Maria Adela, la Spia di Putin che Venne dal Caldo di Napoli


/media/tv3itkib/adela-spia-russa.jpg

Un'indagine condotta da Bellingcat, The Insider, Der Spiegel e La Repubblica ha portato alla scoperta di una spia russa, nome di copertura Maria Adela Kuhfeldt Rivera, che da anni operava a Napoli per conto del GRU, il servizio segreto militare russo, frequentando ufficiali della NATO

i.fan. - 27 Agosto 2022 - aggiornato il 27/08/2022 14:11:27


Un'indagine condotta da Bellingcat, The Insider, Der Spiegel e La Repubblica ha portato alla scoperta di una spia russa, nome di copertura Maria Adela Kuhfeldt Rivera, vero nome: Olga Kolobova, che da anni operava a Napoli per conto del GRU, il servizio segreto militare russo, frequentando ufficiali della NATO.


vedova, gioielliera, spia: come una agente del GRU si è fatta strada nei circoli NATO in Italia


 

 

 


da bellingcat.com

Questa indagine congiunta di Bellingcat, Der Spiegel, The Insider e La Repubblica, è stata condotta nel corso di 10 mesi.

Si basa su dati provenienti da fonti aperte, archivi accessibili al pubblico, dati FOIA dal Perù, database russi trapelati e interviste con persone che avevano inconsapevolmente stretto amicizia con la spia russa.

La maggior parte delle persone ha accettato di essere nominata nonostante inizialmente temesse di parlare pubblicamente di un individuo che ora capiscono essere una spia del GRU.

Eppure alcuni di coloro che hanno parlato lo hanno fatto solo a condizione di anonimato a causa di queste preoccupazioni.


 

... Il giorno dopo, il 15 settembre 2018, una donna con un nome lungo e dal suono latino ha acquistato un biglietto di sola andata da Napoli, in Italia, a Mosca.

Per circa un decennio, questa persona aveva viaggiato per il mondo come una socialite cosmopolita, nata in Perù, con la sua linea di gioielli.

Più tardi quella sera, è atterrata a Mosca e da allora non è noto che abbia lasciato la Russia.

Ha volato con un passaporto numerato con uno degli intervalli di numeri che Bellingcat aveva individuato il giorno precedente - in effetti, il suo differiva solo di una cifra dai passaporti su cui Boshirov e il capo del GRU di Petrov avevano volato in Gran Bretagna solo sei mesi prima.

Il nome sul suo passaporto era Maria Adela Kuhfeldt Rivera, e come Bellingcat e i suoi partner investigativi hanno scoperto, era una GRU illegale che gli amici degli uffici NATO di Napoli avevano creduto per anni fosse una designer di gioielli di successo con un retroscena colorato e una vita personale caotica.

....

Come è stata inventata Maria Adela

L'8 agosto 2005, l'ufficio di registrazione civile del distretto di Independencia a Lima, in Perù, ha ricevuto una domanda di iscrizione di un nuovo cittadino peruviano nel database nazionale dei cittadini del paese. L'aspirante cittadina ha dichiarato che il suo nome era Maria Adela Kuhfeldt Rivera, e i suoi avvocati hanno presentato un certificato di nascita dal registro civile della città balneare di Callao. Il certificato di nascita era datato 1 settembre 1978 e riportava il numero sequenziale 1109 sul registro delle nascite del Perù per quell'anno.

Secondo una lettera del registro civile peruviano esaminata da Bellingcat, l'ufficiale civile che gestisce il caso ha sospeso la domanda e ha chiesto ulteriori prove per l'effettiva nascita di Maria Adela.

Il 19 agosto 2005, gli avvocati di "Maria Adela" hanno presentato un documento aggiuntivo: un certificato di battesimo della parrocchia Cristo Liberador di Callao. Secondo il documento della chiesa, la piccola Maria Adela è nata il 1 ° settembre 1978 ed è stata battezzata due settimane dopo, il 14 settembre 1978.

L'ufficiale civile di Lima non era convinto e ha contattato per la verifica il parroco delle diocesi di Cristo Liberador, il Rvd. José Enrique Herrera Quiroga. Sfortunatamente per il cittadino in attesa, il sacerdote non avrebbe nemmeno dovuto controllare i registri della chiesa per segnalare che il documento era falso. Aveva avuto l'onore di essere il fondatore e sacerdote inaugurale di questa chiesa che è stata fondata nel 1987, nove anni dopo il presunto battesimo di Maria Adela.

 

...

Qualunque cosa fosse, "Maria Adela" ha ricevuto il suo primo passaporto russo nel 2006, usando esattamente lo stesso nome e la stessa data di nascita. Secondo l'identità di copertina che è stata creata per lei, ha lavorato come "specialista leader" presso l'Università statale di Mosca e ha vissuto in un indirizzo di Mosca già nel 2010, secondo i database di registrazione. Quelli che vivono lì ora ci hanno detto che non avevano mai sentito parlare di lei.

In particolare, il passaporto russo nazionale rilasciato a "Maria Adela" apparteneva a una gamma che il GRU aveva rilasciato per i passaporti nazionali di almeno altre sei spie del GRU, tra cui un ufficiale incriminato per l'avvelenamento del produttore di armi bulgaro Emilian Gebrev e un altro ufficiale coinvolto nell'avvelenamento di Sergey Skripal.

Sulla base della vicinanza dei numeri di passaporto e della data di emissione nota degli altri passaporti, possiamo stimare che "Maria Adela" abbia ricevuto i suoi documenti d'identità russi nel novembre o dicembre 2006 – poco prima che il Ministero della Giustizia peruviano bruciasse pubblicamente la sua identità, anche se su un sito web poco visitato.

...

Una partenza affrettata

Nel 2018, la fittizia "Maria Adela" è tornata a Mosca un'ultima volta. In questa occasione, tuttavia, ha viaggiato con un nuovo, terzo passaporto russo. Come i due precedenti, questo passaporto utilizzava un numero dei lotti assegnati dal GRU.

La sua vita sociale solitamente attiva è evaporata, e nessuno dei conoscenti con cui i giornalisti hanno parlato ricorda di essere stato informato da lei dei suoi piani di lasciare l'Italia per sempre, o delle ragioni di tale decisione. L'unico ricordo della sua vita precedente che "Maria Adela" ha portato a casa con sé, mostrano i documenti di confine, era un gatto. "Maria Adela" aveva un gatto nero di nome Luisa, che due dei suoi conoscenti hanno descritto al nostro team come l'unica cosa stabile nella sua vita.

Due mesi dopo la sua partenza, tuttavia, ha pubblicato un ultimo post criptico, ma principale sulla sua pagina Facebook. In esso, alludeva ad aver sofferto di cancro e parla dei suoi capelli che ricrescono "dopo la chemio".

 

....

 

Tuttavia, il nostro team ha lottato per mesi per trovare qualsiasi indizio sulla sua vera identità. Non c'erano fotografie di questa persona sui social media russi, quindi le ricerche inverse non hanno prodotto risultati. I numeri di telefono russi che erano stati elencati come contatti per la sua falsa identità nei suoi documenti di "creazione dell'identità" del 2007 erano registrati a una "persona anonima" (che era un'altra indicazione della sua affiliazione con un servizio segreto, poiché tutti i numeri in Russia devono essere registrati a nome di una persona reale).

Una ricerca inversa nel vasto database dei passaporti della Russia non ha portato a corrispondenze con una persuasiva fiducia di somiglianza facciale. Tuttavia, ha prodotto centinaia di possibili partite a basso punteggio che il nostro team ha iniziato ad analizzare per identificare altre possibili sovrapposizioni.

È stata un'analisi approfondita di una di queste partite facciali a basso punteggio che alla fine ha portato all'identificazione della persona reale dietro "Maria Adela".

 

....

Un confronto tra due fotografie di età diverse di "Maria Adela" da fonti di social media con una vecchia foto del passaporto di una cittadina russa di nome Olga Kolobova, nata nel 1982, nello strumento Azure di Microsoft ha dato punteggi non impressionanti inferiori al 35%. Dopo aver inizialmente scartato questa persona come un improbabile sospetto, i giornalisti hanno rivisitato questa ipotesi a causa della vecchia annata della foto del passaporto, che probabilmente mostrava la persona all'età di 14 o 15 anni.

In effetti, la compatibilità non visiva tra i due personaggi divenne presto sorprendentemente intrigante. In primo luogo, Olga Kolobova non aveva un'impronta digitale a Mosca prima del 2018. Non è stata scoperta una singola registrazione dell'indirizzo, violazione del traffico o registrazione del numero di telefono in nessuna delle dozzine di database di Mosca trapelati. Tuttavia, questa persona aveva una presenza digitale molto attiva che è iniziata a novembre 2018 – proprio nel momento in cui "Maria Adela" sarebbe tornata a Mosca.

...


...
Abbiamo poi scoperto un account di social media sulla piattaforma russa Odnoklassniki (OK) che nel 2019 è stato registrato con il nome e la data di nascita di Olga. Oltre a promuovere contenuti pro-guerra da un gruppo chiamato "Amici di Putin", era membro di un solo altro gruppo su OK – quello di una clinica veterinaria a Mosca che si occupava, tra gli altri animali, di gatti.

Utilizzando vecchi database trapelati da città al di fuori di Mosca, alla fine siamo stati in grado di rintracciare la precedente presenza digitale di Olga in Russia fino al 2005, quando, all'età di 23 anni, aveva registrato una società che commerciava alcolici nella regione di Krasnodar in Russia. Rintracciando la sua registrazione dell'indirizzo, siamo stati anche in grado di rintracciare suo padre.

Abbiamo scoperto che era stato il capo della Facoltà militare presso l'Università degli Urali di Ekaterinburg fino al suo pensionamento nel 2007. Più intrigante, il suo sito web scolastico si vantava che lui, un colonnello delle forze armate russe, aveva ricevuto numerose distinzioni e medaglie "per il suo servizio alla Patria all'estero, tra cui in Angola, Iraq e Siria".

Sulla base dei risultati di precedenti indagini secondo cui le spie del GRU sono spesso reclutate tra i figli di ufficiali militari di alto rango, anche con background di intelligence, questo ha aggiunto ulteriore credibilità alla possibilità che "Maria Adela" e Olga fossero la stessa persona.

Questa ipotesi è stata rafforzata anche dal fatto che Olga Kolobova era diventata proprietaria di due appartamenti a Mosca durante i periodi in cui "Maria Adela" era in Russia. Il primo – un piccolo studio in una location prestigiosa, è stato acquisito durante uno dei viaggi di "Maria Adela" in Russia nell'aprile 2013. Il secondo, un lussuoso appartamento di 100 metri quadrati in un complesso residenziale di fascia alta – del valore di circa 800.000 euro sulla base di offerte comparabili – è stato acquisito nel 2020.

...

...

Guidato da tutti questi indizi, il nostro team è stato in grado di ottenere una nuova fotografia di Olga Kolobova da un informatore con accesso al database russo delle patenti di guida. Quella foto – che sembrava essere del 2021 – ha fornito una corrispondenza convincente tra i volti di "Maria Adela" e Olga Kolobova.

...

...

Non ci sono prove che i servizi di controspionaggio occidentali o il servizio di sicurezza interna della NATO fossero a conoscenza della presenza di una spia militare russa posizionata strategicamente vicino al Joint Force Command Center della NATO in Europa. Nessuno dei conoscenti di "Maria Adela" con cui abbiamo parlato – tutti rintracciabili a lei tramite dati open source – era stato contattato dalla NATO o dalle forze dell'ordine per essere informato sulla loro interazione con i russi.

The Insider e Der Spiegel hanno contattato Olga Kolobova per i suoi commenti via Telegram ed e-mail. Mentre i messaggi telegram che le venivano inviati sembravano essere visti, lei non ha risposto.

Der Spiegel ha anche contattato il portavoce della NATO per commenti. Al momento della stampa l'ufficio della NATO non aveva risposto.

(in aggiornamento)


 

i.fan. twitter: menoopiu


keywords: Olga Kolobova, Maria Adela, GRU, Russia, Putin, NATO, Italia, Servizi Segreti,

Date Created: 27/08/2022 12:30:51


Post recenti

next


Il Ghiaccio Scomparso in Groenlandia Sommergerà New York

Il Ghiaccio Scomparso in Groenlandia Sommergerà New York

"Squilibrio climatico della calotta glaciale della Groenlandia e innalzamento del livello del mare" è uno studio di ricercatori del "Servizio geologico della Danimarca e della Groenlandia, Copenaghen, Danimarca" che dimostra come lo scioglimento dei ghiacci della Groenlandia e l'innalzamento degli Oceani causato dal Global Warming sia irreversibile

30 Agosto 2022 - Leggi

previous


In Russia 16000 Arrestati per Critiche alla Guerra di Putin

In Russia 16000 Arrestati per Critiche alla Guerra di Putin

Oltre 16000 arresti dal 24 febbraio. L'ultimo è l'ex sindaco di Ekaterinburg Yevgeny Roizman arrestato per aver definito "invasione dell'Ucraina" l'Operazione Militare Speciale di Putin. Ma nonostante la repressione crescono i segnali di malcontento contro l'invasione e il ministro della Guerra Shoigu

24 Agosto 2022 - Leggi


---------------- altri post recenti ----------------