APPLE DAILY, 500 AGENTI PER ARRESTARE 5 GIORNALISTI A HONG KONG

APPLE DAILY, 500 AGENTI PER ARRESTARE 5 GIORNALISTI A HONG KONG


Un'altra pagina nera per Hong Kong: arrestato l'editore di Apple Daily Ryan Law e altri 4 giornalisti con l'accusa di aver violato la legge sulla sicurezza nazionale che impone di scrivere solo cose gradite a Xi Jinping. Il fondatore di Apple Daily Jimmy Lai è stato arrestato 1 anno fa.

i.fan. - 17/06/2021

/media/1upnbso0/apple-daily-500-agenti.jpg

E' l'alba ad Hong Kong ma la polizia è già spiegata in forze per condurre un'operazione spettacolare contro il nemico numero 1 del regime cinese, il gruppo giornalistico Apple Daily, il cui fondatore Jimmy Lay è in carcere da un anno per aver violato la legge sulla sicurezza nazionale voluta da Xi Jinping per mettere in gabbia gli Hongkongers.

Gli agenti si recano nelle abitazioni del capo editore di Apple Daily Ryan Law, di Cheung Kim-hung di Next Digital, Royston Chow, Chan Pui-man e Cheung Chi-wai giuornalisti dell'edizione online.

Poi per completare lo sporco lavoro, un esercito di 500 agenti invade la sede di Apple Daily per perquisirla e mettere i sigilli alle attrezzature.

Eliminare la stampa scomoda fa parte del rituale di ogni dittatura che si rispetti e Xi Jinping non vuole essere da meno dei suoi amici Lukaschenko e Putin, Erdogan o Al Sisi, a pochi giorni dalle celebrazioni del partito comunista cinese.

apple daily arresto

L'edizione online di Apple Daily titola: Il giro di vite contro Apple Daily un passo ulteriore verso "un paese, un sistema".


"L'ufficio di Pechino per la salvaguardia della sicurezza nazionale a Hong Kong sta prendendo di mira l'Apple Daily per mostrare il suo successo politico in vista del centenario del Partito comunista cinese a luglio, ha detto un commentatore politico veterano.

Secondo Willy Lam, un membro anziano della Jamestown Foundation, l'amministrazione si sta sbarazzando del suo "nemico numero uno" prima del primo anniversario dell'attuazione della legge sulla sicurezza nazionale, in modo da compiacere la leadership cinese.

"Agire su Apple Daily è una prova del suo successo nella salvaguardia della legge sulla sicurezza nazionale, nella speranza che Pechino sia soddisfatta della sua efficienza", ha affermato Lam.

...

Fermando l'attività di Apple Daily, le autorità centrali sperano di inviare un messaggio  agghiacciante attraverso la stampa e lanciare un avvertimento ad altri media e pubblicazioni che "non possono sfidare l'autorità del governo di Hong Kong e in particolare quella del governo centrale, ” ha detto Lam.

Anche i gruppi politici ritenuti "sovversivi" dovrebbero affrontare un intervento, incluso lo spegnimento, ha aggiunto l'analista. Pechino può mantenere il quadro di "un paese, due sistemi" per quanto riguarda l'economia e il sistema finanziario, ma in termini di politica, istruzione e ideologia, Pechino considera il mantenimento della stabilità come la sua massima priorità e tenderà a "un paese, un sistema".

Il successivo impatto su altri aspetti di Hong Kong sono solo considerazioni secondarie. E anche le critiche straniere non sono una preoccupazione, ha aggiunto.

Alan Leong, presidente del Partito Civico, ha affermato che Hong Kong si sente “sempre più estraniata”. L'operazione di polizia non sarebbe stata consentita dallo stato di diritto di Hong Kong in passato, ha aggiunto.

Ha osservato che la legge sulla sicurezza nazionale esiste parallelamente al sistema di common law. Dalle forze dell'ordine in prima linea, all'unità di sicurezza nazionale del Dipartimento di Giustizia e ai giudici designati per la sicurezza nazionale, è uno "sportello unico", ha affermato Leong. Anche il quarto stato fa ora parte dello stesso sistema. "Non possiamo presumere che le cose siano le stesse di prima", ha aggiunto l'avvocato."

i.fan.


keywords: Revolution of Our Times,Hong Kong, Regime Xi Jinping, Apple Daily

Post recenti

next

DDL ZAN-VATICANO, LA FAVOLA DI PAPA FRANCESCO FINISCE MALE

L'iniziativa del Vaticano contro il ddl Zan sull'omotransfobia riporta le lancette della Chiesa indietro di un secolo, decretando la fine della favola di Papa Francesco modernizzatore. Se Draghi non respinge nettamente l'ingerenza vaticana si renderà complice di una profonda spaccatura

23/06/2021 - Leggi

previous

INCONTRO BIDEN PUTIN, NON C'E' DA FIDARSI

INCONTRO BIDEN PUTIN, NON C'E' DA FIDARSI

  • La stampa internazionale esalta l'incontro tra Joe Biden e Vladimir Putin
  • "Svolta storica, fine della seconda guerra fredda, fiducia ritrovata tra USA e Russia"
    Ma la CNN analizza le dichiarazioni di Putin e ...

17/06/2021 - Leggi