ILVA il volto vero del jobs act di Renzi

Ricordate quando Renzi sbandierava il jobs act come un'esaltante modernità per dare lavoro ai giovani senza togliere diritti ai lavoratori anziani ? Bugie, secondo i soliti gufi contestatori e preconcetti

ilva jobs act

 

L'ILVA è il caso più eclatante e autentico che svela la cinica ragione che ha spinto il governo Renzi a stravolgere - non riformare - il mercato del lavoro.


L'ILVA - tristemente famosa per gli impianti inquinanti di Taranto - è stata acquisita dai nuovi padroni ArcelorMittal e Marcegaglia con il solito tappeto di denaro pubblico che doveva rendere "conveniente" l'affare: lo Stato si accolla gli oneri di bonifica ambientale e quelli sociali per migliaia di esuberi e tu padrone garantisci la continuità del lavoro e della produzione.


Ma chi stabilisce qual'è il margine di convenienza per il profitto industriale ? oltre al mercato ci sono le leggi e in particolare quelle sull'ambiente e sul lavoro.

Il primo nel caso dell'ILVA non ha mai rappresentato un problema: basta "pagare" le amministrazioni che dovrebbero controllare gli impatti ambientali e tutto si risolve.

Il secondo - il lavoro - grazie al jobs act di Renzi si raggira tranquillamente: licenzio tutti i dipendenti (anche quelli che sono in azienda da 20 o 30 anni) che erano stati assunti con il vecchio regime di tutele e di contratti salariali, e li riassumo con le nuove regole del jobs act, quindi licenziabili senza giusta causa e con il 30% di salario lordo in meno.

Un grande affare per ArcelorMittalMarcegaglia, che su 14.000 dipendenti ne esubera 4.000 e ne licenzia-riassume i rimanenti 10.000, ma soprattutto un segnale chiaro e forte a tutti: il jobs act di Renzi è questo, non quello, pur inguardabile, che avete visto finora.

Le "tutele crescenti" sono una favola, buona per i tesserati del PD, ma non certo per chi lavora nelle fabbriche.


Da domani tutti, ma proprio tutti, i dipendenti con un contratto a tempo indeterminato di qualsiasi industria o settore, sono licenziabili e riassumibili a condizioni stracciate. Perché non utilizzare una legge che consente di abbattere tutto il costo del lavoro ? 

I sindacalisti, che a maggioranza votano Renzi, si sono accorti dell'imprevisto e chiederanno spiegazioni al governo Gentiloni, che forse aprirà un tavolo di confronto per perdere tempo e tirare a campare fino alle prossime elezioni, quando i sindacalisti voteranno Renzi o chi per lui.

In Francia giorno di mobilitazione generale, Hollande resuscita il sindacato

Cresce la protesta contro il Jobs Act alla francese, il sindacato CGT blocca le raffinerie di petrolio e le centrali nucleari. 

 

Dopo mesi di protesta giovanile, il governo Valls e Hollande riescono a far arrabbiare persino i sindacati, che chiedevano modifiche, non concesse, alla legge sul lavoro.

Le pompe di benzina chiudono per mancanza di carburante, e il governo manda la polizia a sbloccare le raffinerie.

Il più sbeffeggiato Presidente della Repubblica della storia di francia riesce nel miracolo di resuscitare il sindacato.