Whistleblower Frances Haugen, Facebook é un pericolo per tutti

Whistleblower Frances Haugen, Facebook é un pericolo per tutti


"Proteggere i bambini online: testimonianza di un whistleblower di Facebook". Opening Statement di FRANCES HAUGEN del 10/5/2021 davanti alla Commissione del Senato degli Stati Uniti per il commercio, la scienza e i trasporti, Sottocommissione per la protezione dei consumatori, la sicurezza dei prodotti e
la sicurezza dei dati. La replica di Zuckerberg: "non è vero"

dal blog di Frances Haugen - 06/10/2021

/media/1wdnaqs5/frances-haugen-whistleblower-facebook.jpg


Frances Haugen conosce da dentro i segreti di Facebook per averci lavorato come manager e ha deciso di denunciare i pericoli rappresentati dal colosso dei social media per libera scelta.

Frances è diventata una whistleblower ed è stata chiamata dal Senato americano a raccontare quello che sa sulle prassi pericolose dell'azienda di Zuckenberg. Il quale ha replicato negando tutto: "Al centro di queste accuse c'è l'idea che diamo priorità al profitto rispetto alla sicurezza e al benessere", ha detto Zuckerberg. "Questo non è vero" "l'argomento secondo cui spingiamo deliberatamente contenuti che fanno arrabbiare le persone per il profitto è profondamente illogico"

 Questo è il testo originale della deposizione di Frances Haugen al Senato degli Stati Uniti d'America

Credo che il valore delle sue parole e della sua denuncia sia enorme.

di seguito il testo da me tradotto


Buon pomeriggio Presidente Blumenthal, Membro di rango Blackburn, e membri della Sottocommissione.

Grazie per l'opportunità di comparire davanti a voi.

Mi chiamo Frances Haugen.

Lavoravo per Facebook. Avevo scelto Facebook perché penso che Facebook abbia il potenziale per tirare fuori il meglio di noi.

Ma sono qui oggi perché credo che i prodotti di Facebook danneggino i bambini, alimentano la divisione e indeboliscano la nostra democrazia.

La leadership dell'azienda sa come rendere Facebook e Instagram più sicuri, ma non apporterà i cambiamenti necessari perché hanno messo i loro profitti astronomici prima delle persone.

È necessaria un'azione del Congresso.

Non risolveranno questa crisi senza il vostro intervento.

Ieri abbiamo visto Facebook scomparire da Internet.

Non so perché sia andato giù, ma so che per più di 5 ore Facebook non è stato usato per approfondire le divisioni, destabilizzare le democrazie e far sentire male le ragazze e le donne con i loro corpi.

Significa anche che milioni di piccole imprese non sono state in grado di raggiungere potenziali clienti e innumerevoli foto di nuovi bambini non sono state celebrate gioiosamente da familiari e amici in tutto il mondo.

Credo nel potenziale di Facebook. Possiamo avere i social media che ci piacciono, che ci connettono, senza lacerare la nostra democrazia, mettere in pericolo i nostri figli e seminare violenza etnica in tutto il mondo. Possiamo fare di meglio.

Dal 2006 lavoro come product manager presso grandi aziende tecnologiche, tra cui Google, Pinterest, Yelp e Facebook.

Il mio lavoro si è in gran parte concentrato su prodotti algoritmici come google+ Search e sistemi di segnalazione come quello che alimenta il Feed di notizie di Facebook.

Avendo lavorato su quattro diversi tipi di social network, capisco quanto siano complessi e sfumati questi problemi.

Tuttavia, le scelte fatte all'interno di Facebook sono disastrose – per i nostri figli, per la nostra sicurezza pubblica, per la nostra privacy e per la nostra democrazia – ed è per questo che dobbiamo chiedere a Facebook di apportare modifiche.

Durante il mio periodo in Facebook, prima lavorando come lead product manager per Civic Misinformation e successivamente per Counter-Espionage, ho visto Facebook incontrare ripetutamente conflitti tra i suoi profitti e la nostra sicurezza.

Facebook ha costantemente risolto quei conflitti a favore dei propri profitti.

Il risultato è stato più divisione, più danni, più bugie, più minacce e più scontri. In alcuni casi, questo pericoloso discorso online ha portato a una vera e propria violenza che danneggia e persino uccide le persone.

Questa non è semplicemente una questione di alcuni utenti dei social media arrabbiati o instabili, o di una parte radicalizzata contro l'altra.

È Facebook che sceglie di crescere a tutti i costi, diventando un'azienda da  trilioni di dollari guadagnando i suoi profitti a scapito della nostra sicurezza.

Durante il mio periodo in Facebook, mi sono resa conto di una verità devastante: quasi nessuno al di fuori di Facebook sa cosa succede all'interno di Facebook.

L'azienda nasconde intenzionalmente informazioni vitali al pubblico, al governo degli Stati Uniti e ai governi di tutto il mondo.

I documenti che ho fornito al Congresso dimostrano che Facebook ha ripetutamente ingannato il pubblico su ciò che la sua stessa ricerca rivela sulla sicurezza dei bambini, l'efficacia dei suoi sistemi di intelligenza artificiale e il suo ruolo nella diffusione di messaggi divisivi ed estremi.

Mi sono fatta avanti perché credo che ogni essere umano meriti la dignità della verità.

La gravità di questa crisi richiede che usciamo dai nostri precedenti quadri normativi.

Facebook vuole indurti a pensare che le protezioni della privacy o le modifiche alla Sezione 230 saranno sufficienti. Sebbene importanti, questi non arriveranno al nocciolo della questione, ovvero che nessuno capisce veramente le scelte distruttive fatte da Facebook tranne Facebook.

Possiamo permetterci niente di meno che la piena trasparenza.

Finché Facebook opera nell'ombra, nascondendo la sua ricerca al controllo pubblico, non è responsabile.

Fino a quando gli incentivi non cambieranno, Facebook non cambierà. Lasciato solo, Facebook continuerà a fare scelte che vanno contro il bene comune. Il nostro bene comune.

Quando ci siamo resi conto che Big Tobacco stava nascondendo i danni che causava, il governo ha preso provvedimenti. Quando abbiamo capito che le auto erano più sicure con le cinture di sicurezza, il governo ha agito. E quando il governo ha appreso che gli oppioidi stavano togliendo la vita, il governo ha agito.

Vi imploro di fare lo stesso qui.

Oggi, Facebook modella la nostra percezione del mondo scegliendo le informazioni che vediamo.

Anche coloro che non usano Facebook sono influenzati dalla maggioranza che lo fa.

Un'azienda con un'influenza così spaventosa su così tante persone – sui loro pensieri, sentimenti e comportamenti più profondi – ha bisogno di una vera supervisione.

Ma il design chiuso di Facebook significa che non ha una vera supervisione.

Solo Facebook sa come personalizza il tuo feed per te. In altre grandi aziende tecnologiche come Google, qualsiasi ricercatore indipendente può scaricare da Internet i risultati di ricerca dell'azienda e scrivere documenti su ciò che trova (e lo fa).

Ma Facebook si nasconde dietro muri che impediscono ai ricercatori e ai regolatori di comprendere le vere dinamiche del loro sistema. Facebook ti dirà che la privacy significa che non possono darti dati - questo non è vero.

Quando le aziende produttrici di tabacco hanno affermato che le sigarette filtrate erano più sicure per i consumatori, gli scienziati hanno potuto invalidare in modo indipendente quel messaggio di marketing e confermare che in realtà rappresentavano una minaccia maggiore per la salute umana.

Il pubblico non può fare lo stesso con Facebook – non ci viene data altra scelta che prendere i loro messaggi di marketing con fede cieca. Non solo l'azienda nasconde la maggior parte dei propri dati, la mia deposizione ha dimostrato che quando a Facebook vengono poste direttamente domande importanti come "come influisci sulla salute e sulla sicurezza dei nostri figli?", Facebook sceglie di fuorviare e fuorviare. Facebook non si è guadagnato la nostra fede cieca.

Questa incapacità di vedere nei sistemi reali di Facebook e confermare che funzionano come comunicato è come se il Dipartimento dei Trasporti  regolasse le auto semplicemente guardandole guidare lungo l'autostrada.

Oggi, nessun regolatore ha un menu di soluzioni su come riparare Facebook perché Facebook non ha voluto che sapessero abbastanza su cosa sta causando i problemi, altrimenti non ci sarebbe stato bisogno di un whistleblower.

In che modo i cittadini dovrebbe valutare se Facebook sta risolvendo i conflitti di interesse in modo allineato al bene pubblico se  non hanno visibilità su come opera Facebook?

Questo deve cambiare.

Facebook vuole farti credere che i problemi di cui stiamo parlando sono irrisolvibili. Vogliono che tu creda nelle false scelte.

Vogliono farti credere che devi scegliere tra un Facebook pieno di contenuti divisivi ed estremi o perdere uno dei valori più importanti su cui questo paese è stato fondato: la libertà di parola.

Che devi scegliere tra la supervisione pubblica delle scelte di Facebook e la tua privacy personale.

Che per poter condividere foto divertenti dei tuoi figli con vecchi amici, devi anche essere inondato di viralità guidata dalla rabbia.

Vogliono farti credere che questa è solo una parte dell'accordo.

Sono qui oggi per dirvi che non è vero.

Questi problemi sono risolvibili.

Un social media più sicuro, rispettoso della libertà di parola e più piacevole è possibile.

Ma se c'è una cosa che spero tutti estrapolino da queste rivelazioni è che Facebook può cambiare, ma chiaramente non lo farà da solo.

La mia paura è che senza azione, i comportamenti divisivi ed estremisti che vediamo oggi siano solo l'inizio.

Quello che abbiamo visto in Myanmar e stiamo vedendo in Etiopia sono solo i capitoli iniziali di una storia così terrificante che nessuno vuole leggerne la fine.

Il Congresso può cambiare le regole di Facebook e fermare i molti danni che sta causando.

Ora conosciamo la verità sull'impatto distruttivo di Facebook.

Apprezzo molto la serietà con cui i membri del Congresso e la Securities and Exchange Commission stanno affrontando questi problemi.

Mi sono fatta avanti, con grande rischio personale, perché credo che abbiamo ancora tempo per agire.

Ma dobbiamo agire ora.

Chiedo a voi, nostri rappresentanti eletti, di agire.

Grazie.

dal blog di Frances Haugen


keywords: Facebook, Frances Haugen, Whistleblowe,r Social Media, Stati Uniti d'America, Mark Zuckerberg,

Post recenti

next

COVID-19 DUE BRUTTE NOTIZIE DAL FRONTE DI GUERRA

COVID-19 DUE BRUTTE NOTIZIE DAL FRONTE DI GUERRA

C'è la sensazione diffusa che la guerra a Covid-19 sia ormai vinta. E' una quasi certezza e speriamo che sia vera, ma attenzione a due brutte notizie

06/10/2021 - Leggi

previous

LA CINA MINACCIA: TERZA GUERRA MONDIALE PER INVADERE TAIWAN

LA CINA MINACCIA: TERZA GUERRA MONDIALE PER INVADERE TAIWAN

Da giorni decine di aerei militari della Cina di Xi Jinping invadono lo spazio aereo di Taiwan per provocazione. Adesso Pechino dichiara che l'ora della guerra - la terza guerra mondiale - sta per scoccare

05/10/2021 - Leggi