Bernanke non riesce a smettere

Come un alcolizzato aggrappato alla sua bottiglia, Bernanke non ce l'ha fatta a smettere di inondare il mondo di dollari "stampati per sostenere l'economia".

Neanche un timido accenno, che pure tutti si aspettavano.

Significa che ormai la dipendenza dei mercati finanziari dalla droga spacciata dalla FED è totale. La Federal Reserve è in un circolo vizioso: l'economia non cresce, nonostante i trilioni di dollari stampati, i debiti e le bolle speculative crescono. Se la Fed abbandona il QE, la finanza crolla trascinandosi l'economia reale; se la Fed non abbandona il QE, la ricchezza si dirige verso i guadagni speculativi piuttosto che verso gli investimenti ed il lavoro.

Tutti i principali commentatori finanziari hanno osservato che la mossa di Bernanke è pericolosa, perchè dimostra che la Fed ormai non ha più il controllo della situazione ed è costretta a subire i ricatti dei mercati più di quanto le possa essere concesso. Per un banchiere centrale la perdita di credibilità è l'inizio della fine.

Una domanda che nessuno ancora ha iniziato a fare: come è possibile che un ordine finanziario mondiale fondato sul dominio politico e militare degli Stati Uniti possa superare indenne una fase di perdita di potere e di credibilità sia del Presidente USA che del capo della Fed ?

Quando qualcuno inizierà a porsi questa domanda, forse sarà troppo tardi.

Aggiungi Commento