Cuba, Dopo il Coronavirus la Fame?

Giovanna Barile - 11/5/2020


L'epidemia di Covid-19 ha bloccato il turismo, unica fonte di ricchezza per sopravvivere all'embargo americano. Sull'isola i cubani disciplinati ma tristi temono il ritorno della fame piu' che il contagio del coronavirus. Gli appelli del governo alla �resistenza� sono suoni senza eco.

/media/wmso1eto/cuba-covid-embargo.jpg

Nel quotidiano appuntamento televisivo delle 18:00 il Dr. Francisco Duràn, direttore dell'Istituto Nazionale di Epidemiologia e ormai figura carismatica, scandisce dietro la mascherina le cifre aggiornate del contagio a Cuba (popolazione complessiva: 11,5 milioni): - dall'inizio dell'emergenza a oggi, 754 casi positivi, di cui 33,4% donne e 66,6% uomini; - 77 deceduti; - ricoverati in osservazione: 1.894; - in osservazione a casa: 4.081; - numero di campioni analizzati: 67.350

Subito dopo il rapporto del dr. Duran, e appena prima del rituale applauso dalle finestre dedicato a medici e personale sanitario, il telegiornale intervista la Ministra del commercio interno, ugualmente ascoltatissima perche' informa sugli approvvigionamenti di generi alimentari e non, problema principe che domina le giornate di tutti.

L'azzeramento del flusso turistico, conseguente alla chiusura delle frontiere del 13 marzo scorso, si somma ai catastrofici effetti dell'embargo nordamericano per portare allo stremo una popolazione già sofferente.

Il "paniere" di beni essenziali garantiti a tutti i cubani e' desolatamente magro. Mancano i due alimenti di base della dieta cubana: il riso e il pollo. Perfino i fagioli scarseggiano, per non parlare di sale, farina, latte, introvabili da settimane.

Dunque in ogni casa si ascolta in religioso silenzio cosa ha da dire, sempre da dietro la mascherina, la Ministra responsabile della distribuzione dei prodotti nei -sempre meno numerosi - negozi aperti, che per di piu' lavorano a orario ridotto, producendo file che girano tutt'intorno agli isolati e poi si perdono nel nulla.

La Ministra dice che si sta provvedendo alla distribuzione del pollo, che nella settimana entrante soddisfera' il 90% della domanda. Va peggio con sapone, dentifricio e detersivo, che arriveranno solo al 30% della popolazione. Per pannolini e carta igienica (sempre, ciclicamente, assenti all'appello) nessuna previsione di ricomparsa sugli scaffali.

Riso poco e razionato; olio solo per il 20% della domanda; formaggio e burro sono nomi fantascientifici . E cosi' via. La gente mette le mascherine (tutti, indistintamente), si mette in fila dall'alba, sapendo che quando riuscira' ad entrare nel negozio forse quello che cerca sara' finito. Le uniche conversazioni che si scambiano riguardano il dove trovare una cosa o l'altra: in tal negozio "aparecià" la salsa di pomodoro, in tal altro il pure' di patate. Laggiù si trovano un po' di uova.

Questa Cuba nervosa e triste non somiglia in nulla a quella che, fino a due mesi fa, risentiva in parte dell'obbligo di mostrarsi allegra e canterina per non deludere i turisti.

Spariti questi ultimi, la gente si mostra come e' in tutto il mondo: a volte stufa, a volte cupa, immersa in questa fatica del giorno per giorno, con pochi soldi e poco ottimismo. Gli slogan motivazionali che risuonano in televisione e alla radio, gli appelli del governo alla resistenza e all'orgoglio nazionale, sono suoni senza eco.

A molti richiamano alla mente il terribile ricordo del "periodo speciale ", che per tutto il decennio dei '90 ha letteralmente messo alla fame tutto il paese. Come allora, sono cominciati i razionamenti di energia elettrica e acqua, dovuti anche alla prolungata assenza di piogge. E col caldo che aumenta, cresce l'insofferenza.

"Davvero pensa che si sta tornando al periodo speciale?" chiedo a un signore con il quale ho cominciato a chiacchierare durante una lunga fila. Risponde deciso di sè. Prende fiato come per aggiungere qualcosa, poi ci ripensa e non dice niente.

Tornando verso casa penso per l'ennesima volta al privilegio di poter vivere in un paese diverso dal mio abbastanza a lungo da conoscerne albe e tramonti, condividere gioie e drammi, avere il tempo di conoscerne la tristezza e la creativita' e di cercare gli anticorpi alla rassegnazione che -ne sono convinta- esistono in ogni angolo del mondo.

Qualche anticorpo l'ho intravisto, ve lo racconto la prossima volta.

Giovanna Barile



Post recenti

next

Lo Sfrattatore

Yuri Bizzoni - 13/5/2020

Lo Sfrattatore

"Per 42 anni e 7 mesi, lei signor Tal dei Tali ha vissuto la stessa notte ogni notte qui al Motel 321 sulla Lane 34: ha preso la camera con la sua fidanzata ...

Leggi

previous

Lo Sfrattatore

Yuri Bizzoni - 13/5/2020

Lo Sfrattatore

"Per 42 anni e 7 mesi, lei signor Tal dei Tali ha vissuto la stessa notte ogni notte qui al Motel 321 sulla Lane 34: ha preso la camera con la sua fidanzata ...

Leggi

-->