COME GLI STATI UNITI FINANZIANO I TALEBANI

COME GLI STATI UNITI FINANZIANO I TALEBANI


In un articolo del 2011 l'analista dello staff di Obama, Juliette Kayem, dimostrava come una parte del denaro americano in Afghanistan finiva col finanziare l'organizzazione dei talebani

i.fan. - 16/08/2021


Tutto il mondo, guardando le catastrofiche immagini dell'aeroporto di Kabul e gli aerei che si alzano in volo con aggrappate decine di persone che tentano di fuggire, si chiede come sia potuto accadere che l'esercito più potente del mondo sia stato battuto dalle bande di talebani islamici.

Molti ora puntano il dito contro la corruzione dilagante nell'amministrazione afghana, che avrebbe privilegiato fasce ristrette di popolazione e lasciato in povertà gran parte degli abitanti nelle province rurali.

Un fenomeno che già si conosceva 10 anni fa e ha contribuito ad accrescere la rabbia delle popolazioni e l'influenza organizzata dei talebani, i quali hanno utilizzato denaro americano per comprare armi con cui uccidere soldati americani.

Un fenomeno dilagante nella guerra in Vietnam negli anni '60. La fuga degli americani da Saigon nel 1975 identica, anche negli antefatti, a quella da Kabul 2021.

In un articolo del 2011 l'analista dello staff di Obama, Juliette Kayem denunciava il fenomeno e i goffi tentativi del Pentagono di arginarlo


"I miei reparti logistici hanno ben poco da ridere", si dice che Alessandro Magno dicesse ai suoi soldati. "Loro sanno che se la mia campagna fallisce, sono i primi che ucciderò".


La logistica crea o distrugge il successo militare, dalla preparazione alla scelta del campo di battaglia per combattere il nemico. Persone, merci, cibo e armi devono muoversi velocemente e in modo affidabile; la logistica non può essere delegata facilmente.

Gestire la logistica per la guerra in Afghanistan non è un'impresa facile, data la distanza, il clima, il terreno e la costante minaccia di azioni violente. Ma recenti prove mostrano che aver collegato la nostra pianificazione logistica militare a una strategia di controinsurrezione separata per rafforzare gli afgani, ha creato un racket di estorsioni che aiuta a finanziare proprio le persone che stiamo combattendo.

Si comincia con i camion.

Se la guerra è un business, è un business di filiera. A differenza dell'Iraq, dove l'esercito ha utilizzato appaltatori americani, il Pentagono ha assunto imprese locali per sostenere la nostra presenza militare in Afghanistan. Solo l'anno scorso abbiamo firmato quasi mille nuovi contratti con fornitori non statunitensi in Afghanistan. Questo aveva senso per la nostra strategia di contro-insurrezione; promuoverebbe le imprese afgane e le aiuterebbe a sviluppare le capacità necessarie per controllare il proprio destino.

Ma se sia stato un bene per i nostri militari è un'altra questione.

Nel nostro desiderio di mettere al primo posto gli afgani, abbiamo perso il conto di quasi 400 milioni di dollari di 2 miliardi di dollari distribuiti nell'ambito del contratto di trasporto per l'esercito in Afghanistan.

Questo non è il tipico errore contabile o la mancata verifica di una spesa. Le prove suggeriscono fortemente che il contratto logistico primario dell'esercito ha alimentato uno schema di tangenti e riciclaggio per finanziare insorti, signori della guerra e reti criminali.

Il loro obiettivo primario: noi.

È un errore devastante.

L'anno scorso, il rappresentante del Massachusetts John Tierney ha avviato un'indagine del Congresso, Warlord, Inc., sul programma Host Nation.

Dopotutto, una cosa è fornire sostegno monetario alle aziende afgane per costruire ponti o scuole, un'altra è pagare gli afgani per sostenere il trasporto delle nostre truppe.

Quell'indagine ha mostrato che i fondi per il trasporto su autocarro, attraverso racket e corruzione, finivano nelle mani dei talebani e degli insorti.

Il contratto con gli afgani ha tolto incombenze alle nostre limitate truppe, che stanno lì per combattere, e certamente era più economico che utilizzare le compagnie americane.

Per questo il Pentagono alla fine acconsentì. Come riportato dal Washington Post quest'estate, in un'indagine su una delle otto società afgane che avevano contratti con gli Stati Uniti, quasi la metà di un pagamento di 7 milioni di dollari è andata a un comandante della polizia nazionale afgana. Quel comandante poi, in 27 transazioni separate, ha trasferito i pagamenti agli insorti sotto forma di armi e denaro.

Gran parte del "dirottamento" di denaro è semplice frode.

Parte di questo denaro probabilmente va a ripagare gli insorti al fine di fornire un passaggio sicuro per le merci che devono raggiungere i nostri soldati che sono lì per garantire, beh ... che gli insorti non controllino il passaggio sicuro dei trasporti in Afghanistan.

È uno strano "circolo di dipendenza", ha detto Tierney, che ha tenuto un'audizione la scorsa settimana sul programma.

All'udienza, il Dipartimento della Difesa ha insistito sul fatto che ora ha posto controlli più severi sulle compagnie afgane che lavorano per supportare le nostre truppe. Tuttavia, le otto società originarie rimangono sotto contratto. Una, il Watan Group, ha contestato legalmente i tentativi del Pentagono di escluderla dai contratti con gli Stati Uniti. Il Pentagono ha invertito la rotta dopo che Watan ha accettato di migliorare la sua supervisione su eventuali contratti futuri.

Il denaro, il nostro denaro, è maturo per gli afgani che traggono profitto dall'instabilità in una nazione che continuiamo a giurare sia pronta per la pace.

L'assalto di quasi 20 ore dei ribelli contro l'ambasciata americana a Kabul all'inizio di questo mese è stato sfacciato e senza precedenti. Sembra che non ci sia fine alla capacità degli insorti di finanziarsi e armarsi.

I fallimenti del Pentagono nell'aggiustare sufficientemente questo programma non sono necessariamente un segno di sfortuna. A questo punto costerebbe molto portare gli appaltatori statunitensi in Asia.

il  fatto è che non siamo in una posizione abbastanza forte per controllare tutta la corruzione nella catena di approvvigionamento.

Possiamo sistemare la supervisione di un contratto di autotrasporto o continuare a portare a casa le truppe che il contratto è destinato a supportare.

La seconda opzione è sicuramente più auspicabile, per quanto  ad Alessandro Magno sembrerebbe "senza umorismo".


pubblicato su The Boston Globe il 19 settembre 2011

i.fan.


keywords: Talebani, Afghanistan, guerra, U.S.A., Joe Biden , Pentagono, corruzione, finanziamenti, Saigon 1975,

Post recenti

next

L'AFGHANISTAN PRECIPITA DALL'AEREO DI BIDEN

L'AFGHANISTAN PRECIPITA DALL'AEREO DI BIDEN

L'immagine simbolo della fine di venti anni di guerra in Afghanistan è racchiusa nel cielo azzurro sopra Kabul, due puntini neri che si staccano dall'aereo della US AIR FORCE appena decollato la mattina del 16 agosto 2021, e si schiantano al suolo.

Joe Biden proclama: "America is back home"

17/08/2021 - Leggi

previous

TALEBANI A KABUL, OCCIDENTALI IN FUGA

TALEBANI A KABUL, OCCIDENTALI IN FUGA

Non c'è stata nessuna resistenza all'entrata dei Talebani a Kabul, dopo che il corrotto presidente Ghani era fuggito assieme agli americani. L'Afghanistan diventa un "Emirato Islamico" venti anni anni dopo la tragedia del 11 settembre. Per gli U.S.A. e l'Occidente una sconfitta epocale. Joe Biden tace e non interrompe le vacanze.

16/08/2021 - Leggi