L'Afghanistan non esiste

Il recente annuncio di Trump sull'invio di un numero imprecisato, per un tempo indeterminato, di altri militari USA in Afghanistan in aggiunta ai quasi diecimila ancora presenti, sancisce la definitiva scomparsa del paese asiatico dalle mappe geopolitiche internazionali.

L'Afghanistan non può e non potrà mai tornare ad essere una nazione autonoma e indipendente, dotata di strutture amministrative e politiche proprie di uno Stato.

L'Afghanistan, dopo quaranta anni di guerre di cui 16 con il sigillo americano, non potrà mai più tornare ad essere quello di prima. E' un grande poligono di "addestramento" militare, dove eserciti più o meno regolari, mercenari, terroristi si allenano alle guerre possibili in altri luoghi. La popolazione civile, stremata e sradicata, assiste impotente nella quasi totale indifferenza dell'opinione pubblica mondiale

Nei progetti contenuti in un recente dossier segreto della CIA c'è l'intenzione di allargare e sancire definitivamente lo status di "non Stato" dell'Afghanistan, con il pretesto ovvio e inconfutabile della lotta al terrorismo e lo scopo altrettanto ovvio ma non dichiarato di sperimentare nuove armi e tecniche di guerra locale, come nel caso della superbomba MOAB o dell'utilizzo sul campo dei primi robot militari.

L'Afghanistan non esiste e non esisterà mai più, è un grande laboratorio con cavie umane, per le guerre dell'immediato prossimo futuro, e l'America farà di tutto per restarci, con qualsiasi pretesto per attrezzarlo con macchinari sempre più sofisticati.

Ora più che mai, con un Presidente come Trump autoconsegnatosi nelle mani dei militari.

 

Commenti chiusi