Dagli alberi di Istanbul alle vie di Stoccolma ...

Cosa lega la protesta di Gazi Park ad Istanbul a quella dei giovani di Stoccolma o di Francoforte ??

E' possibile scoprirlo in alcuni semplici grafici e da un'analisi autorevole di pochi giorni fa di Jeffrey D. Sachs, Professor of Sustainable Development, Professor of Health Policy and Management, and Director of the Earth Institute at Columbia University, is also Special Adviser to the United Nations Secretary-General on the Millennium Development Goals. His books include The End of Poverty and Common Wealth.

L'analisi di Sachs è un ininterrotto elogio delle politiche economiche e sociali della Tuchia di Erdogan. Un modello di equilibrio, saggezza, lungimiranza, unito a orgoglio nazionale, ruolo internazionale, fermezza delle istituzioni ecc ecc.

E tutto questo nonostante la collocazione geografica della Turchia, stretta tra Iraq e Siria, Grecia e Cipro, priva di risorse naturali significative e con gran parte del territorio impervio...

L'analisi ("Il successo della Turchia") è di pochi giorni fa ed è possibile leggerla su http://www.project-syndicate.org/commentary/inside-the-turkish-economic-miracle-by-jeffrey-d--sachs/italian. Dopo averla letta, mi sono fatto un'idea del perchè i turchi scendono in piazza con il pretesto di impedire che il verde pubblico venga cementificato, ma con l'obbiettivo (inconsapevole ?) di protestare contro la "gabbia della crescita". Le analisi compiacenti dei tecnocrati difficilmente possono cogliere le ragioni di una simile protesta.

 

graf1

 

 

grafico disoccup1

Aggiungi Commento

Loading