CAOS cinese o globale?

La guerra delle valute non è una novità. Da almeno cinque anni, a fasi alterne, è il principale strumento di politica monetaria, utilizzato dalle banche centrali su richiesta dei governi per cercare di far ripartire il modello economico inceppato dalla crisi del 2008.

Prima gli USA, poi il Giappone, l'Europa e via via tutti, fino allo Zimbabwe, sono scesi in campo per svalutare la propria moneta a danno delle altre, perché ovunque si produce troppo, si consuma poco e ci si indebita tanto.

La Cina ha utilizzato per 20 anni l'arma della svalutazione per invadere il mondo con i suoi manufatti, poi ha deciso, per motivi non tutti compatibili tra di loro, di "peggarsi" al dollaro USA, mantenendo una sorta di cambio fisso manipolato dalla banca centrale.

Il motivo della scelta, in gran parte voluta e ribadita dal nuovo corso di Xi Jinping e Li Keqiang, risiedeva nella convinzione di poter uscire dallo status di paese finanziariamente anomalo e arretrato e di poter competere o addirittura condizionare le economie avanzate, con un occhio fisso al nemico Giappone.

Ma i progetti del governo cinese sono naufragati in un mare di debiti e di corruzione politica-finanziaria, nella crescita delle disuguaglianze e della necessità di mantenere un ordine sociale preordinato, dovendo comunque assecondare una parte delle spinte interne e soprattutto esterne: per farsi accettare dal FMI nel club dei paesi con una moneta "forte" e di riferimento, la Cina ha dovuto rendere meno evidente la manipolazione del cambio con le altre valute e nascondere il rallentamento della crescita esponenziale con i dati farlocchi sul PIL.

I governanti si erano illusi di poter realizzare in modo indolore la svolta economica presa a modello dalle economie occidentali, passando da un sistema basato essenzialmente sulla produzione di manufatti e opere pubbliche statali ad uno basato sui servizi e sui consumi interni. Si erano illusi di realizzare in pochi anni quel cambiamento che il capitalismo ha impiegato più di cent'anni a fare in occidente, non in maniera indolore ma con forti scosse sociali e politiche.

Negli ultimi mesi le illusioni si sono rivelate, prima con il crollo dei mercati azionari - massacrando milioni di piccoli risparmiatori semianalfabeti - e ora con la necessità di ammettere la svalutazione dello yuan come possibile arma nella guerra delle valute.

Quello che preoccupa i banchieri centrali non è tanto la dimensione della svalutazione, piuttosto le modalità caotiche e velleitarie con cui è stata annunciata, smentita, riproposta. I governanti cinesi stanno dando un'immagine inquietante di se stessi, e per gli speculatori una situazione caotica e confusa equivale al massimo rischio possibile, da evitare con ogni mezzo.

Anche la Federal Reserve non sa cosa fare, di fronte al dilettantismo cinese. La manipolazione dei mercati finanziari e il sequestro dei risparmi hanno bisogno di professionalità e collusioni che la Fed si è costruita in decenni di duro lavoro.

 

 

Aggiungi Commento