Il dio QE non esiste, i banchieri sono imbroglioni e Yellen è in trappola

La tempesta sui mercati azionari e commodity di tutto il mondo è un violento avvertimento alla Federal Reserve e alle altre banche centrali: “questo è quello che accade se pensate di smettere di stampare denaro (QE) o di alzare i tassi da zero, (ZIRP) fosse pure di una quantità simbolica ed insignificante”.

Se questa interpretazione sulle cause della tempesta finanziaria è vera non ci sarebbe da preoccuparsi più di tanto. Non appena la Yellen e i suoi colleghi avranno raccolto il  messaggio e capito l’antifona, tutto tornerà come prima, e anzi ci sarà da guadagnare ancora di più. 

La Banca centrale cinese non dovrà fare altro che immettere nuova liquidità nel sistema ( il QE alla cinese invocato a gran voce dai keynesiani di tutto il mondo) e consentire alle banche di erogare ancora più prestiti. Se la Cina riparte, anche il resto del mondo si rimette in moto, sentenziano i premi Nobel dell'economia.

Il messaggio è esplicito: il QE ha funzionato in passato e perché non dovrebbe funzionare anche ora ? Il QE, direbbe Draghi, è una fede e non si discute.

Questa è la versione ottimista della “improvvisa” tempesta di agosto, alimentata anche dalla crescente perdita di fiducia nelle capacità di “guida e pianificazione” del governo cinese. 

 Una testimonianza a favore di questa tesi è giunta nel corso del "Lunedì nero” delle borse: quando Wall Street ha raggiunto una perdita di 1000 punti – oltre il 6% - è entrata in azione la “squadra di salvataggio” della Federal Reserve che ha iniziato a comprare azioni per far salire l’indice azionario, di concerto con i network finanziari che passano le veline della Apple.

In conclusione, secondo questo punto di vista, la speculazione ha sotto controllo tutte le leve di funzionamento, tiene sotto scacco l’economia reale e i politici, e trova modo di guadagnare anche dalle tempeste, che non sarebbero reali ma frutto di effetti cinematografici  fatti apposta per impressionare chi di dovere.

C'è però un'altra lettura, più grigia e inquietante. La crisi dei mercati è l’esplosione di una bolla, anzi di tante bolle gonfiate per diversi anni dalle politiche “espansive” delle banche centrali, denominate QE, ZIRP e NIRP . 

La dimostrazione di confusione e scarsa capacità tecnica da parte delle autorità cinesi è solo l’esempio di una difficoltà generale, dall'Asia all'America Latina, a governare un fenomeno cresciuto sia per dimensioni che per complessità.

Le figuracce accumulate dai cinesi (manovre azzardate, passi indietro e bugie grossolane per nascondere la realtà della crisi economica) potrebbero tra qualche settima coinvolgere anche gli altri “onnipotenti” banchieri, a cominciare dalla Yellen.

I mercati crollano perché la Federal  Reserve non stampa più dollari da circa un anno, dopo averne stampati più di 4 trilioni, e quindi scarseggia la materia prima con cui speculare.

 La conclusione di questa ipotesi in apparenza è uguale alla precedente, cioè la richiesta alle Banche Centrali di più QE, ma contiene anche un fosco presagio: prima o poi il mondo si accorgerà che il QE non serve a creare più imprese e più lavoro, come sostengono Draghi, Kuroda e Yellen, ma solo ad inflazionare la finanza e a far crescere la bolla della speculazione nei marcati finanziari. 

I profitti di gran parte delle aziende quotate in borsa, in particolare quelle americane, non provengono solo dalla vendita di merci e servizi ma anche dai buyback azionari, cioè l'acquisto delle proprie azioni facendone aumentare il valore e incamerando i dividendi. E’ una sorta di economia parassitaria che sostituisce quella produttiva e che si avvantaggia del flusso continuo di denaro immesso nel sistema dalle Banche Centrali. Se il flusso si riduce o cessa, il gioco si inceppa, ed è necessario liquidare il più presto possibile le posizioni acquistate per non perdere il capitale guadagnato.

In sintesi, il dio QE può aiutare solo l'1% della società, mentre il restante 99% è costretto a pregare senza ricavarne benefici concreti. Questa opinione non circola negli ambienti anarcoidi o nelle diocesi di Papa Francesco : e’ la verità temuta dai banchieri centrali, e svelata in un white paper che la Federal Reserve di St. Louis ha pubblicato a pochi giorni dal raduno annuale di Jackson Hole, farà discutere e metterà in lieve imbarazzo alcuni partecipanti.

Nel paper - Current Federal Reserve Policy Under the Lens of Economic History: A Review Essay - si sostiene che i famosi QE di Bernanke, copiati  in tutto il mondo e in particolare in Giappone e in Europa, sono stati ininfluenti  ai fini del raggiungimento degli obiettivi di inflazione e crescita.

Nella migliore delle ipotesi, le politiche di QE (stampa di moneta mediante acquisto di titoli da parte della banca centrale)  e di ZIRP (tassi di interesse a zero) hanno consentito di tenere in vita alcuni settori economici, rimpinguare le banche e favorire il boom dei titoli azionari.

Il documento della FED di St Louis ha un valore mediatico ben superiore a quello che gli autori si immaginavano, perché sia in Europa che in Giappone gli ultimi dati economici sono stati deludenti  nonostante i trilioni di euro e yen stampati da Draghi e Kuroda nell’illusione che fossero sufficienti per far ripartire la produzione e l’occupazione, accendendo la cosiddetta “inflazione benefica”.

In definitiva l’analisi degli economisti FED inizia ad incrinare il dogma del dio QE imperante negli ultimi 6 anni. 

There is no work, to my knowledge, that establishes a link from QE to the ultimate goals of the Fed inflation and real economic activity. Indeed, casual evidence suggests that QE has been ineffective in increasing inflation. For example, in spite of massive central bank asset purchases in the U.S., the Fed is currently falling short of its 2% inflation target. Further, Switzerland and Japan, which have balance sheets that are much larger than that of the U.S., relative to GDP, have been experiencing very low inflation or deflation.

 Non poteva esserci momento peggiore per la Yellen, che tra un mese è chiamata a un evento più rituale che sostanziale: decidere se aumentare da ZERO  a 0,25 i tassi di interesse ! 

Anche questo sarà un evento mediatico surreale. Nessuno si  getterebbe dal balcone se il tasso del suo mutuo aumenta di  0,25%, eppure i mercati finanziari fanno finta di essere in grande apprensione per la possibile “svolta della Federal  Reserve” che li aveva abituati dal 2006 a non aumentare mai i tassi.

 Ma il dibattito attorno al “NON evento” dello 0,25 dimostra in realtà:

1) La Federal Reserve è prigioniera del meccanismo speculativo messo in moto da essa stessa con il QE;

2) La  Federal  Reserve  ormai è consapevole dell’ inutilità della sua politica monetaria e dei danni che sta provocando all’economia reale;

L’aumento di 0,25 fa paura ai mercati non per la sua consistenza quanto perché sarebbe l’inizio di una marcia indietro del modello concettuale introdotto da Bernanke e magnificato dai banchieri di tutto il mondo. Sarebbe la fine delle vacche grasse per i titoli azionari e per  i bond emessi dalle imprese, per i profitti realizzati con i buyback, la vendita di auto a rate ai subprime e l’iscrizione ai college costosissimi .

0,25 è un sassolino che rischia di inceppare e disvelare  l’intero apparato propagandistico finanziario.

3) Yanet Yellen è in pieno Comma 22: 

Se aumenta di 0,25 i tassi, i mercati crollano e si trascinano  anche l’economia reale, già asfittica. In tal caso la FED verrebbe incolpata della recessione che ne scaturirebbe.

Se NON aumenta i tassi, non potrà farlo per almeno un altro paio di anni, perché comunque il rallentamento dell’economia è già in corso e non ci sarebbero altre “finestre” utili per alzare i tassi (nel 2016 c’è la campagna presidenziale USA).

 

Alan Greenspan ex capo della Federal Reserve e guru indiscusso dei mercati prima di Bernanke, il 18/8/2015 ha dichiarato a Bloomberg:

“We have pressed the interest rates well below normal for a protracted period of time and the danger is they will come up to back up to where they have always been,” the former Fed chairman said. “There are two possibilities. Either we move slowly back to normal, or we do it in a fairly aggressive manner. History tells us it’s the latter which tends to be more prevalent than the former,” Greenspan said. The market impact will be “not good” , he said.

Anche altri tecnici autorevoli ormai chiedono il superamento delle politiche "non convenzionali" del passato perché gli effetti collaterali dannosi superano i benefici immediati.

Il dilemma di Yellen prima o poi  riguarderà anche Mario Draghi. Il suo QE non funziona, perché il PIL europeo del secondo trimestre si misura in decimali, la deflazione aumenta, la disoccupazione non cala.

E neanche i tassi sottozero funzionano, se non a sequestrare i risparmi dei cittadini a vantaggio delle banche.

Il costo finale del QE di Draghi sarà di oltre mille miliardi di euro e saranno “ininfluenti” per l’economia reale. Parola di Federal Reserve.

Per impedire che questa semplice verità si diffonda nell'opinione pubblica e faccia crollare la fede indiscussa nel dio QE, è utile agitare lo spauracchio del crollo dei mercati. Ma attenti a non agitare troppo, perchè qualcosa potrebbe frantumarsi irrimediabilmente.