Israele uccide AL-AROURI DI HAMAS IN LIBANO e Provoca Hezbollah


i.fan. - 2 Gennaio 2024 - aggiornato il 02/01/2024 22:58:43


/media/zlxndj45/saleh-al-arouri-hamas.jpg

L'uccisione a Beirut di Saleh al-Arouri, vice capo dell'ufficio politico di Hamas, in Libano da alcuni anni svela il tentativo di Israele di coinvolgere gli Hezbollah nella guerra contro Gaza



È il colpo più pesante dal 2006 scatenato da Israele in Libano, nel cuore della periferia sud di Beirut. Saleh al-Arouri, vice capo dell'ufficio politico di Hamas, uno dei più alti funzionari militari, era arrivato in Libano anni fa e risiedeva nella periferia sud di Beirut.

Secondo le prime informazioni, l'operazione è stata compiuta con due droni, mentre ci sono notizie contrastanti sul fatto che l'attacco abbia preso di mira uno degli appartamenti della zona durante un incontro di al-Arouri con un certo numero di funzionari delle Brigate Izz al-Din al-Qassam, cioè funzionari militari responsabili dell'organizzazione e dell'esecuzione di attacchi di Hamas dal sud del Libano contro Israele. Una seconda versione sostiene che l'attacco aveva preso di mira direttamente l'auto di al-Arouri.

Più tardi, fonti della sicurezza libanese hanno confermato che due appartamenti nell'edificio in cui si trovava Al-Arouri sono stati presi di mira da tre missili, che hanno causato la sua morte e quella di altri miliziani di Hamas.
Hamas ha confermato la notizia dell'assassinio del suo vice capo del suo ufficio politico, lo sceicco Saleh al-Arouri, nell'esplosione della periferia sud di Beirut, annunciando "la caduta di due leader Qassam nell'esplosione della periferia sud di Beirut".
Parallelamente all'assassinio, nello spazio aereo libanese sono stati registrati pesanti sorvoli di aerei da guerra israeliani, mentre alcune informazioni parlavano dell'interruzione delle comunicazioni tra i leader di Hamas dopo l'attacco.

Chi era Arouri?
Soprannominato "Abu Muhammad", al-Arouri era un importante leader politico e militare palestinese che ricopriva il ruolo di vice capo dell'ufficio politico di Hamas. Aveva contribuito a fondare le Brigate al-Qassam, l'ala militare di Hamas in Palestina. Al-Arouri era la mente dell'armamento delle Brigate Qassam.
Aveva trascorso quasi 15 anni nelle prigioni dell'esercito israeliano, poi espulso dalla Palestina. Era stato uno dei membri del team negoziale per completare l'accordo Wafa al-Ahrar "Shalit deal". Era anche considerato l'architetto della "Yards Unit".
Il 27 agosto 2023, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu aveva minacciato di assassinare il vice capo dell'ufficio politico di Hamas, Saleh al-Arouri.

L'uccisione di Al-Arouri da parte dei reparti speciali dell'esercito israeliano non sarebbe un evento particolarmente grave se non fosse per il contesto in cui è stata realizzata. Il Libano è un paese sovrano con un passato di guerra e di conflitti con Israele, l'ultimo dei quali nel 2006 provocò la distruzione di Beirut. Il Libano è un paese dilaniato dai conflitti etnici e dai precari equilibri tra le componenti. Gli sciiti di Hezbollah si sono insediati in modo permanente nella vita politica-sociale libanese dove esercitano un'influenza pur dovendo accettare alcuni compromessi.


Quando è scoppiata la guerra tra Israele e Gaza a seguito dell'attacco terroristico di Hamas del 7 ottobre, si temeva che il capo di Hezbollah, Hassan Nasrallah, succeduto a Abbas al-Musawi, assassinato dal IDF nel febbraio 1992, avrebbe proclamato guerra ad Israele. Ma Nasrallah ha invece scelto un atteggiamento più prudente, "limitando" il ruolo di Hezbollah ad uno scontro quasi simbolico lungo il confine Nord.

Al Arouri per conto di Hamas era l'interlocutore più importante di Nasrallah, con il quale avrebbe dovuto incontrarsi poche ore dopo essere stato ucciso, in vista dell'importante discorso che il segretario generale di Hezbollah dovrebbe tenere il 5 gennaio e nel quale dovrebbe chiarire la posizione di Hezbollah nei confronti di Israele alla luce degli sviluppi della guerra di Gaza.

L'uccisione dell'esponente palestinese in Libano getta benzina sul fuoco dei rapporti tra Hezbollah e Israele e sembra fatta apposta per aizzare la reazione sciita ed allargare il conflitto.


Netanyahu persegue consapevolmente la strategia del "regolamento dei conti" con tutti i nemici storici di Israele, e tra questi ci sono ovviamente l'Iran e gli Hezbollah.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha  cercato di dissuadere Netanyahu dal provocare apertamente il Libano, manifestando però una posizione debole e ambigua, al punto che il cinico israeliano si fa beffe delle "esortazioni" americane.

Uccidendo al-Arouri nel cortile di casa di Hezbollah a Beirut, Israele punta a provocare il movimento sciita, braccio armato dell'Iran in Libano e ad allargare la guerra, nella convinzione che gli Stati Uniti non potranno che adeguarsi agli sviluppi bellici in tutta la regione, come hanno già fatto intervenendo contro gli Houthi nel Mar Rosso.


Anche gli ostaggi israeliani nelle mani di Hamas sono vittime indirette dell'uccisione di Al Arouri, il numero 2 del movimento palestinese ucciso a Beirut dai missili del IDF.

Hamas ha comunicato la cessazione dei colloqui per la liberazione degli ostaggi in seguito alla morte di Al Arouri. E' probabile che alcuni ostaggi verranno uccisi per rappresaglia contro l'operazione israeliana a Beirut.

Ormai è evidente che la scelta di Netanyahu è di sacrificare la vita degli ostaggi pur di raggiungere l'obbiettivo della distruzione e della "pulizia etnica" di Gaza.

i.fan. twitter: menoopiu


Key1: Hamas keywords: Saleh al-Arouri, Guerra di Gaza, Hamas, Israele, Netanyahu, Hezbollah,

Date Created: 02/01/2024 19:33:30


Post recenti

next


/media/fayhpkga/guerra-russia-ucraina-012024.jpg

Perché SCRIVERE SULLA GUERRA DI RUSSIA A UCRAINA è più faticoso

"Da molto tempo non scrivi più sulla guerra della Russia all'Ucraina, perché pensi che Putin stia vincendo? e non vuoi ammetterlo?"

previous


/media/amgnzrot/guerra-israele-gaza-2024.jpg

CATASTROFE UMANITARIA, Strategia di Israele per Vincere Contro Gaza

Gaza è già distrutta e occupata, ma Israele insiste nelle stragi e nell'orrore, perché il suo obbiettivo non è sconfiggere Hamas e liberare gli ostaggi.
Netanyahu vuole trasformare Gaza da prigione a lager e costringere i palestinesi sopravvissuti ad abbandonarla


---
_______ ALTRI POST _____________