Il mondo capovolto dei banchieri

Avevano raccontato che la crisi era risolta grazie a loro. Ma intanto hanno continuato a stampare denaro e hanno capovolto i tassi di interesse. Ora evocano oscure forze che concorrono a deflazionare l'economia. Dopo aver capovolto il mondo, i banchieri non sanno più rimetterlo dritto.

La Banca del Giappone ha imitato la BCE di Draghi, la Banca centrale svizzera, danese e svedese portando i tassi da zero a negativi: se prestate i soldi allo Stato dovete pagare voi gli interessi, ovvero i ruoli si sono capovolti. Ma almeno fosse servito a far ripartire l'economia (non la speculazione) !

E invece l'economia mondiale è in crisi, dalla Cina al Brasile, dal Sud Africa alla Russia, gli Stati Uniti si sentono già in recessione e l'Europa affonda sotto il peso dei debiti, dei migranti e della classe politica mediocre.

Draghi ha fallito tutti gli obbiettivi prefissati di inflazione, occupazione, crescita e se la prende con il calo del petrolio e delle nascite. Se un medico vi prescrive medicine che non funzionano e poi da la colpa ai cambiamenti climatici, prima lo guardate strano e poi cambiate medico.

Le banche secondo Draghi erano state risanate, gli stress test della BCE ne avevano individuate solo alcune bisognose di cure particolari, e tra queste non c'era la Deutsche Bank che invece ora viene indicata come sull'orlo del collasso, sotto il peso di sessantamila miliardi di euro di derivati.

La finanza mondiale non si fida più di Kuroda, Yellen, Draghi e C, o meglio, ritiene che abbiano fatto il possibile per garantirgli il pieno di rendite e profitti e che sia giunto il momento di incassarli e metterli al sicuro, in attesa di altri banchieri con altre medicine (più debiti, più soldi stampati e sequestro dei risparmi).

Se negli USA il prossimo presidente sarà Trump, Yellen farà le valigie; e altrettanto accadrà in Giappone per Kuroda, se il consenso di Abe continuerà a scendere.

Anche Draghi in Europa non si sente più sicuro di arrivare a fine mandato nel 2019: la proposta franco-tedesca di creare un ministro delle Finanze europeo in realtà è un tentativo di marginalizzare il ruolo del presidente BCE che adesso, nella latitanza della politica, esercita un potere di supplenza incontrastato, favorendo i paesi più indebitati e corrotti. La Grecia è il solito canarino nella miniera, l'Italia è un problema, ma l'intero sistema mondiale ripiomba nella crisi.

https://www.menoopiu.it/post/Il-dio-QE-non-esiste-i-banchieri-sono-imbroglioni-e-Yellen-e-in-trappola

Il dio QE non esiste, i banchieri sono imbroglioni e Yellen è in trappola

La tempesta sui mercati azionari e commodity di tutto il mondo è un violento avvertimento alla Federal Reserve e alle altre banche centrali: “questo è quello che accade se pensate di smettere di stampare denaro (QE) o di alzare i tassi da zero, (ZIRP) fosse pure di una quantità simbolica ed insignificante”.

Se questa interpretazione sulle cause della tempesta finanziaria è vera non ci sarebbe da preoccuparsi più di tanto. Non appena la Yellen e i suoi colleghi avranno raccolto il  messaggio e capito l’antifona, tutto tornerà come prima, e anzi ci sarà da guadagnare ancora di più. 

La Banca centrale cinese non dovrà fare altro che immettere nuova liquidità nel sistema ( il QE alla cinese invocato a gran voce dai keynesiani di tutto il mondo) e consentire alle banche di erogare ancora più prestiti. Se la Cina riparte, anche il resto del mondo si rimette in moto, sentenziano i premi Nobel dell'economia.

Il messaggio è esplicito: il QE ha funzionato in passato e perché non dovrebbe funzionare anche ora ? Il QE, direbbe Draghi, è una fede e non si discute.

Questa è la versione ottimista della “improvvisa” tempesta di agosto, alimentata anche dalla crescente perdita di fiducia nelle capacità di “guida e pianificazione” del governo cinese. 

 Una testimonianza a favore di questa tesi è giunta nel corso del "Lunedì nero” delle borse: quando Wall Street ha raggiunto una perdita di 1000 punti – oltre il 6% - è entrata in azione la “squadra di salvataggio” della Federal Reserve che ha iniziato a comprare azioni per far salire l’indice azionario, di concerto con i network finanziari che passano le veline della Apple.

In conclusione, secondo questo punto di vista, la speculazione ha sotto controllo tutte le leve di funzionamento, tiene sotto scacco l’economia reale e i politici, e trova modo di guadagnare anche dalle tempeste, che non sarebbero reali ma frutto di effetti cinematografici  fatti apposta per impressionare chi di dovere.

C'è però un'altra lettura, più grigia e inquietante. La crisi dei mercati è l’esplosione di una bolla, anzi di tante bolle gonfiate per diversi anni dalle politiche “espansive” delle banche centrali, denominate QE, ZIRP e NIRP . 

La dimostrazione di confusione e scarsa capacità tecnica da parte delle autorità cinesi è solo l’esempio di una difficoltà generale, dall'Asia all'America Latina, a governare un fenomeno cresciuto sia per dimensioni che per complessità.

Le figuracce accumulate dai cinesi (manovre azzardate, passi indietro e bugie grossolane per nascondere la realtà della crisi economica) potrebbero tra qualche settima coinvolgere anche gli altri “onnipotenti” banchieri, a cominciare dalla Yellen.

I mercati crollano perché la Federal  Reserve non stampa più dollari da circa un anno, dopo averne stampati più di 4 trilioni, e quindi scarseggia la materia prima con cui speculare.

 La conclusione di questa ipotesi in apparenza è uguale alla precedente, cioè la richiesta alle Banche Centrali di più QE, ma contiene anche un fosco presagio: prima o poi il mondo si accorgerà che il QE non serve a creare più imprese e più lavoro, come sostengono Draghi, Kuroda e Yellen, ma solo ad inflazionare la finanza e a far crescere la bolla della speculazione nei marcati finanziari. 

I profitti di gran parte delle aziende quotate in borsa, in particolare quelle americane, non provengono solo dalla vendita di merci e servizi ma anche dai buyback azionari, cioè l'acquisto delle proprie azioni facendone aumentare il valore e incamerando i dividendi. E’ una sorta di economia parassitaria che sostituisce quella produttiva e che si avvantaggia del flusso continuo di denaro immesso nel sistema dalle Banche Centrali. Se il flusso si riduce o cessa, il gioco si inceppa, ed è necessario liquidare il più presto possibile le posizioni acquistate per non perdere il capitale guadagnato.

In sintesi, il dio QE può aiutare solo l'1% della società, mentre il restante 99% è costretto a pregare senza ricavarne benefici concreti. Questa opinione non circola negli ambienti anarcoidi o nelle diocesi di Papa Francesco : e’ la verità temuta dai banchieri centrali, e svelata in un white paper che la Federal Reserve di St. Louis ha pubblicato a pochi giorni dal raduno annuale di Jackson Hole, farà discutere e metterà in lieve imbarazzo alcuni partecipanti.

Nel paper - Current Federal Reserve Policy Under the Lens of Economic History: A Review Essay - si sostiene che i famosi QE di Bernanke, copiati  in tutto il mondo e in particolare in Giappone e in Europa, sono stati ininfluenti  ai fini del raggiungimento degli obiettivi di inflazione e crescita.

Nella migliore delle ipotesi, le politiche di QE (stampa di moneta mediante acquisto di titoli da parte della banca centrale)  e di ZIRP (tassi di interesse a zero) hanno consentito di tenere in vita alcuni settori economici, rimpinguare le banche e favorire il boom dei titoli azionari.

Il documento della FED di St Louis ha un valore mediatico ben superiore a quello che gli autori si immaginavano, perché sia in Europa che in Giappone gli ultimi dati economici sono stati deludenti  nonostante i trilioni di euro e yen stampati da Draghi e Kuroda nell’illusione che fossero sufficienti per far ripartire la produzione e l’occupazione, accendendo la cosiddetta “inflazione benefica”.

In definitiva l’analisi degli economisti FED inizia ad incrinare il dogma del dio QE imperante negli ultimi 6 anni. 

There is no work, to my knowledge, that establishes a link from QE to the ultimate goals of the Fed inflation and real economic activity. Indeed, casual evidence suggests that QE has been ineffective in increasing inflation. For example, in spite of massive central bank asset purchases in the U.S., the Fed is currently falling short of its 2% inflation target. Further, Switzerland and Japan, which have balance sheets that are much larger than that of the U.S., relative to GDP, have been experiencing very low inflation or deflation.

 Non poteva esserci momento peggiore per la Yellen, che tra un mese è chiamata a un evento più rituale che sostanziale: decidere se aumentare da ZERO  a 0,25 i tassi di interesse ! 

Anche questo sarà un evento mediatico surreale. Nessuno si  getterebbe dal balcone se il tasso del suo mutuo aumenta di  0,25%, eppure i mercati finanziari fanno finta di essere in grande apprensione per la possibile “svolta della Federal  Reserve” che li aveva abituati dal 2006 a non aumentare mai i tassi.

 Ma il dibattito attorno al “NON evento” dello 0,25 dimostra in realtà:

1) La Federal Reserve è prigioniera del meccanismo speculativo messo in moto da essa stessa con il QE;

2) La  Federal  Reserve  ormai è consapevole dell’ inutilità della sua politica monetaria e dei danni che sta provocando all’economia reale;

L’aumento di 0,25 fa paura ai mercati non per la sua consistenza quanto perché sarebbe l’inizio di una marcia indietro del modello concettuale introdotto da Bernanke e magnificato dai banchieri di tutto il mondo. Sarebbe la fine delle vacche grasse per i titoli azionari e per  i bond emessi dalle imprese, per i profitti realizzati con i buyback, la vendita di auto a rate ai subprime e l’iscrizione ai college costosissimi .

0,25 è un sassolino che rischia di inceppare e disvelare  l’intero apparato propagandistico finanziario.

3) Yanet Yellen è in pieno Comma 22: 

Se aumenta di 0,25 i tassi, i mercati crollano e si trascinano  anche l’economia reale, già asfittica. In tal caso la FED verrebbe incolpata della recessione che ne scaturirebbe.

Se NON aumenta i tassi, non potrà farlo per almeno un altro paio di anni, perché comunque il rallentamento dell’economia è già in corso e non ci sarebbero altre “finestre” utili per alzare i tassi (nel 2016 c’è la campagna presidenziale USA).

 

Alan Greenspan ex capo della Federal Reserve e guru indiscusso dei mercati prima di Bernanke, il 18/8/2015 ha dichiarato a Bloomberg:

“We have pressed the interest rates well below normal for a protracted period of time and the danger is they will come up to back up to where they have always been,” the former Fed chairman said. “There are two possibilities. Either we move slowly back to normal, or we do it in a fairly aggressive manner. History tells us it’s the latter which tends to be more prevalent than the former,” Greenspan said. The market impact will be “not good” , he said.

Anche altri tecnici autorevoli ormai chiedono il superamento delle politiche "non convenzionali" del passato perché gli effetti collaterali dannosi superano i benefici immediati.

Il dilemma di Yellen prima o poi  riguarderà anche Mario Draghi. Il suo QE non funziona, perché il PIL europeo del secondo trimestre si misura in decimali, la deflazione aumenta, la disoccupazione non cala.

E neanche i tassi sottozero funzionano, se non a sequestrare i risparmi dei cittadini a vantaggio delle banche.

Il costo finale del QE di Draghi sarà di oltre mille miliardi di euro e saranno “ininfluenti” per l’economia reale. Parola di Federal Reserve.

Per impedire che questa semplice verità si diffonda nell'opinione pubblica e faccia crollare la fede indiscussa nel dio QE, è utile agitare lo spauracchio del crollo dei mercati. Ma attenti a non agitare troppo, perchè qualcosa potrebbe frantumarsi irrimediabilmente.

 

Mr Draghi, se tu fai QE noi facciamo ....BYE

Immaginate una zona dell'Africa devastata dalle carestie e dalla povertà. Immaginate che qualcuno prometta di inviare un grande quantitativo di generi alimentari alle popolazioni di quelle zone. Immaginate la carovana di camion stracolmi di pacchi e sacchi.

Immaginate l'arrivo della carovana nel piazzale polveroso dell'accampamento dove decine di migliaia attendono i viveri. Immaginate che dai camion iniziano le operazioni di scarico  e una moltitudine di persone si spinge, si picchia, si travolge per guadagnare le posizioni più favorevoli vicino ai camion e afferrare i sacchi di farina e quant'altro. Dopo pochi attimi vi rendete conto che un manipolo di energumeni armati si accaparra la quasi totalità degli aiuti scaricati. Gli energumeni si fanno strada con la forza (non hanno sofferto la fame e gli stenti) e non lesinano bastonate a chi cerca di ricevere il tanto desiderato aiuto alimentare.

Questa è la metafora del QE - già sperimentato da Bernanke (lui lanciava i soldi dall'elicottero), dalla Yellen, da Carney e dal banchiere di Abe (si chiama Kuroda ma è insignificante e nessuno ne conosce il nome). Ora tocca a Mr Draghi lanciare i soldi ad una moltitudine bisognosa, ma i posti migliori per arraffare tutto li hanno già prenotati i soliti potenti.

Come difendersi dall'ennesimo sopruso, mascherato da intenti nobili e salvifici ?

Nel solo modo che la dignità umana ci consente: non partecipare, non prestarsi al ricatto.

Per questo, Mr Draghi, più voi iniettate denaro fasullo nel sistema e più noi ridurremo le spese e i consumi, preferiremo tenere i risparmi sotto il mattone anzichè comprare titoli di stato di paesi ultraindebitati che non pagano più interessi (anzi, per acquistare la loro monnezza pretendono di essere pagati). Gli esperti finanziari diranno che un simile atteggiamento è stupido e improduttivo, ma non presteremo ascolto.

Con le debite proporzioni, più Draghi regala denaro ai soliti sopraffattori e speculatori, più noi ci defileremo dalla ressa.

 Good bye, Mr QE. 

Forse un giorno anche gli economisti di corte si accorgeranno che la cattiva depressione è figlia di pessimi banchieri.

La Grecia NON vuole pagare i debiti

Le elezioni in Grecia hanno preso il sopravvento, dopo che la Merkel ha ventilato la possibilità di una uscita della Grecia dall'euro, e sono diventate una battaglia all'ultimo azzardo: "dall'Euro non si esce", proclamano i burocrati di Bruxelles, esasperando la rabbia di chi si sente in trappola e privato della possibilità di scegliere in democrazia.

"Vi cacceremo dall'euro, se non pagate i debiti" tuona la Germania della Merkel, ma molti pensano che sia un bluff per spaventare i greci e spingerli a votare il filotedesco Samaras.

I banchieri non stanno a guardare, e mandano giù i mercati finanziari per avvisare sia una parte che l'altra che non si scherza con loro, che gli speculatori amano i "rischi calcolati" (grazie ai soldi stampati da Yellen e Draghi) ma non i salti nel buio tipo Lehman Brothers.

I Greci che voteranno Tsipras e compagni hanno idee più pragmatiche: "restiamo nell'euro, ma senza debiti da pagare". E' quello che Mario Draghi aveva indirettamente promesso tre anni fa, ed è quello che va ripetendo nella stanze della BCE: il debito greco è insostenibile, a prescindere dai tassi di interesse. O i creditori rinunciano alla loro parte a favore di un abbattimento del debito greco o saranno guai per tutti.

Questa posizione è il risultato di quello che si palesava dietro l'azione dei Banchieri Centrali (Bernanke-Yellen, Kuroda, Carney e Draghi): il rischio che tassi a zero e denaro facile potesse far salire l'asticella dell'azzardo. Perché pagare i debiti ? Chi pagherebbe di più le conseguenze di crisi finanziarie al buio ? Chi ha più da perdere, i banchieri di Wall Street e Francoforte o i tassisti e gli agricoltori greci ?

Se i greci non pagano i debiti, perché dovrebbero farlo gli spagnoli, i portoghesi, i francesi o gli italiani? Come verrebbero ripartite le perdite del debito greco sui cittadini del resto dell'area euro? Da cosa è garantito il debito greco nei confronti dei suoi creditori?

 

 

 

 

Draghi non è un politico?

Mario Draghi, che si dice pronto ad inondare l'Europa di denaro facile (per i pochi fortunati), afferma di non essere un "politico" e pertanto non è interessato alla carica di Presidente della Repubblica italiana che Napolitano lascerà vacante tra poco.

Mario Draghi ha ragione: i politici in Europa non contano quasi nulla, perché le vere scelte oggi le fanno i tecnocrati, nazionali e sovranazionali, che non partecipano alla farsa delle elezioni manipolate e delle battaglie in bicchieri d'acqua.

Mario Draghi non ha bisogno di chiedere il consenso elettorale per decidere le sorti della moneta europea (e quindi delle economie e dei rapporti sociali nei paesi euro): si sente investito ed illuminato dall'alto e tuttalpiù può chiedere l'opinione di altri banchieri, anch'essi liberi dai condizionamenti della "politica".

Mario Draghi tra meno di un mese deve iniziare la sua missione salvifica (QE) che consiste nel CREARE INFLAZIONE per "STIMOLARE la CRESCITA", cioè aumentare la tassazione reale a carico dei cittadini a favore degli Stati indebitati che utilizzeranno il denaro stampato dalla BCE per aumentare i loro debiti e perpetuare le politiche economiche nazionali dimostratesi inutili, improduttive ma funzionali al mantenimento del potere.

Mario Draghi ha scelto di pronunciare il suo "rifiuto" alla Presidenza italiana a tre settimane dal voto in Grecia: in tal modo Draghi avvisa i politici che quel voto è inutile, chiunque vinca e che la BCE accoglierebbe con favore anche una eventuale vittoria di Syriza, anzi ...

Mario Draghi non deve spiegare a nessuno (e non spiega) perché i duemila miliardi di euro stampati e regalati alle banche per comprare titoli di debito italiano o spagnolo o francese non hanno prodotto alcun cambiamento nelle economie di quei paesi, anzi ...

Mario Draghi non deve chiedersi (e spiegare) per quale motivo in Giappone il QE ultras di Abe ha fallito, e il QE di Bernanke-Yellen in USA altrettanto (se si depura la favola dalla realtà di un debito pubblico USA cresciuto fino a 18 trilioni di dollari, di una working class scomparsa e di un tasso di ineguaglianza sociale malcelato).

Mario Draghi non deve chiedersi perché l'economia europea non chiede prestiti a tasso zero, e come sia possibile che lo stato italiano (il cui debito pubblico viaggia al 150% del PIL) paga interessi inferiori a quelli degli Stati Uniti o della Gran Bretagna, o che le banche europee nascondano ancora buona parte dei loro bilanci, anche grazie a quegli ABS che lui vorrebbe comprare ...

Mario Draghi, in compagnia degli altri banchieri centrali, non verrà mai sfiorato dal dubbio che l'economia mondiale soffra delle scelte monetarie delle ultimi 20 anni e che la DEFLAZIONE sia l'effetto combinato di un indebitamento elevato e di tassi di interesse sottozero.

Mario Draghi non sa che il denaro lanciato dall'elicottero non finisce mai nelle tasche di chi ne avrebbe bisogno ma in quelle di chi è più potente, violento e ricco per accaparrarsi la manna che scende dal cielo.

Mario Draghi non è un "politico": lui i politici li tiene in pugno.

Il Compagno Bernanke passerà alla Storia (2)

janet yellenLa mia tesi è che Bernanke abbia contribuito ad aggravare il declino dell'economia USA e ad accentuare il ruolo della finanza distruttiva, teorizzando la necessità di un intervento non convenzionale per supplire all'incertezza della politica e all'insufficienza della domanda di consumi.

Le manovre di Quantitative Easing sono state dapprima presentate come la chiave di volta per sconfiggere la crisi, poi di fronte al perdurare di bassi consumi, bassa crescita ed elevata disoccupazione (reale), come una necessità ormai congenita per il mantenimento e la sopravvivenza  del sistema.

Una soluzione che doveva essere di breve periodo, è diventata poi permanente, trasformando gli assetti economici e politici, creando squilibri di concentrazione della ricchezza e dell'avidità.

Prima Greenspan, poi Bernanke e ora la Yellen iniettano nella società americana l'illusione che la moneta stampata possa risolvere i problemi di un modello di sviluppo. 

Perseguendo la terapia sbagliata hanno concorso a creare e ad aggravare il peso di una crisi epocale. Lo sviluppo finanziato con il debito è arrivato al punto di pregiudicare il processo di accumulazione della ricchezza: le ultime due generazioni si sono indebitate (direttamente e/o tramite il debito pubblico) ben oltre la quota di ricchezza che hanno prodotto, lasciando una montagna di debiti a figli e nipoti. L'unica speranza che gli Stati / Banchieri hanno per abbattere i debiti consiste nell'inflazionarne il valore nominale e sequestrare la ricchezza del ceto medio - attraverso tassi di interesse artificialmente bassi e l'aumento generalizzato della tassazione.

Ma è una soluzione socialmente pesante per molti degli Stati Occidentali ed è potenzialmente esplosiva per le Economie Emergenti (Brasile, Sud Africa, Cina, India ecc). La soluzione comporta una perdita di democrazia a favore di ceti tecnocratici estranei alle società civili e di emanazione sovranazionale (FMI, Unione Europea, Banca Mondiale ecc). Qualcuno inizia ad accorgersene anche in Italia.

La debolezza o inconsistenza della politica fa emergere con ancora più nettezza l'insufficienza delle soluzioni proposte: più "crescita" è lo slogan di tutti i politici per risolvere la disoccupazione, ma nessuno spiega di quale crescita si tratta e con quale ricchezza crearla. La folla chiede il perpetuarsi del vecchio modello, non riesce a capire perchè non possa più funzionare, agita i forconi o i vecchi armamentari.

Si fa strada l'idea che ormai sia troppo tardi per evitare l'impatto drammatico della crisi: la credibilità di chi da 5 anni recita la commedia che "la ripresa è vicina, abbiate pazienza" è sottozero.

Bernanke ha finito il suo mandato, Yellen la Rossa inizia il suo, ma senza alcun margine di manovra diverso dal passato: consumare a debito, cercare di inflazionare l'economia, rendere obbligata la scelta di rischi finanziari elevati, manipolare il cambio del dollaro, i mercati e l'opinione pubblica.

 Un cinico bolscevico sarebbe soddisfatto di come la Federal Reserve stia contribuendo al discredito del Capitalismo, e si congratulerebbe con Bernanke per il lavoro fatto.

Consiglio di leggere l'ultimo libro di Niall Ferguson, "il Grande Declino, come crollano le istituzioni e muoiono le economie".

 ll trailer del film Money For Nothing: Inside The Federal Reserve 

Il Compagno Bernanke passerà alla Storia

il Compagno BernankeUltimi scampoli di lavoro per Ben Bernanke, il Presidente della Federal Reserve che passerà alla Storia per essere stato uno dei principali artefici della distruzione del Capitalismo, con le sue coraggiose teorie di Pianificazione globale della ricchezza e della necessità di sostenere la lotta alla disoccupazione stampando moneta per far ripartire i consumi.

La disoccupazione reale non è diminuita, la moneta stampata è finita in gran parte nelle banche che manipolano Wall Street, il debito pubblico ha superato il 100% del PIL. Il risultato è che una quota notevole dell'economia americana ormai dipende solo dalla moneta stampata dalla FED, come nella vecchia Unione Sovietica dei Piani Quinquennali. Il capitalismo d'impresa è un vecchio ricordo, come la middle class e il ceto operaio unionizzato.

La percentuale di lavoratori attivi sul totale della popolazione è scesa a livelli mai visti, perchè è aumentato il numero di coloro che non cercano più lavoro, anche se potrebbero. D'altra parte fin quando la FED compra Titoli di Stato, il governo non è costretto a fare i conti con il mercato e può indebitarsi quanto vuole, come nella vecchia Unione Sovietica. C'è qualche timore e qualche controindicazione, soprattutto legata al fatto che gli altri paesi si sono accorti del trucco e hanno iniziato anche loro a stampare soldi fasulli, ma tutto questo è "calcolato", "previsto", "controllato".

Come nel 2007, quando all'inizio della crisi dei subprime Bernanke disse che si trattava di un "piccolo e controllabile fenomeno" speculativo, con una perdita massima stimata in soli 100 miliardi di dollari: Dopo qualche mese occorsero 800 miliardi per salvare le banche e poi ancora altre centinaia e migliaia. Il bilancio della FED è passato da 200 a 4.000 miliardi di dollari, circa il 25% del PIL USA, cioè un quarto dell'economia dipende dai dollari stampati. 

Gli analisti dicono che la Fed "è in trappola", se smette rischia di far collassare l'intera economia planetaria, se continua provocherà il crollo del dollaro come moneta di riferimento. Cioè in poche parole Bernanke ha portato il Capitalismo in un vicolo cieco. Non ci si illuda che una volta andato via Lui le cose cambieranno: Yanet la Rossa ha già dichiarato di voler proseguire l'opera intrapresa dal suo Maestro. Non si può smettere di fare debiti e consumare come tacchini, fin quando qualcuno ti regala i soldi. I krugmaniani anzi dicono che bisognerebbe fare di più, altri "stimoli", altri debiti, fin quando i consumatori non si ficcano in testa di consumare di più e consentire a Apple, Samsung, Ford, WalMart ecc di vendere di più e reinnescare il circolo virtuoso del Capitalismo. Se non bastano i soldi regalati dalla Fed a Wall Street a convincervi di essere ricchi, si useranno le maniere forti e con l'ausilio della NSA e della CIA si scopriranno i traditori, i consumatori che non consumano.

Mujica è avvisato.

(segue)