Di Maio - Salvini contro Draghi - Macron

Se Luigi Di Maio e Matteo Salvini non faranno sciocchezze a pochi centimetri dal traguardo, l'Italia sarà il primo paese europeo ad avere un "governo di unità populista", espressione delle due principali, ma diverse, forze anti-establishment uscite vittoriose dal voto del 4 marzo.

 

Terminate le trattative sul "contratto di governo" - libro dei sogni o galleria di incubi - i due leader di M5S e Lega si presenteranno da Mattarella per ricevere le ultime raccomandazioni per poi "andare a governare", ovvero iniziare la battaglia dura e autentica per onorare le promesse di cambiamento, contro ogni ragionevole evidenza ma soprattutto contro il fuoco di sbarramento che sarà lanciato da Bruxelles, Parigi e Francoforte.

 

Governo populista Di Maio-Salvini o Salvini-Di Maio ? o del maggiordomo ?

Se il supplemento di trattativa tra Cinquestelle e Lega va a buon fine, chi sarà a guidare davvero il nuovo governo?

Per dare una risposta alla domanda che molti si pongono in questo momento userei la metafora dell'automobile in panne: per provare a farla ripartire uno deve stare al volante mentre un altro deve spingere. Ma quello che spinge non si fida che chi sta al volante poi non se ne approfitti per ripartire senza di lui, una volta che il motore dell'auto si sia riacceso.

La soluzione, o quanto meno il compromesso, sta nel trovare qualcuno che sia disposto a stare al volante mentre entrambi spingono. Una specie di "terzo uomo", che in altri tempi si sarebbe definito maggiordomo di fiducia, pronto a sacrificarsi e a fare tutto quello che gli veniva ordinato. Ma non è facile trovare persone disposte a fare da maggiordomo senza farsi poi venire in mente di continuare a guidare l'auto come se fosse sua. E poi un maggiordomo fedele e con due padroni alla pari è molto difficile, se non impossibile, trovarlo. 

Se maggiordomo dovrà essere, sarà importante capire a chi dei due sarà più utile. E Di Maio e Salvini dovranno anche fare presto a trovarlo, altrimenti ci pensa il Caimano riabilitato, che di maggiordomi può permettersene quanti ne vuole ...

(in aggiornamento)

 

Mattarella dimentica Banca Etruria e prepara il "governo di Banca d'Italia"

Se le voci che circolano fossero vere, come purtroppo sembra, il "governo neutrale" che Mattarella si appresta a varare per risolvere la crisi politica sarà in realtà infangato e reso ancora più indigesto dalla presenza di un "tecnico" della Banca d'Italia a capo del ministero dell'Economia.
Si fa infatti il nome di Salvatore Rossi, attuale Direttore Generale della Banca d'Italia, come tra quelli indicati ad entrare nella schiera del Presidente Mattarella.

Gli italiani hanno conosciuto il nome e la faccia di Salvatore Rossi nei giorni tragici della vicenda Banca Etruria e del cosiddetto "salvataggio" delle banche italiane, all'indomani del suicidio del pensionato Luigino D'Angelo al quale la Etruria aveva fatto investire tutti i risparmi in titoli subordinati diventati poi carta straccia.
Salvatore Rossi andò in televisione e sui giornali rilasciando interviste che avevano tutte lo stesso filo conduttore: la Banca d'Italia ha fatto tutto quello che poteva con i suoi pochi strumenti di vigilanza, altri soggetti (CONSOB) dovevano intervenire, quindi non sapeva e se pure avesse saputo non avrebbe potuto fare diversamente.


Gli italiani ovviamente non credettero alle parole di Salvatore Rossi e anzi manifestarono chiari segni di rabbia per quella sceneggiata arrogante con cui la Banca d'Italia si sottraeva alle sue responsabilità, tanto che persino Renzi dovette prendere le distanze (senza essere creduto) quando si trattò di rinominare il governatore Visco a capo di Banca d'Italia.

Per quale motivo il Presidente Mattarella oggi dovrebbe dare un incarico importante e in un momento altrettanto grave ad un dirigente di Banca d'Italia coinvolto nella crisi delle banche italiane e nella perdita di credibilità dell'istituto di vigilanza ?

Per quale motivo il Presidente Mattarella oggi dovrebbe sfidare la sensibilità di milioni di cittadini ed elettori che non gradirebbero che un uomo di Banca d'Italia possa ricoprire un qualsiasi incarico di governo?

Per quale motivo il Presidente Mattarella oggi dovrebbe regalare a Di Maio e Salvini uno spot elettorale così grande da far cadere il "governo neutrale" nel più completo discredito dopo poche ore dall'insediamento ?

Quali poteri opachi ha la Banca d'Italia (e il suo manovratore in BCE) da costringere il Presidente Mattarella ad esporsi ad un sicuro pubblico ludibrio per aver nominato Salvatore Rossi a Ministro di un "governo neutrale" ?

CRISI ITALIA, il caos sarà più grande di quel che sembra

Una pessima legge elettorale, due personaggi screditati che ricattano e intrallazzano, un presidente della repubblica che, dopo aver firmato la pessima legge elettorale di cui sopra, scopre di non avere influenza e credibilità sugli schieramenti in Parlamento.

La crisi del sistema politico italiano non trova sbocchi, se non quello del ritorno al voto con la stessa pessima legge elettorale e gli stessi personaggi e partiti che ricattano e intrallazzano pur di non lasciare il passo a chi potrebbe mettere in crisi il loro potere ventennale.

Era evidente e scontato che Renzi non si sarebbe mai dimesso da boss del PD e che Berlusconi considera surreale che egli non sia più il leader del centrodestra. Entrambi hanno difeso fino alla fine le loro pretese, che poi altro non sono che logiche di potere e di apparati avvinghiati ad intrecci di interessi, costringendo gli italiani ad assistere alle loro apparizioni indecenti.

La legge elettorale l'avevano pensata a misura dei loro calcoli che gli italiani hanno tuttavia provato a capovolgere riuscendoci solo in parte.

Il Presidente Mattarella esce anche lui malconcio dai due mesi di consultazioni perchè non ha saputo esercitare quella pressione sufficiente a rimuovere gli ostacoli, dando l'impressione di essere debole ed incerto. Qualcuno pensa che il mite Mattarella fosse ancora troppo legato al ricordo di quel Renzi che lo ha fatto salire al Colle per potersi smarcare con più decisione.
Ora che il pessimo cabaret è finito ci si rende conto che le soluzioni prospettate sono orribili al pari di quelle propinate nei due mesi scorsi.

Votare a luglio oppure sopportare un governo "neutrale" !! volete essere cotti in padella o alla brace?

Il governo "neutrale" di Mattarella sarà benedetto da Renzi (e da tutto il PD) perchè lo aiuta a sopravvivere per altri mesi, a recitare la parte del segretario che c'è ma non si deve vedere, a rinviare l'ulteriore sconfitta elettorale sognando improbabili soluzioni alla Macron.
Anche Berlusconi si aggrapperà alla zattera del Presidente, perchè è convinto di poter ancora ricattare Salvini come ha fatto fino ad ora.

Gli italiani questa estate possono stare tranquilli, andando in vacanza o rimanendo chiusi al fresco a casa loro: la calda estate non sarà rovinata dai comizianti elettorali, e si andrà a votare con le prime fresche piogge di ottobre.
Chi proverà a rovinargli le vacanze saranno i soliti manovratori ai quali non sembra vero di poter fare un semplice giochino: soffiare sulla crisi, sullo spettro dei mercati, gli sbarchi dei migranti, qualche guerra vicina o lontana, pur di giustificare la necessità che il "governo neutrale" prosegua fino al prossimo anno.

I giornali finanziari internazionalii oggi riportano che "Italian stocks and bonds sold off on Tuesday as fears mounted that the country will need to hold a fresh general election over the summer as a last-ditch effort to form a government crumbled on Monday."

Nei prossimi mesi gli italiani subiranno minacce oscure e promesse idilliache : il Caos è alle porte ma per fortuna c'è il Governo Neutrale che ci difende.

E se proprio non dovesse succedere nulla, ci penseranno Rai di Renzi e Mediaset di Berlusconi a creare il clima giusto per farci ravvedere. Di Maio e Salvini sono avvisati.

Renzi lascia il PD nel caos e va al governo con Salvini e Berlusconi

Passate le elezioni friuliane, il cui esito a favore del centrodestra leghista era previsto anche se con proporzioni diverse, la vera novità resta l'intervista di Renzi che senza tanti giri di parole ha annunciato che i "suoi" parlamentari non voteranno mai la fiducia a Luigi Di Maio ma appoggeranno un governo "che dovrà scrivere le regole" assieme al centrodestra, a guida Salvini e regia Berlusconi, anche a costo di lasciare il PD.

Il boss della Lega non avrà difficoltà ad accettare i voti di Renzi, perchè quelli non saranno voti targati PD ma di un "nuovo soggetto politico", di cui si farà garante il Caimano, e potrà quindi sempre dire di essere stato coerente.

I 5Stelle potranno gridare allo scandalo ma servirà a ben poco, perchè un esecutivo con dentro la coppia Renzi-Berlusconi questa volta punterà a fare di tutto per isolarli e distruggerli.

Altro che Terza Repubblica, va in scena la vendetta della Seconda.

CABARET ITALIA, Renzi fa il ventriloquo

Archiviata la prima settimana di esplorazioni si entra nella seconda, con Roberto Fico dei 5Stelle e Presidente della Camera che prova a far parlare di cose serie qualcuno del PD.


Ma l'impresa di Fico si scontra con due difficoltà ...


1) Se parla con Martina, è proprio sicuro che le parole siano pronunciate dalla sua bocca, oppure è quel ventriloquo di Renzi che si nasconde dietro le quinte delle finte dimissioni da segretario e muove la lingua dei suoi pupazzi ?

2) Se parla con Di Maio è proprio sicuro che non gli sferri un cazzotto sul naso ?

C'è chi giura di aver visto Matteo Renzi ringalluzzito dalla scelta di Mattarella e addirittura proporre un appoggio alla candidatura di Fico a primo ministro pur di fare un dispetto a Di Maio e spaccare i CinqueStelle.

In ogni caso lo spettacolo durerà un paio di giorni, tanto basta per far passare un'altra settimana ed arrivare al week end elettorale in Friuli Venezia Giulia, poi c'è il 1° Maggio e poi si comincerà a parlare sul serio del prossimo governo, se, come e con chi.

L'ipotesi più utile resta quella di un accordo limitato e temporaneo tra M5S e Lega, a meno che Di Maio e Salvini non vogliano far tornare al centro della scena Renzi e Berlusconi, con un governo "del presidente" che li vedrebbe recitare di nuovo una commedia non gradita agli elettori.

L'idea di lasciare Gentiloni per tutta l'estate a Palazzo Chigi, caldeggiata sia da Renzi che Berlusconi, è crudele sia per il diretto interessato sia per gli italiani che comincerebbero a dubitare anche del Presidente Mattarella. Se governo balneare deve essere, la ciambella deve essere data a chi le elezioni non le ha perse (posto che nessuno le ha vinte) e la scelta ricade tra Di Maio e Salvini, o entrambi.

CABARET ITALIA, eppur si muove

L'esplorazione di MEA Casellati è andata a sbattere (dalla parte interna) contro i cancelli di Arcore, perchè Di Maio si è rifiutato di digerire l'ipotesi di ministri berlusconiani in un governo M5S - centrodestra.
Ma la Casellati non si è immolata invano ...

Berlusconi infatti ha finalmente esternato quello che pensa degli italiani, "imbecilli che hanno votato 5Stelle", ai quali farebbe "pulire i cessi nelle sue aziende" e ha detto chiaramente che preferisce fare un accordo con PdRenzi.

Lo sfogo poco istituzionale del Caimano gioca a favore di Salvini, che al confronto sembra un prof di Oxford.

Il boss della Lega adesso può non nascondere la preoccupazione che l'alleato Silvio punta a farlo fuori, con un governo "del Presidente" che imbarca sia Forza Italia che il PD. E per evitare di finire isolato e stritolato, Salvini non può che tornare a guardare Di Maio, per evitare il rischio di elezioni anticipate gestite da Gentiloni o, ancora peggio, da un primo ministro balneare gradito al Cavaliere e alle sue televisioni.

CABARET ITALIA, Berlusconi esploratore

Nel tentativo di ingannare il tempo che ci separa dal 2 maggio, data in cui la crisi politica italiana entrerà nella fase finale decisiva, il Presidente della Repubblica Mattarella ha chiesto alla M.E.A. Casellati, alias Berlusconi, di "esplorare" la giungla dei partiti e delle correnti per tentare di trovare la strada che porti ad un nuovo governo.

L'esplorazione è rivolta principalmente a Di Maio e Salvini, per verificarne la disponibilità ad un accordo tra M5S e TUTTO il centrodestra, dopo che entrambi erano stati sbeffeggiati da Berlusconi  al Quirinale, e quindi è facile immaginarne l'esito pratico. 

Nel frattempo inizia a farsi strada una richiesta di buon senso, quella di NON corrispondere lo stipendio dei primi due mesi ai parlamentari eletti, dal momento che non hanno avuto quasi nulla da fare e non ne avranno per il prossimo mese.

CABARET ITALIA

Silvio Berlusconi ha trasformato l'incontro al Quirinale in un intermezzo da cabaret anni '50, come un giullare che tenta di prendersi tutta la scena anziché rassegnarsi a fare la comparsa.

Ha scimmiottato il suo neo-regista Salvini, mentre leggeva il comunicato finale dell'incontro con Mattarella, e poi gli ha rubato il microfono per avvisare tutti gli italiani di non votare più per i 5Stelle : "mi raccomando, fate i bravi, sappiate distinguere chi è un democratico e chi non conosce l'abc della democrazia".

Forse Berlusclown pensa di essere già nella prossima campagna elettorale, o più semplicemente alza il prezzo che gli altri dovranno pagargli per tenerselo ancora sulla scena del prossimo governo.

Ma in entrambi i casi si tratta di un disegno sbagliato, perchè la comparsata al Quirinale giustifica ancora di più le "irritazioni" del suo neo-regista Salvini, che sarà sempre più tentato di toglierlo definitivamente dallo spettacolo, e i veti di Di Maio che certo ha la faccia da ragazzo educato ma non fino al punto di allearsi con chi lo insulta pubblicamente.

In ogni caso l'intrattenimento di Berlusclown servirà a riempire il tempo che intercorre fino alla fine di questo mese, tra incarichi fasulli e preoccupazioni vere, quando le possibilità di fare o non fare un governo da parte di tutti gli attori in scena saranno davvero verificate.

Per ora accontentiamoci del cabaret Italia.

 

l'Italia alla ricerca dell'unico governo possibile

Senza alcuna fretta, nonostante i problemi sociali ed economici, il nuovo Parlamento uscito dal voto del 4 marzo verrà "consultato" dal Presidente Mattarella per capire se e quale governo ci sarà.

 

Gli elettori hanno scombussolato tutti i piani prevedibili fino a qualche mese fa e in particolare hanno decretato la fine del bipolarismo venticinquennale nella versione Renzi-Berlusconi.

Ma nonostante una legge insulsa e ricamata per favorire l'accordo PD-Forza Italia, il voto degli italiani produrrà un governo espresso dai due partiti che hanno vinto le elezioni, M5S e Lega.

Nessuna altra ipotesi è realizzabile, o perché numericamente impossibile oppure perché politicamente impraticabile. A quest'ultima categoria appartiene sia l'ipotesi di una alleanza M5S - PD, propugnata da larga parte dei primi e da una minoranza dei secondi, sia quella di un'alleanza tra M5S e tutto il centrodestra.

La prima sarebbe una associazione numericamente risicata che richiederebbe che tutto il PD appoggi un governo a guida Di Maio ma questo è impossibile perché la maggioranza dei parlamentari sono renziani e Renzi è di fatto ancora il dominus del PD.

Una maggioranza formata da tutto il centrodestra e M5S sarebbe altrettanto improbabile, perché i 5Stelle non accetterebbero mai di fare da stampella a Salvini e Berlusconi e anzi hanno capito che possono far leva sulle rivalità tra i due. Da qui nasce l'idea, per quanto difficile ma semplice, di un "contratto" di programma tra Di Maio e i leghisti, senza Berlusconi.

Se non sarà così Mattarella minaccerà di sciogliere le Camere e di andare a votare a ottobre, ma c'è da scommettere che a quel punto - nella prima metà di maggio - tutto il Parlamento farà il tifo per le nozze di governo M5S - Lega. Con Luigi Di Maio primo ministro e Matteo Salvini ministro degli Interni.

Piaccia o non piaccia è la fotografia del voto del 4 marzo.

 

I misteri di Bardonecchia

Perché un gruppo di agenti della polizia doganale francese sequestra vicino Bardonecchia un nigeriano su un treno che lo porta verso Napoli ?

Perché lo sottopongono al test delle urine dentro la toilette di un locale della stazione che da anni era inutilizzato e che ora accoglieva i volontari di una ong che assiste i migranti? il nigeriano inseguito dai francesi (risultato negativo al test delle urine) era uno spacciatore o un consumatore di droghe ?

Perché non avevano preavvisato le autorità italiane di quanto si accingevano a fare ?

A questi interrogativi i francesi rispondono con il loro ministro de l’Action et des Comptes publics, Gérald Darmanin una specie di Alfano d'Oltralpe mentre la stampa nazionale, da Le Figaro a Le Monde, non cita l'episodio nemmeno nei trafiletti interni, e non riporta neppure la notizia che l'ambasciatore francese a Roma è stato convocato alla Farnesina per fornire spiegazione sull'accaduto.

Perché mentre in Italia tutti i partiti, la stampa e l'opinione pubblica chiedono di lavare l'onta di Bardonecchia, in Francia nessuno si degna di darne notizia ? forse non hanno ancora capito che la Farnesina non è una soubrette televisiva ma il nome della piazza su cui affaccia il palazzo dove dovrebbe lavorare il ministro degli Esteri che però non c'è, perchè quello nuovo non si sa chi sarà e quello vecchio (Alfano) non c'è più perchè da tempo si dedica ad altro.

La verità è che i Francesi non hanno tempo per occuparsi di fattarelli come quello di Bardonecchia, loro sono En Marché con Napoleone Macron e non possono farsi distrarre dalle diatribe italiane.

PS: Matteo Salvini non faccia il furbo, perché a lui di un nigeriano sequestrato in un bagno di Bardonecchia non interessa più di tanto ma cerca solo un pretesto per fare propaganda a favore di Putin, dopo le sanzioni per il caso Skripal: "Altro che espellere i diplomatici russi, qui bisogna allontanare i diplomatici francesi!".

 

Il caso ITALIA

Credevo di aver esagerato nel titolo del post del 4 marzo "elezioni Italia: vince M5S, Renzi cacciato via, caos nel centrodestra". Quest'ultimo giudizio nei giorni successivi non aveva elementi visibili di conferma: la Lega di Salvini aveva preso più voti del partito di Berlusconi ma tutto sommato non sembrava che l'evento potesse mettere in crisi un'alleanza basata su evidenti e reciproche convenienze. Meditavo di correggere il tiro e mestamente mi accingevo a constatare che il Caimano aveva ancora una volta imposto il suo cinico metodo con la richiesta di eleggere alla presidenza del Senato il fido condannato Romani con il solo scopo di umiliare Salvini e soprattutto i 5 Stelle.

Il segno della sua egemonia, nonostante la sconfitta elettorale, avrebbe dato un'impronta all'inizio della nuova Legislatura.

Ma Luigi Di Maio ha ribaltato il tavolo e Salvini ha avuto il coraggio di sfidare Berlusconi in un braccio di ferro per la leadership del centrodestra, con la mossa a sorpresa del voto alla Bernini che ha fatto scattare la reazione rabbiosa della vecchia guardia di Forza Italia, seguita poi da una precipitosa ritirata quando si sono resi conto che il boss leghista poteva (se voleva) fare a meno di loro. Ma gli insulti e le minacce hanno svelato a tutti che il centrodestra o è a guida leghista oppure non esiste.

E quindi avevo visto giusto la sera del 4 marzo: il "caos nel centrodestra" è il fatto nuovo della nuova stagione politica italiana, assieme ovviamente alla sconfitta epocale del centrosinistra e di Renzi.

Forza Italia sorpassata e fagocitata dalla Lega non ha praticamente alcun futuro, a meno che non si accontenti di vivacchiare all'ombra di Salvini, cedendogli l'egemonia che per un quarto di secolo è stata di Berlusconi.

Nei retroscena che hanno accompagnato l'elezione del presidente del Senato si è consumato il tramonto definitivo del berlusconismo, anche nella sua nuova versione di "ammaestratore di populisti" per conto dei tecnocrati europei. Se Salvini gli garantisce di curare i suoi interessi privati, il cavaliere scioglierà il partito-azienda e salirà sul carro leghista. Quasi tutti i suoi maggiordomi lo seguiranno.

Adesso la coppia M5S-Lega comincia davvero a far paura a chi pensava di poterli comunque condizionare con le astuzie del vecchio establishment e l'Italia è davvero il primo vero preoccupante caso di anomalia politica dirompente nel panorama europeo.

E' nato il "caso Italia".

Perché Napoleone Macron è preoccupato dell'Italia

Il presidente francese Macron e l'eterna cancelliera tedesca Merkel ci hanno fatto sapere di essere preoccupati, anzi angosciati, dall'esito " ... delle elezioni italiane che hanno visto imporsi gli estremismi" cioè M5S e Lega.

 

E per questo secondo loro l’Unione Europea dovrà avere una trazione (supremazia) ancor più franco-tedesca. "Le elezioni italiane hanno scosso il contesto europeo" ha detto l'aspirante Napoleone. Che poi ha specificato: "Il lavoro che ci aspetta è importante in un contesto europeo profondamente scosso dopo la Brexit e profondamente scosso dopo le elezioni italiane che hanno visto imporsi gli estremismi... e toccare con mano, nello stesso tempo, le conseguenze di una duratura crisi economica e delle sfide migratorie a cui non siamo stati in grado di rispondere".

Originale intuizione, di cui non saremmo stati capaci se non ci avessero illuminato Napoleone Macron e Bismerkel che avvieranno una "road map chiara e ambiziosa entro giungo" per rifondare l’Unione. "È indispensabile costruire questa nuova ambizione per l’Europa" ha aggiunto la cancelliera. "Nel trimestre che si apre abbiamo molte cose da fare, si tratta di un lavoro indispensabile, ancora più indispensabile di qualche mese fa…"

In Italia le dichiarazioni di Macron-Merkel sono scivolate sul dibattito post elettorale, trattate con la rituale enfasi ma anche con incertezza:

perchè Francia e Germania si scagliano contro l'esito del voto italiano, sapendo che comunque, in qualsiasi caso dovranno incontrarsi e trattare o con Di Maio o con Salvini o con entrambi ?

quale credibilità hanno le loro promesse di molte cose da fare? vogliono togliere i migranti dall'Italia e ospitarli nelle loro città, e destinare più fondi per il Mezzogiorno e smetterla di fare shopping di aziende importanti ?

Niente di tutto questo.

Le "preoccupazioni" di MacronMerkel hanno un unico obbiettivo: come isolare il fenomeno italiano, ad un anno dalle elezioni europee, per evitare il contagio nei loro rispettivi paesi e oltre.

Trai due è Macron che scalpita più di tutti per mettersi alla testa delle truppe che dovranno ingaggiare battaglia contro i populisti.

Il suo piano prevede di replicare in tutta Europa quello che ha realizzato in Francia: distruggere il partito socialista e il repubblicano, cioè i partiti tradizionali ed egemoni nel parlamento europeo, e affermarsi con un movimento tipo "En Marche!", colonizzando politicamente le regioni più instabili dell'Unione Europea come la Spagna e l'Italia.

Oltre i Pirenei ha già pronta l'alleanza con i Ciudadanos di Albert Rivera per rottamare il PP e il PSOE mentre in Italia sperava in una situazione transitoria con Gentiloni-Tajani per prendere tempo e trovare una più valida alternativa.

Gli italiani lo hanno deluso ma soprattutto hanno reso molto più difficile il suo progetto.

 A meno che non metta davvero in atto le promesse di "rinnovare l'Europa",  non con le chiacchiere ma con i soldi e le vere solidarietà: distribuire davvero il carico delle immigrazioni, destinare davvero più risorse economiche all'Italia. Subito, e senza aspettare la futura campagna elettorale nella primavera del 2019.

 

 

 

elezioni Italia: vince M5S, Renzi cacciato via, caos nel centrodestra

Gli exit poll indicano il Movimento 5 Stelle come primo partito con oltre il 30%. Il centrodestra a guida Salvini è la coalizione con più parlamentari. Crolla il PD di Renzi e tutto il centrosinistra. Perde anche Berlusconi.

 

Il PD attorno al 20%, Liberi e Uguali al 5%. 

Nel centrodestra la Lega supera Forza Italia e Salvini si proclama capo del futuro governo.

Al Sud Di Maio fa il pieno.

Come previsto, non c'è una chiara maggioranza di governo. 

Il terremoto italiano fa tremare i grattacieli di Francoforte e Bruxelles.

perché il voto a M5S

Si vota in Italia, al termine di una insipida e bugiarda campagna elettorale. L'establishment ha diverse opzioni, chi gli si oppone ne ha una sola: il voto al Movimento 5 Stelle.

 

Il sistema elettorale messo in piedi nemmeno un anno fa da Renzi, Salvini e Berlusconi non garantisce una governabilità trasparente ma favorisce gli accordi e i voltafaccia post elettorali.

Il pasticcio è talmente evidente che molti avanzano l'ipotesi di un "governo di scopo" per cambiare la legge elettorale e andare di nuovo a votare. Si tratta della ennesima bugia per mascherare un governo Gentiloni-Berlusconi che possa durare fino a quando lo vuole Bruxelles.

Andrò a votare, tra molti dubbi e poche certezze. In fondo, il voto quasi sempre finisce con il diventare un atto istintivo, frutto di considerazioni che poi non reggono la prova di qualche mese.

Tra incerti e astenuti, quasi il 50% degli italiani non trova alcuno slancio nell'andare a votare.

L'altra metà ci va per qualche convenienza immediata, perchè beneficia di quello che l'apparato statale eroga (facendo debiti) o potrebbe erogare nelle tante forme di assistenzialismo, oboli, fenomeni corruttivi, bonus e promesse dell'ultim'ora. Il 60% della popolazione vive più o meno a carico di quello che si definisce Stato, ma che in realtà è diventato un sistema opaco di gestione dell'economia, dell'informazione e del potere.

Un sistema sempre più impermeabile alla società civile ma che ha raffinato nel corso degli ultimi anni le tecniche di manipolazione del consenso e di ricatto istituzionale. O fate così oppure c'è il caos, la fine del vostro mondo e delle vostre sicurezze, per quanto poche.

Non credo che il Movimento Cinque Stelle sia la magica soluzione ai disastri presenti e futuri, anzi potrei scrivere decine di post di critica nei loro confronti. Ma lo voterò perché istintivamente credo che anche queste elezioni si giochino ancora sul fronte pro o contro l'establishment, nelle multiformi varianti di centro destra o sinistra e che i cinquestelle siano tra i pochi attrezzati a combatterli.

Se poi Di Maio e pentastellati dovessero addirittura avere la maggioranza per andare al governo sarà tutta un'altra storia, un capitolo davvero poco banale e meno insipido della prospettiva Gentiloni-Berlusconi.

 

prodi berlusconi gentiloni

Romano Prodi sembra che abbia trovato il suo vero erede in Paolo Gentiloni, ex pro tempore di Matteo Renzi ora impegnato a costruire la propria ditta per cercare di tornare al governo dopo le elezioni del 4 marzo.

 

La sortita di Prodi - non si tratta di una vera e propria discesa in campo - ha il pregio di essere semplice e chiara, senza fraintendimenti: l'appoggio a Gentiloni è in funzione anti Renzi e a favore di un governo di larghe intese con Berlusconi.

Dalla intervista del Corriere della Sera a margine del comizio di Bologna:

Gentiloni è la persona giusta per guidare un governo che riformi il Rosatellum?

«Sì. Non per caso la mia sortita dopo nove anni è stata a sostegno di Gentiloni, non è un fatto casuale».

In caso di stallo sosterrebbe un governo di larghe intese con Berlusconi?

«Io ho dato il mio sostegno pieno a un disegno, dopodiché in democrazia tutto dipende dai voti. Il problema dell’Italia è l’instabilità. Quando diventai premier e andai a Berlino per la prima visita ufficiale, il cancelliere Kohl mi abbracciò felice e poi mi chiese "chi viene la prossima volta?". Ormai questo aneddoto lo conoscete a memoria, ma se non chiudiamo questa storia dell’instabilità ci staremo sempre dentro».

Traduzione: dopo il 4 marzo c'è bisogno di un governo gentiloni con l'appoggio di berlusconi e la benedizione di prodi, per fare un paio di anni di sonno tranquillo con la ninna nanna di draghi, raffazzonare una legge elettorale di nuovo maggioritaria, riportare all'ovile i bersani d'alema, e riprendersi dallo shock del perditutto renziano.

Prodi e Berlusconi sono come due vecchi acerrimi nemici che alla fine si ritrovano sullo stesso fronte. Il Professore e il Pornostar, nel nome della realpolitik ovvero mai un governo con i 5Stelle, sfidano il senso dell'imbarazzo e del ridicolo e si lanciano in un nuova sfida per interposta persona, ma questa volta chi vince va bene anche a chi perde.

Il Professore si traveste da Gentiloni, l'ex maggiordomo diventato padrone; il Pornostar si affida a Tajani, faccia a Bruxelles e anima all'amatriciana.

Solo a pensarci, viene voglia di non andare a votare.

 

Elezioni 4 marzo, la DESTRA ha già vinto

Se c'era bisogno di capire chi e perchè vincerà le elezioni politiche del 4 marzo la risposta è arrivata in modo chiaro e inequivocabile da Macerata: vincerà la destra di Berlusconi-Salvini con la quasi piena soddisfazione dei fedelissimi di Renzi.

Il voto degli italiani, i due terzi che andranno a votare, servirà solo a stabilire se la maggioranza in Parlamento sarà autosufficiente o se dovrà ricorrere a qualche manipolo preso in "prestito" dal PD.
Ad avvalorare questa triste ipotesi non ci sono solo i sondaggi, tutti unanimi nel dare la coalizione di centrodestra  vincente grazie ad una legge elettorale idiota voluta da Renzi, ma soprattutto il clima e l'aria che si respira fanno intuire che c'è un'ampia egemonia culturale di destra che accomuna gran parte dello schieramento politico. Il neofascista che ha tentato la strage a Macerata è stato trasformato in un eroe della causa nazionale dalla destra sia estrema che moderata, ma anche dalle prove di impotenza dei rappresentanti di governo e delle istituzioni locali.

L'unica incertezza nella vittoria del buio dejavu è rappresentata da chi raccoglierà più voti tra Salvini e Berlusconi.
Se dovesse essere il primo, gli verrà fatto capire con le buone o le cattive che non può essere lui il presidente del consiglio ma in cambio riceverà molti posti di potere; se, come sembra, dovesse vincere Berlusconi, a Bruxelles faranno comunque festa e a Francoforte faranno gli straordinari per stampare altra moneta.


Il Movimento 5Stelle si consolerà con l'effimero primato tra i partiti. Nel futuro Parlamento dovrebbero avere vita facile ad accreditarsi come unica opposizione al governo, ma penso che sarà anche molto alto il rischio dello sfarinamento.

Renzi non ha ancora deciso quale potrebbe essere il risultato più utile per lui e il suo cerchio.

Quello più favorevole, scartata l'eventualità diche il centrosinistra + LeU avvicini la soglia dei 316 seggi, sarebbe un voto senza maggioranze possibili, nel qual caso si andrebbe a mantenere Gentiloni per altri 12 mesi a Palazzo Chigi sorretto da una maggioranza tecnica PD-Forza Italia.
Un governo Gentiloni consentirebbe di gestire il potere in continuità per preparare nuove elezioni chissà con quale porcata di legge elettorale e rinvierebbe forse la resa dei conti interna al PD alle calende greche.
In alternativa c'è l'ipotesi di un Renzi che, messo in minoranza nel PD, se ne va a cercare fortuna con un nuovo partito personale con il vantaggio di possedere l'80% dei parlamentari eletti.

Anche lui si metterebbe a  cantare "non mi avere fatto niente".

 

Il terrorismo di DESTRA cerca la strage a Macerata

Il raid del neofascista Luca Traini a Macerata è la conferma che anche in Italia la destra razzista e violenta si sente "protetta" da uno schieramento politico più ampio al punto da uscire allo scoperto e cercare l'escalation.

 

Il leghista-fascista-militante di Salvini non ha esitato a strumentalizzare l'omicidio della giovane Pamela ad opera di un delinquente nigeriano per scatenare una reazione a metà strada tra il terrorismo e l'agitprop. Al posto del megafono ha utilizzato una pistola e invece della piazza ha cercato l'applauso nelle strade per la caccia all'immigrato da ammazzare.

Ha ragione Roberto Saviano su Twitter:

 

Credo che il futuro sia stato già ampiamente ipotecato e che le prossime elezioni del 4 marzo ne saranno la tragica riprova.

Salvini si prepara a giocare e a vincere su due tavoli diversi: se il centrodestra vince e ha i numeri per governare da solo, Salvini e le sue truppe si sentiranno ancora più protetti e legittimati nell'utilizzo delle minacce e delle violenze. Se Berlusconi si allea con Renzi per un governo di inciucio nazionale, il boss leghista avrà buon gioco dall'opposizione a scatenarsi su tutto e contro tutti.

Per questo l'estrema destra sta con Salvini, ricambiata.