La carne nuoce gravemente alla salute

Il laconico comunicato con cui lo IARC (agenzia per la ricerca sul cancro interna all'Organizzazione Mondiale della Sanità) ha definito cancerogene le carni rosse e le carni lavorate ha un valore epocale, che è stato sottovalutato dai media di massa e che ha scatenato la corsa alla minimizzazione da parte dei governi e delle associazioni, in alcuni casi anche di quelle preposte alla salute.

Red meat

After thoroughly reviewing the accumulated scientific literature, a Working Group of 22 experts from 10 countries convened by the IARC Monographs Programme classified the consumption of red meat as probably carcinogenic to humans (Group 2A), based on limited evidence that the consumption of red meat causes cancer in humans and strong mechanistic evidence supporting a carcinogenic effect. This association was observed mainly for colorectal cancer, but associations were also seen for pancreatic cancer and prostate cancer.

Processed meat

Processed meat was classified as carcinogenic to humans (Group 1), based on sufficient evidence in humans that the consumption of processed meat causes colorectal cancer

 

La denuncia del'OMS è scientificamente provata e forse anche troppo tardiva. L'impatto della ricerca ricade su una delle industrie più importanti al mondo, su abitudini sociali radicate, basti pensare alla "democrazia del barbecue" negli USA o alla strage dei montoni nei paesi del Nord Africa, all'agnello pasquale  ecc.

L'industria della carne nel mondo ha stravolto intere aree geografiche, trasformazione di terreni agricoli a coltivazioni per foraggi, con utilizzo di enormi quantità di acqua per produrre la carne, additivi chimici e farmaci, contribuendo al cambiamento climatico e agli squilibri idrici del pianeta.

Il consumo di carne impedisce lo sviluppo di un'etica del rispetto degli animali più vicini alla scala evolutiva dell'uomo.

Il consumo di carne, anche dove non produce cancro, crea abitudini alimentari disastrose per la salute - obesità e disturbi del metabolismo - e costose da curare.

Molti di coloro che hanno cercato di "minimizzare" gli effetti della ricerca dello IARC - anche in rappresentanza di categorie di medici- hanno posto l'accento sul fatto che la definizione di cancerogeno non comporta di eliminare la carne dalla dieta umana, ma solo di "equilibrarla", riducendone le quantità assunte e le modalità di cottura.

C'è una corsa alla disinformazione da parte dei sostenitori degli interessi delle grandi multinazionali agroalimentari.

Il giudizio dello IARC è netto e categorico per quanto riguarda le carni "processate": hot dog, salumi, hamburger, ecc. . Equivale all'obbligo di etichettare le confezioni di carne lavorata con la scritta "NUOCE GRAVEMENTE ALLA SALUTE" come è d'obbligo per i prodotti del tabacco.

Le carni rosse - bistecche, bolliti, ecc -hanno un grado di "probabilità" di essere cancerogene, in funzione delle quantità e delle modalità di cottura.

La quantità di consumo procapite dovrebbe almeno dimezzare, tenendo conto di una media composta dagli eccessi dei paesi anglosassoni e dalle carenze dei paesi poveri: in generale si calcola che la produzione e il consumo di carni rosse dovrebbe ridursi di almeno il 30% (per i paesi occidentali oltre il 50%). Andrebbe inoltre vietata la cottura su barbecue o similari, o per tempi troppo lunghi (lo stracotto o il ragù napoletano)

Per quanto riguarda i salsicciotti tedeschi, non dovrebbero più essere consentiti. Dopo la VolksWagen, crolla un altro mito tedesco.

Aggiungi Commento

Loading