunno del 2014 viene trovata la soluzione: trasformare i cittadini, anche quelli più poveri, in investitori di borsa, facendoli arricchire e "sognare" con guadagni mai visti in decenni di duro lavoro.

Dopo anni di cali e stagnazione delle quotazioni, improvvisamente i titoli di Shanghai cominciano a salire ad un ritmo vertiginoso, e piano piano, attratti dai commenti dei mass media su come guadagnare in modo facile e sicuro, milioni di persone aprono "conti di trading" presso società di brokeraggio spuntate come funghi, investono i risparmi di una vita o prendono a prestito denaro per "giocare in borsa".

Due sono i punti fermi propagandati dai mass media: 1) guadagnare in Borsa è facile 2) le perdite sono praticamente impossibili perchè il Governo e la Banca Centrale non lo permetteranno.

In un anno l'indice di SHANGHAI sale del 150 %  e ogni volta che si manifesta qualche incertezza o timore, la Banca Centrale e gli apparati finanziari intervengono a sostegno.
Le quotazioni delle aziende arrivano a valere 100 volte più dei profitti attesi, il fiume di denaro che si riversa nelle speculazioni non ha confronti neanche con i mercati più "evoluti".
Ogni qualvolta una cassandra cerca di mettere in guardia dai rischi di bolla speculativa, la borsa riparte con maggiore intensità.

Ormai è evidente che il Governo ha trovato il modo per far crescere "il sogno cinese" e sulla stampa di regime si compongono idilliaci quadretti di contadini analfabeti impegnati a comprare azioni, piccoli artigiani o commercianti che passano più tempo sul computer che non a bottega.

Per tenere in vita il sogno, il ministero dell'Informazione arriva a chiedere ai mass media di non diffondere notizie critiche nei confronti dei mercati azionari (vietato parlare di crolli e diffondere panic selling).

Ma poi arriva il momento in cui la bolla scoppia ...

China stocks plunge Thursday despite favorable policies  

English.news.cn   2015-07-02 16:18:44
The benchmark Shanghai index shed 24.29 percent over the course of more than two weeks. It nosedived 7.4 percent on June 26, the sharpest daily drop since June 10, 2008. The slump continued despite a raft of government easing measures. The central bank cut interest rates and the reserve requirement ratio over the weekend. An official draft guideline on Monday gave pension funds the nod to invest in the stock market. On Wednesday night, several favorable policies were rolled out in response to the plunging stock market, which has been on a more than two-week losing streak. 

The two exchanges, and China Securities Depository and Clearing Company announced that transaction fees and transfer fees would be reduced on the Shanghai and Shenzhen stock exchanges. China Securities Regulatory Commission (CSRC), the securities watchdog, announced that stock brokerages were allowed to issue bonds to widen funding channels. The previously strict rules on margin trading business of brokerages were also relaxed by the CSRC.

 

... ed è troppo tardi per uscire dalla trappola: gli unici che ci guadagnano sono le banche, le "banche ombra" e le migliaia di broker che procacciano clienti da far entrare nel gioco. Le autorità cinesi confidano di avere la capacità di controllare la situazione ed impedire il degenerare della bolla speculativa o del crollo finanziario. Ma fino a quando ? E se fossero anch'esse prigioniere degli speculatori?

La Cina che affonda nello Yangtze River

L'immagine di Xi Jinping con gli operai dei cantieri navali una settimana prima della tragedia dello Yangtze.

 

L'affondamento del traghetto Eastern Star nel fiume Yangtze - 440 morti - si sta trasformando in un atto d'accusa contro il sistema mediatico cinese, nonostante i goffi tentativi di censura delle autorità politiche.

Dalle ricostruzioni frammentarie che trapelano si fa strada l'ipotesi che non si sia trattata di una sciagura causata dal maltempo - un uragano improvviso sulla zona - bensì di un ribaltamento dovuto ad un guasto o alla mancata manutenzione dello scafo o ad una manovra improvvisa. Il traghetto era in servizio da circa 20 anni.

Le condizioni meteorologiche al momento della tragedia registravano venti a 110 km l'ora e violenti scrosci di pioggia: condizioni difficili ma non così estreme da giustificare il ribaltamento improvviso, secondo la testimonianza di uno dei sopravvissuti.

Il fatto che il capitano della nave e il capo tecnico siano tra i sopravvissuti indica che forse avevano presagito quanto stava per accadere e si siano potuti mettere in salvo, mentre a tutti i passeggeri era stato dato l'ordine di rimanere nelle cabine o nelle sale interne.

Il governo cinese ha immediatamente alzato una barriera mediatica attorno alla tragedia e gli unici reportage fatti filtrare riguardavano "l'impegno dei soccorritori" e la presenza del primo ministro  Li Keqiang per "coordinare i soccorsi". " Immediately after the ship capsized, propaganda authorities forbid media organizations from sending reporters to the scene, and ordered all coverage to follow the lead of official media outlets. Premier has been overseeing rescue efforts in Jianli, Hubei this week, but with so few successful recoveries, his own presence has attracted a large amount of official coverage." - China Digital Times

I parenti delle vittime sono stati tenuti lontani dal luogo dell'affondamento, e la polizia ha disperso ogni loro assembramento. Il loro dolore si univa alla semplice richiesta di conoscere la verità: cosa è successo quella notte ? è possibile che nessuno abbia lanciato un allarme sulle condizioni meteo ? è possibile che per alleggerire la pressione della pioggia sulla diga dello Yangtze si sia creata un'onda anomala ?

Se si è trattato di un disastro imprevedibile, perché nascondere immagini e notizie ? La Cina è un paese che ha paura di informarsi e raccontarsi simili tragedie. Meglio le immagini rassicuranti dei capi partito a fianco del popolo operoso ed ubbidiente.

 

Il fallimento di Xi Jinping

Il dodicesimo congresso del Partito Comunista Cinese prende atto del fallimento delle promesse di Xi Jinping. 

L'economia rallenta (le cifre ufficiali non riescono a nascondere le dimensioni della crisi), i debiti delle imprese e delle amministrazioni locali aumentano, la lotta alla corruzione nasconde le lotte di potere interne al partito, e la "grande campagna contro l'inquinamento" censura un video contro l'inquinamento. Il Wall Street Journal pubblica una catastrofica previsione.

Ma anche la censura inizia a non funzionare come si deve, se è vero che questo video - Under the Dome di Chai Jing - è stato visto da almeno 100 milioni di cinesi prima di essere bloccato.

"Un giorno lascerò questo mondo, ma mia figlia vivrà ancora su questo pianeta. È per questo che me ne preoccupo. Ecco perché lo guardo allo stesso modo in cui guardo voi. Ecco perché lo proteggerò come proteggo voi."

 chai jing

 

PaginaInizio.com

 

z35W7z4v9z8w

Lily Chang o Wen Ruchun ?

A nessuno può interessare come si chiama davvero la figlia dell'ex premier cinese Wen Jiabao. Ma sembra che ai microblog cinesi interessi molto, dopo che la censura di regime ha censurato la notizia. La controversia sul nome della figlia dell'ex premier riguarda l'indagine sulla corruzione operata da parte di JPMorgan nei confronti dei leader politici cinesi, per il tramite di un'azienda gestita da Wen Ruchun, alias Lily Chang.

Un'indagine che dura da diverso tempo e ancora non ha portato ad alcuna conclusione. L'ennesima scoperta dell'ennesimo scandalo non avrebbe meritato l'attenzione se non si fosse verificata la censura immediata su tutta la rete Internet cinese di qualsiasi discussione riferita alla figlia del potente ex premier.

All'indomani del Terzo Plenum del Partito, di cui filtrano le decisioni su "storiche Riforme" elaborate da Goldman Sachs e JPMOrgan, che la nuova leadership di Xi Jinping cerca di accreditare, desta perplessità il fatto che l'apparato del partito cerca di soffocare le notizie sulle collusioni tra burocrati e finanza speculativa. Va bene le riforme, va bene far nascere qualche decina di milioni di cinesi in più rimuovendo le norme sul figlio unico, ma l'uso della censura non può essere messo in discussione. Crescete e moltiplicatevi, ma non fatevi troppe domande su Lily Chang.

 

censura su lily chang

Zhi Xian Party apre il Plenum Cinese

Zhi Xian Party apre il Plenum Cinese

La vera notizia all'apertura di uno "storico" Plenum del Partito Comunista Cinese è la nascita di un partito (clandestino?) in Cina il cui ispiratore sarebbe addirittura Bo Xilai, ex potente dirigente del Partito, caduto in disgrazia, arrestato e condannato al carcere a vita per un oscuro intrigo di potere.

Il nome del partito di Bo Xilai è tutto un programma: Zhi Xian Party, "La Costituzione è la suprema autorità"

Per il "riformista" Xi Jinping si tratta di un ulteriore (piccolo?) campanello d'allarme, dopo gli strani attentati dei giorni scorsi.

Lo Zhi Xian Party potrebbe trovare simpatie in numerosi ambienti del Partito dove la compattezza di facciata inizia a vacillare. Recentemente alcuni articoli (People Daily) mettevano in guardia il Plenum dal contrapporre le future "riforme" al riconoscimento delle origini maoiste.

Se il partito di Bo Xilai ha davvero un seguito nella società civile cinese, potrebbe essere l'inizio di una svolta dagli esiti imprevedibili.

Oppure qualcuno negli USA sta mettendo alla prova le fanfaresche dichiarazioni di svolte, riforme ed aperture di mercato di Xi Jinping? La NSA ha intercettato qualcosa?

Quanto è corrotta la Cina?

chinese protestersInizia tra qualche giorno a Pechino il processo contro Bo Xilai, uno dei massimi dirigenti del Partito Comunista Cinese e dell'apparato di governo.

Bo Xilai all'inizio del 2012 è al centro di una vicenda oscura, quasi un film di azione, con l'amante della moglie ucciso, la moglie ricca e potente arrestata, il capo della polizia del distretto amministrato da Bo Xilai che si rifugia presso l'ambasciata USA e poi viene arrestato.

I capi di accusa contro Bo Xilai sono : corruzione, appropriazione indebita, abuso di potere. Bo Xilai sarà sicuramente condannato e la sua vicenda sarà utilizzata per dimostrare che il nuovo Presidente Xi Jinping è determinato a portare avanti la lotta contro la corruzione, vera piaga del sistema finanziario, sociale e politico cinese, e fonte di continue proteste da parte della popolazione vessata dai burocrati, soprattutto quelli che hanno il potere di decidere sulla vendita dei terreni alle lobby di costruttori e di coprire l'attività dei prestasoldi (usurai) locali.

Mentre inizia il processo Bo Xilai, un'altra indagine rischia di far emergere uno scandalo di proporzioni vaste ed internazionali: la banca USA JP Morgan è sotto inchiesta per le assunzioni di figli di politici e funzionari cinesi che avevano l'unico scopo di acquisire "benevolenze - cioè affari - che altrimenti sarebbero stati assegnati ad altri.

Le indagini sono svolte dalla SEC e riprese da alcuni giornali americani "The New York Times, which first reported the probe late Saturday, said that J.P. Morgan hired the son of a former Chinese banking official who is currently the chairman of the China Everbright Group, a financial conglomerate. After the son joined the bank, J.P. Morgan won several lucrative deals from Chinese companies. ...".

Si tratta ovviamente di una goccia nell'oceano sconosciuto del fenomeno "corruzione" in Cina, ma è singolare anche se casuale la concomitanza del processo Bo Xilai.

I vertici cinesi che cercano di accreditarsi agli occhi dell'opinione pubblica come fustigatori del sistema corruttivo hanno dato ordine ai giornali di regime di censurare la notizia dell'inchiesta su JP Morgan.

Forse qualche figlio del "nuovo corso riformista" lavora alla succursale di Hong Kong della Banca USA, oppure in qualche agglomerato finanziario cinese everbright, dove possono  fare da tramite per speculazioni, manipolazioni di mercato,  e affari lucrosi nel campo dell'edilizia, delle infrastrutture pubbliche, dell'energia, dei trasporti, delle telecomunicazioni, dei derivati finanziari, della salute pubblica ecc ecc. 

Quanto è vasta e ramificata la corruzione in Cina ? Tanto, oltre ogni immaginazione.