Anche la CIA scopre che l'amico saudita di Trump è un assassino

Di fronte alle decine di evidenze inequivocabili, anche la CIA si è convinta che il mandante dell'omicidio di Khashoggi è l'erede al trono saudita Mohammed bin Salman (MBS), grande amico della famiglia Trump.  Lo hanno rilevato fonti ufficiose dell'intelligence americana al Washington Post.
La Cia sostiene di avere le prove che il fratello di MBS Khalid avrebbe contattato il giornalista del WP per convincerlo a rientrare in Arabia o comunque a rivolgersi con fiducia al consolato di Istanbul per le sue pratiche di matrimonio.
Il giornalista con ogni probabilità ha rifiutato di rientrare a Riad ma si è fidato ingenuamente dell'invito a recarsi in consolato, non pensando che la crudeltà dei nuovi padroni arabi sarebbe potuta arrivare ad ucciderlo all'interno di una sede diplomatica.
Nel consolato c'erano ad attenderlo 15 aguzzini di MBS di cui uno esperto in "macelleria" umana e fornito di sega taglia-ossi.  Il corpo di Khashoggi non è stato ancora ritrovato.
 
Le rivelazioni dell'agenzia americana chiudono definitivamente il goffo e cinico tentativo, avallato anche da Donald Trump, di far credere all'opinione pubblica mondiale che a dare l'ordine di uccidere Khashoggi sia stato un personaggio dell'establishment saudita all'insaputa di MBS.
 
Dal Washington Post:
The CIA’s conclusion about Mohammed’s role was also based on the agency’s assessment of the prince as the country’s de facto ruler who oversees even minor affairs in the kingdom. “The accepted position is that there is no way this happened without him being aware or involved,” said a U.S. official familiar with the CIA’s conclusions.

Come logica conseguenza delle accuse  della CIA, il tiranno arabo dovrebbe essere incluso nella lista di soggetti coinvolti nell'assassinio di Khashoggi messi al bando e sanzionati dal Congresso USA.
Le ripercussioni sui rapporti USA-Arabia Saudita sarebbero notevoli con imprevedibili conseguenze sui precari equilibri di tutto il Medio Oriente e sulla strategia trumpiana che poggiava sull'allenaza stretta con il killer di Riad.
 
Donald Trump non ha ancora twittato alcun commento dopo le rivelazioni della CIA. Sta forse meditando di licenziare la boss dell'agenzia Gina Haspel?
 
 
Commenti chiusi