Il default che non c'è

Nessuno crede davvero al default degli Stati Uniti, cioè alla possibilità che non si trovi un accordo tra Obama e i Repubblicani per alzare il tetto di spesa oltre il quale il Tesoro USA non può per legge pagare i propri debiti (titoli di Stato, commesse, stipendi ecc).

Nessuno ci crede, tanto meno gli sciacalli di Wall Street, ai quali fanno comodo queste ondate di incertezza che gli consentono di guadagnare sia in ribasso che in rialzo, avendo le spalle coperte dalla Federal Reserve che gli fornisce le munizioni (denaro) a costo zero.

L'ora X è fissata per giovedì 17 ottobre, ma prima di allora ci sarà di sicuro un accordo per spostarla di qualche settimana, in mancanza di una intesa più duratura.

 

Aggiungi Commento