Perché le scelte di DRAGHI aggravano la crisi europea

Cadere dal primo piano di un edificio è molto rischioso e comporta nella migliore delle ipotesi gravi ferite. Cadere dal terzo piano è ancora più rischioso e con un'alta probabilità di decesso. Dal quinto piano in poi la morte è certa.

I capi delle banche centrali dei paesi più potenti - FED, BCE, BoJ, BoE - hanno da tempo attuato politiche di "stimolo" con tassi a zero a tempo indefinito, immissione di moneta non coperta, acquisto di titoli di Stato (la BCE non direttamente ma per il tramite delle banche commerciali).

Così facendo hanno favorito le attività speculative da un lato e hanno innalzato il livello di azzardo sia dei mercati che dei governi degli Stati indebitati dall'altro. Perché ridurre il debito pubblico italiano se Draghi promette che farà qualsiasi cosa per salvare l'euro ? Non c'è bisogno di essere economisti di Harvard per capire che negli ultimi anni le politiche monetarie hanno solo spostato su un piano più alto il rischio di caduta, senza rimuovere le cause di fondo di un sistema economico squilibrato e indebitato e anzi accrescendo il debito degli stati più indebitati ad un livello di bancarotta effettiva.

Il debito divora le risorse necessarie a mantenere un livello "sano" di sviluppo e crea un meccanismo perverso - per generare 1 euro di ricchezza è necessario indebitarsi per 1,5 euro.

La promessa di Draghi di "quantitative easing" equivale a portare il piano di caduta dal terzo al quinto.  (segue)

Aggiungi Commento