Donald Trump gioca con i soldatini contro i migranti

Trump-nazisti-US

Ad una settimana dalle elezioni di midterm il Presidente USA schiera 7000 soldati al confine con il Messico per fermare i 3500 superstiti della "carovana dei migranti" partiti dal centroamerica per rivendicare il diritto alla  protezione contro le violenze e i soprusi dei governi locali e devono ancora coprire una distanza di 1500 chilometri per arrivare in vista del Texas.

Anche un idiota si accorgerebbe della sproporzione e della cinica strumentalizzazione in chiave elettorale, ma Trump confida di poter suscitare uno scatto patriottico - la difesa della nazione e della razza - nello strato grasso dell'anima americana.

Per chi non avesse ancora capito che fa sul serio, Trump si appresta a decretare la fine del diritto di "ius soli" (birthright citizenship) per i bambini nati negli USA da immigrati irregolari, diritto garantito dalla Costituzione americana di cui l'estrema destra contesta l'interpretazione.

Trump inoltre cerca di smentire quanti lo accusano di vicinanza con i neonazisti antisemiti e per questo è andato a prendersi una bella razione di fischi e contestazioni ai funerali delle vittime della strage nella sinagoga di Pittsburgh ad opera di un suo esaltato seguace.

Cosa è costretto a fare il povero Donald per strappare qualche voto in più alle prossime elezioni!  

 

Aggiungi Commento