Il Mago Xi Jinping fa scomparire anche la bella Fan Bingbing

L'attrice più famosa e pagata di tutta la Cina era Fan Bingbing, almeno fino allo scorso 1° luglio, giorno in cui è scomparsa senza lasciare alcuna traccia e senza che nessuna autorità pubblica, cioè polizia magistratura ecc, si sia preoccupata ufficialmente di cercarla.

 

Fan Bingbing era apprezzata e richiesta anche nei salotti internazionali, perché dopo essersi affermata come attrice era diventata una imprenditrice, nel mondo della comunicazione globale e digitale, con decine di milioni di followers - più di 60 milioni di cinesi - ma anche nella finanza perchè si era lanciata nel business dei prestiti P2P che in Cina sono diventati un pericoloso gioco di massa.

Le circostanze in cui l'attrice è scomparsa fanno presumere che sia caduta improvvisamente in disgrazia a causa del vizietto di evadere le tasse con il trucco del doppio prezzo, uno finto per il fisco e uno vero per l'interessato, che in Cina è largamente praticato e tollerato dai funzionari di regime fino a quando gli conviene.

Ancora una volta il meccanismo di controllo del potere messo in piedi da Xi Jinping non fa una piega: l'obbiettivo della lotta alla corruzione, alle frodi o al terrorismo giustifica qualsiasi mezzo, anche quelli "poco ortodossi" che vengono sperimentati in modo sempre più massiccio per annientare le minoranze etniche come gli Uyghur o i rappresentanti di associazioni di difesa dei diritti umani.

Chi sbaglia paga, senza guardare in faccia a nessuno. Bravi, peccato che chi giudica appartiene alla casta ristretta degli amici devoti di Xi Jinping, che il giudizio è inoppugnabile e viene formulato prima ancora che siano raccolte le prove di eventuale colpevolezza.
Il caso di Fan Bingbing, che certamente non era nè una santarella nè un intellettuale dei diritti umani ma anzi era perfettamente integrata nel sistema di potere, è esemplare.

La sua caduta in disgrazia era stata già preannunciata attraverso il ministero per la propaganda di regime:

 https://chinadigitaltimes.net/2018/09/celebrities-fail-social-responsibility-assessment-amid-industry-crackdown/In June, days before Fan disappeared from all public events and stopped posting on social media, the party’s propaganda department, which plays a key role in media regulation and censorship, issued a notice chastising the film industry for “distorting social values,” “fostering money worship tendencies” and encouraging Chinese youths to “blindly chase celebrities.”


E anche la condanna sarebbe già stata emessa: tre anni di arresti domiciliari e l'esclusione da qualsiasi attività pubblica.
https://variety.com/2018/film/news/fan-bingbing-rumor-acting-ban-tax-evasion-scandal-1202902939/

Non c'è dubbio che il potere raggiunto dalla cricca di Xi Jinping è ai massimi livelli e il caso di Fan Bingbing è una ulteriore dimostrazione di forza, brutale ed efficace, ma può anche essere la spia di una debolezza che si trasforma in eccesso, una mania di controllo oppressivo che alla lunga potrebbe far scattare reazioni imprevedibili.

Gli oltre 60 milioni di followers dovranno rassegnarsi alla scomparsa della loro superstar. Il Mago Xi ne farà apparire un'altra, di sicuro gradimento.

PS: Per ironia della sorte uno dei primi celebri film di Fan Bingbing si chiamava "Lost in Beijing" (2007)

Aggiungi Commento