Elezioni Hong Kong, Clamorosa Vittoria del Fronte Anti-Pechino

24/11/2019

Le elezioni più inutili del mondo diventano l'evento dell'anno, un referendum pro o contro Pechino. Il 60% degli hongkongers vota per il fronte democratico. Joshua Wong: "This is historic. Early returns suggest a landslide victory for the opposition camp. Hong Kongers have spoken out, loud and clear. " Carrie Lam ha le ore contate, dovrà dimettersi nel tentativo di coprire gli errori di Xi Jinping

Carrie Lam ha le ore contate, dovrà dimettersi nel tentativo di coprire gli errori di Xi Jinping

Seggi assegnati alle 04.30 della notte : 267 pro-Democracy, 29 pro-Pechino; le percentuali di voto: 60% pro-Democracy, 40% pro-Pechino

Iniziato il conteggio, si profila una clamorosa vittoria del fronte anti-Pechino

L'alta affluenza, oltre il 70%, potrebbe andare a vantaggio dei partiti "non governativi"

Ad Hong Kong ogni 4 anni si tengono le elezioni del Consiglio dei Distretti, 18 circoscrizioni per un totale di 452 rappresentanti, che non hanno alcun potere legislativo fondamentale e si occupano solo di materie limitate quali la raccolta della spazzatura e la cura delle aiuole.


La partecipazione al voto negli anni passati è stata generalmente sotto il 50% degli aventi diritto ma quest'anno la soglia precedente è stata superata ben presto a metà giornata. Tutta la frastagliata realtà dello schieramento "pro-democracy" ha invitato i cittadini a recarsi in massa alee urne, e ha concordato dei meccanismi per far convogliare il voto degli anti-regime su candidati che avessero probabilità di essere eletti.


Per tutto il giorno si sono viste lunghe e disciplinate file di votanti in attesa di entrare nei seggi.


Nella notte di Hong Kong si sono chiuse le urne e la percentuale di votanti si è attestata oltre il 70%.


L'alta affluenza potrebbe andare a vantaggio dei partiti "non governativi"