Il Vaticano scopre di avere due cadaveri nella Nunziatura di Roma

emanuela-orlandi-mirella-gregori

Potrebbero essere di Mirella Gregori ed Emanuela Orlandi le ossa trovate nella Nunziatura di Roma. Oppure potrebbero essere i resti di un evento, delittuoso o meno, di minore rilevanza.

Se la prima ipotesi fosse confermata dai test del DNA verrebbero a cadere i misteri che da 35 anni circondano le sorti delle due quindicenni, scomparse a distanza di un mese l'una dall'altra, anche se lo scalpore maggiore fu suscitato dal caso di Emanuela Orlandi.

 Il ritrovamento delle ossa sepolte in un locale dell'ambasciata vaticana potrebbe non essere stato casuale ma il risultato di una sorta di "confessione" da parte delle autorità vaticane stesse, dopo decenni di illazioni, depistaggi, intrighi internazionali.

Come è stato possibile seppellire due corpi dentro la Nunziatura senza che nessuno se ne accorgesse? o venisse a sapere?

Se le ossa sono quelle delle due ragazze scomparse, qual è stato il ruolo del capo della Nunziatura dell'epoca, l'arcivescovo Romolo Carboni vicino agli ambienti Opus Dei, che lasciò l'incarico dopo tre anni dalla scomparsa di Emanuela Orlandi per ritirarsi a vita privata?

Il Vaticano deve dare molte spiegazioni sulle ossa ritrovate "per caso".

L'opinione pubblica cattolica è molto, molto scossa dal ritrovamento, e il Vaticano di Papa Francesco non potrà trincerarsi nel silenzio dietro le indagini in corso della magistratura.

Aggiungi Commento