Ora il Momento di Agire, Appello di Nobel per la Pace


/media/ywrbvtok/invasione-ucraina-novaya-gazeta.jpg

Come destinatari del Premio Nobel per la Pace 2017 e 2021, mettiamo in guardia sul rischio senza precedenti per la pace e la sicurezza internazionale rappresentato dalla minaccia delle armi nucleari e dall'urgente minaccia creata dall'azione sconsiderata e dalla retorica di Putin

Dmitry Muratov (Premio Nobel per la Pace 2021) e Beatrice Fihn a nome della Campagna Internazionale per l'Abolizione delle Armi Nucleari (Premio Nobel per la Pace 2017)

da Novaya Gazeta - 01/03/2022 - aggiornato il 01/03/2022 18:30:30


In questo momento vediamo le tensioni nucleari aumentare ai livelli più minacciosi visti nei tempi moderni.

 
Vladimir Putin ha minacciato di lanciare attacchi nucleari e ha alzato l'allarme di mobilitazione nucleare offensiva e difensiva al suo livello più alto dalla dissoluzione dell'Unione Sovietica.

Ha unito le forze con un altro dittatore, Alexander Lukashenko in Bielorussia, per attaccare l'Ucraina in violazione del diritto internazionale, compresa la Carta delle Nazioni Unite, e spianare la strada alla Bielorussia per ospitare armi nucleari russe.


Come destinatari del Premio Nobel per la Pace 2017 e 2021, mettiamo in guardia sul rischio senza precedenti per la pace e la sicurezza internazionale rappresentato dalla minaccia delle armi nucleari e dall'urgente minaccia creata dall'azione sconsiderata e dalla retorica di Putin.


Il destino dell'umanità oggi si basa sulla razionalità di pochi leader che controllano quasi 13.000 armi nucleari, una forza terrificante abbastanza potente da distruggere la terra molte volte.

L'uso di una sola arma nucleare potrebbe uccidere e ferire centinaia di migliaia se non milioni di civili e avvelenare l'ambiente con radiazioni che persistono per generazioni.

Non esiste una risposta sanitaria adeguata a questa catastrofe. Ecco perché la maggior parte delle nazioni del mondo ha adottato il primo trattato internazionale che vieta le armi nucleari, il Trattato sulla proibizione delle armi nucleari (TPNW) per il quale ICAN ha ricevuto il Premio Nobel per la Pace nel 2017.


Le recenti escalation nucleari della Russia ci hanno portato a un livello più pericoloso di minaccia nucleare di quello a cui abbiamo assistito dalla crisi dei missili cubani.

La Russia deve adottare misure urgenti per allentare la tensione.


In particolare, la Russia deve:

 - revocare l'ordine di domenica di aumentare il livello di allerta delle forze nucleari


 - ritirarsi dall'Ucraina e tornare al rispetto della Carta delle Nazioni Unite;


 - impegnarsi a non dispiegare mai armi nucleari in Europa;


 - aderire al TPNW ed eliminare le sue armi nucleari.


Persone in tutta la Russia, in tutta Europa e in tutto il mondo sono in piedi per le strade chiedendo la fine di questa guerra illegale e ingiusta, chiedendo che le loro voci siano incluse nella conversazione sul futuro.

Le armi nucleari impediscono che questa conversazione abbia luogo, impediscono alla volontà democratica del popolo e alla sua voce di essere rappresentata nelle decisioni sul proprio futuro.


Finché esistono le armi nucleari, la minaccia del loro uso persiste.

Il mondo non può continuare a trattenere il respiro e contare sul buon senso della manciata di leader mondiali con il potere di distruggerci tutti.

Dobbiamo eliminare queste armi di distruzione di massa.

Esortiamo tutti i governi ad aderire al TPNW senza indugio.

Li esortiamo a scegliere la pace rispetto alla guerra e la ragione alla follia.

Li esortiamo a sostenere la democrazia e la libertà di parola in tutto il mondo. Il momento di agire è adesso.

Potremmo non sopravvivere alla prossima crisi nucleare.



Dmitry Muratov (Premio Nobel per la Pace 2021) e Beatrice Fihn a nome della Campagna Internazionale per l'Abolizione delle Armi Nucleari (Premio Nobel per la Pace 2017)

da Novaya Gazeta twitter: menoopiu


keywords: Guerra Nucleare, Appello per la Pace, Dmitry Muratov, Beatrice Fihn, Guerra, Kyiv, Invasione Ucraina, negoziati, Zelensky, Putin, Russia, Europa, Joe Biden, Donbass, migranti, Bielorussia, Lukashenko, Macron,

Post recenti

next

L'Invasione di Putin Bloccata dalla Resistenza Ucraina

L'Invasione di Putin Bloccata dalla Resistenza Ucraina

Dopo una settimana di bombardamenti le truppe russe sono state fermate dalla resistenza alle porte di Kyiv. L'incredibile esempio di Zelensky ha dato coraggio unità e dignità ad un intero popolo. Putin ha già perso, morti diecimila soldati russi

02/03/2022 - Leggi

previous

Putin detta a Macron condizioni irricevibili per Kyiv

Putin detta a Macron condizioni irricevibili per Kyiv

Mentre iniziavano (e finivano) i negoziati tra le delegazioni di Russia e Ucraina, Macron telefonava a Putin per cercare di intavolare una vera trattativa. Il pazzo Putin gli ha risposto ponendo condizioni irricevibili per l'Ucraina e l'Europa : annessione della Crimea, limitazioni alla sovranità nazionale di Kyiv. Kharkov presa di mira dai "Grads" e dalle bombe ad alto potenziale esplosivo. Decine di morti e feriti

28/02/2022 - Leggi