La vera, vecchia faccia di Putin

Dopo aver cercato di rifarsi l'immagine sequestrando "ospitando" Snowden, Putin è tornato a mostrare il suo vero volto:eliminazione degli oppositori, sfoggio muscolare, minacce e menzogne, uso spregiudicato del potere politico ed economico. Ma soprattutto approfitta delle debolezze altrui, come nel caso del sequestro dei militanti di Greenpeace: le deboli richieste dei governi non lo intimoriscono. Il suo obbiettivo è di dare una "punizione esemplare" a chi cerca di mettergli i bastoni tra le ruote. Il petrolio dell'Artico è troppo importante per la la sua strategia di potere.

La Spagna accusa la Cina di genocidio

Dal Southern China Morning Post del 12-10 una notizia che ha "urtato" la suscettibilità dei cinesi sulla questione Tibetana: finalmente un paese occidentale promuove un'azione giudiziaria contro l'invasione cinese del Tibet e il massacro della sua popolazione.   

10 suggerimenti di Yu Jianrong al Partito Comunista Cinese

  Yu Jianrong, lo studioso cinese famoso per i suoi scritti sulla stabilità sociale e le riforme, ha formulato un elenco di suggerimenti per i leader del partito comunista cinese :  http://www.theepochtimes.com/n3/291996-yu-jianrongs-10-suggestions-to-the-chinese-communist-party/ http://www.scmp.com/news/china-insider/article/1327098/yu-jianrongs-rural-renewal-project-stalls              

Snowden aderisce all'appello di Greenpeace

    In tutto il mondo si svolgono manifestazioni per la liberazione degli attivisti di Greenpeace detenuti dal regime di Putin con l'accusa di "pirateria" per aver cercato di sensibilizzare l'opinione pubblica mondiale sul rischio di disastro ambientale nell'Artico, aggravato dall'estrazione del petrolio.   Anche Ed Snowden, rifugiato in una località segreta della Russia nord occidentale, ha fatto sapere di voler aderire all'appello per la liberazione degli attivisti di Greenpeace.