In Sinai i terroristi uccidono 305 musulmani senza alcun intervento dei militari di Al Sisi

In Sinai decine di terroristi ISIS arrivano con i fuoristrada, lanciano bombe contro una moschea gremita di fedeli e poi iniziano a sparare nel mucchio di chi fugge terrorizzato e persino sulle ambulanze che erano intervenute per i primi soccorsi. 

 

strage-sinai


Alla fine si contano 305 morti e più di cento feriti nel villaggio di Al Radwa nel nord del Sinai.


Il dittatore Al Sisi promette vendetta ma la verità è che il Sinai è nelle mani di gruppi terroristici sia locali che internazionali e che il regime egiziano non controlla il territorio, nonostante anni di coprifuoco e il massiccio dispiegamento di soldati.


I fedeli uccisi erano in gran parte seguaci di una fazione sunnita.
La situazione in medio oriente, dal Libano allo Yemen, diventa sempre più precaria.

Commenti chiusi