Un altro missile di Kim Jong-un, Trump accusa Cina e Russia

Come previsto, la Corea del Nord ha lanciato un altro missile a medio raggio che ha "scavalcato" il Giappone, con una gittata in grado di colpire la base USA di Guam.

 

 

La novità questa volta sta sia nella reazione della Corea del Sud che ha lanciato a sua volta un missile finito in mare ma con una gittata che avrebbe potuto colpire l'aeroporto vicino Pyongyang, sia nella accusa esplicita degli Stati Uniti nei confronti di Cina e Russia, che secondo Trump-Tillerson non fanno abbastanza per isolare il dittatore nord-coreano.

Il vero incubo dei giapponesi è rappresentato da un attacco missilistico contro le più di 50 centrali nucleari dislocate sul territorio del Sol Levante.

FUKUSHIMA il disastro che il Giappone nasconde

A cinque anni dallo tsunami devastante, il disastro di Fukushima è ancora in attesa di soluzioni. Ci vorranno altri 50 anni per il decommissioning dell'impianto, mentre centinaia di tonnellate di rifiuti e acqua contaminata vengono "dispersi" nell'Oceano con danni incalcolabili che il Giappone scarica sul resto dell'umanità e dell'ecosistema

http://www.scientificamerican.com/article/5-years-later-the-fukushima-nuclear-disaster-site-continues-to-spill-waste/

 

 “The Fukushima Nuclear Disaster is a Serious Crime”: Interview with Koide Hiroaki 福島核災害は明らかに深刻な犯罪である—小出裕章氏に聞く Katsuya Hirano, Hirotaka Kasai March 8, 2016 Volume 14 | Issue 6 | Number 1 Translation by Robert Stolz Transcription by Akiko Anson - See more at: http://apjjf.org//2016/06/Hirano.html#sthash.XykDiP4n.dpuf

ABE, la farsa della democrazia

Il Giappone vota per incoronare il metodo ABE - ABENOMICS - in quelle che saranno le elezioni con il minor afflusso di elettori nella storia giapponese.

La Camera Bassa è stata sciolta un mese fa da Abe per consentirgli di chiedere ai giapponesi : "se volete che NON vi aumento le tasse sul consumo (IVA) votatemi".

I giapponesi risponderanno alla chiamata di Abe in modo scontato, ma con una astensione record, che potrebbe sfiorare il 45%. Già nelle elezioni vinte da Abe nel 2012 si era verificato un forte calo di votanti (da circa 70 milioni a 58).

Il voto giapponese sarà una ulteriore dimostrazione della divergenza tra politica e società, che riguarda tutti i continenti dall'Europa all'Asia passando per l'America.

Il fenomeno della "inutilità" della democrazia, cioè della partecipazione e della scelta, in un sistema globalizzato ed uniforme di manipolazione, imposizione del consenso, controllo e repressione poliziesca, scelte economiche improntate alla distruzione del lavoro, al sequestro del risparmio, alla massimizzazione dei profitti e delle rendite.

L'astensione non è certo un fenomeno consapevole ed organizzato, ma la risposta crescente ed inconsapevole ad una domanda banale: "perché chiedermi di votare, se le decisioni sono state già prese ed imposte ?".

Come ha fatto Abe in Giappone, prima rinviando l'aumento delle tasse (necessario a limitare la crescita del gigantesco debito pubblico giapponese sotto il 250% del PIL) e poi chiamando gli elettori a rafforzare la sua decisione. E in ogni caso, prima che fossero evidenti i segni del fallimento della ABENOMICS: dopo due anni di "stimoli" (quelli che Draghi vorrebbe importare in Europa) l'economia è in recessione, le aziende chiudono ad un ritmo crescente, la corruzione e l'apatia dilagano.

Meglio votare subito, anche se in pochi, prima che anche questi se ne accorgano.

 

 

ABE è il modello: i debiti non si pagano

La Banca del Giappone, abbandonando le ultime parvenze di indipendenza dal potere politico ha deciso di "raddoppiare all'infinito" la stampa di yen, con l'obiettivo di "sconfiggere la deflazione".

In termini tecnici significa che chi è creditore verso lo Stato giapponese - il cui debito pubblico è pari al 250% del Prodotto Interno Lordo - si vedrà svalutare ulteriormente i suoi crediti. Il governo ABE, in crisi di consenso e senza aver risolto i problemi strutturali dell'economia giapponese dopo 2 anni di "abenomics", tenta la mossa della disperazione: dichiarare al mondo intero che i debiti si fanno ma non si pagano (o si ripagano con carta svalutata). Ma i creditori dello Stato giapponese sono in gran parte i giapponesi stessi, i quali non hanno scelta che aggrapparsi ad Abe, perché altrimenti dovrebbero coprire i debiti dello Stato con soldi veri, cioè tasse.

 

Lo scandalo delle Olimpiadi 2020 a Tokyo

L'assegnazione delle Olimpiadi 2020 a Tokyo, anziché Madrid o Istanbul, è una decisione scandalosa, per le motivazioni e per le conseguenze.

Nel comunicato finale si scopre che il Giappone è stato preferito alla Spagna e alla Turchia perchè ritenuto politicamente ed economicamente  più stabile e sicuro (?!).

Quanto denaro è servito per corrompere i membri del Comitato Olimpico affinchè potessero credere ad una simile falsità ?

Adesso è evidente a tutta l'opinione pubblica mondiale il motivo per cui da mesi si nascondono i veri numeri di quello che sta accadendo a Fukushima, 200 km a nord di Tokyo.

Nel 2020 in Giappone la vera "attrattiva" non saranno i Giochi Olimpici, ma un lago di 10 milioni di tonnelate di acqua radioattiva, creato per raffreddare i reattori di Fukushima che nel 2020 staranno ancora lì a buttare stronzio e cesio. Ma "Abe said the situation at the plant is under control and will never do any damage to Tokyo". Ma un documento recente della TEPCO (scarica il PDF)ammette per la prima volta l'esistenza di una perdita dall'impianto del reattore 1 ( e non solo quindi dai serbatoi di stoccaggio) che finisce nel sottosuolo e poi nell'Oceano Pacifico.


Nessuno ha informato il Comitato Olimpico che 48 ore prima  la Corea del Sud aveva vietato l'importazione del pesce pescato nelle acque ad est del Giappone?

Ed inoltre il debito pubblico giapponese, che ora è solo il 250% del PIL (forza Letta, che ne hai ancora da correre per raggiungere Shinzo Abe) nel 2020 sarà del 350%, grazie anche alle spese da sostenere per allestire i giochi.

Due "bombe" che da qui al 2020 potrebbero esplodere in qualsiasi momento. Ma i membri del Comitato Olimpico hanno ritenuto più sicuro e stabile il Giappone, data la proverbiale attitudine dei giapponesi a subire qualunque trattamento senza protestare. E per questo hanno davvero ragione. Ma non hanno fatto i conti con la natura ...

E infine Erdogan avrà un buon motivo per reprimere dissenso ed opposizione: "visto cosa succede a manifestare ? per salvare qualche albero ci avete fatto perdere l'occasione delle Olimpiadi..."


TEMPESTA PERFETTA

Una tempesta perfetta sembra stia per abbattersi sui mercati finanziari, con due mesi di anticipo sui tempi previsti. Ecco quali sono le vere turbolenze che si stanno accumulando:

1) Obama da il benservito a Bernanke, ottenendo come reazione due eventi in un solo colpo. Bernanke annuncia che prima o poi smetterà di stampare soldi per sostenere una "crescita" che non c'è;

e la sua credibilità di Banchiere Onnipotente, colui che regge tutto il peso del sistema finanziario mondiale, svanisce nel nulla. Gli speculatori sono "disorientati, orfani della Bernanke put" e nell'incertezza vendono tutto.

2) Il sistema bancario in Cina va incontro ad una crisi "Lehman style": il credito interbancario si è rarefatto, i tassi dei prestiti tra banche sfiorano il 30% (nessuna si fida dell'altra) e si attende da un momento all'altro il default di una banca.

Il governo tace, anzi smentisce, ma nessuno gli crede. Serpeggia il terrore che la fine del modello di "crescita" cinese possa provocare proteste sociali da far impallidire quanto successo in Turchia o Brasile.  

3) Il Giappone è un caso "disperante", il vero spettro della crisi mondiale, la minaccia di un nazionalismo corrotto, vecchio, retorico, cinico e incompetente, avvinghiato ad un modello di "crescita" fallito.

4) In Europa tutti ricattano la Merkel: a 3 mesi dalle elezioni la cancelliera non può far vacillare l'euro e quindi tutti gli altri paesi possono permettersi di dire quello che vogliono, cioè che riprenderanno a fare debiti per la "crescita", che chiederanno di rinviare i pagamenti in scadenza, di sfondare la soglia del 3%, "tanto non succede nulla".

5) La tempesta perfetta sta già facendo le sue prove generali nei paesi ex emergenti: le rivolte sociali in Turchia, in Brasile, in Indonesia, in Cile sono la sentenza più impietosa di condanna dei modelli di "crescita" adottati dalle tecnocrazie internazionali. Quei modelli elaborati ed imposti dalla logica del Fondo Monetario, di cui la Lagarde è il vero emblema: "Usami come vuoi".

Chi è più pericoloso ?

Giappone e Corea del Nord stanno facendo di tutto per aggiudicarsi la corsa a chi è più pericoloso.

Alle folate nazionaliste dei politici giapponesi rispondono i coreani, sparando tre missili(ni) in mare. 

I cinesi stanno a guardare: secondo il loro punto di vista la corsa la vinceranno i giapponesi...