"A GLITCH IN THE MATRIX" E LA SIMULAZIONE A MONTECITORIO

"A GLITCH IN THE MATRIX" E LA SIMULAZIONE A MONTECITORIO


Il governo Draghi è la soluzione del bug populista (glitch) nella Matrix della politica italiana?

i.fan. - 08/02/2021


A Glitch in The Matrix Trailer

Non ho visto "A Glitch in the Matrix", il film-documentario di Rodney Ascher sul pensiero ossessivo di chi crede che l'umanità sia in una gigantesca simulazione creata e gestita dai supercomputer. Il titolo è intrigante perché rievoca The Matrix del 1999:

«Matrix è ovunque. È intorno a noi. Anche adesso, nella stanza in cui siamo. È quello che vedi quando ti affacci alla finestra, o quando accendi il televisore. L'avverti quando vai al lavoro, quando vai in chiesa, quando paghi le tasse. È il mondo che ti è stato messo davanti agli occhi per nasconderti la verità.»

(Morpheus a Neo)

E' il tema di Matrix, della visione fantascientifica di Philip Kindred Dick (il suo "cacciatore di androidi" è la base del film Blade Runner) e della teoria della simulazione di Nick Bostrom, ordinario di Filosofia ad Oxford che nel 2003 scrisse ARE YOU LIVING IN A COMPUTER SIMULATION?.



"Questo documento sostiene che almeno una delle seguenti proposizioni è vera:

(1) è molto probabile che la specie umana si estinguerà prima di raggiungere uno stadio "postumano";

(2) è estremamente improbabile che qualsiasi civiltà postumana gestisca un numero significativo di simulazioni della propria storia evolutiva (o delle sue variazioni);

(3) quasi certamente stiamo vivendo in una simulazione al computer.


Ne consegue che la convinzione che ci sia una significativa possibilità che un giorno diventeremo postumani che eseguono simulazioni di antenati è falsa, a meno che non stiamo attualmente vivendo in una simulazione.
Vengono discusse anche una serie di altre conseguenze di questo risultato.

Applico le considerazioni di Bostrom all'attuale situazione politica italiana:



una delle seguenti proposizioni è vera:

(1) è molto probabile che i movimenti populisti si estingueranno prima di raggiungere uno stadio "postpopulista";

(2) è estremamente improbabile che qualsiasi movimento postpopulista possa gestire un numero significativo di simulazioni della propria storia evolutiva (o delle sue variazioni);

(3) quasi certamente stiamo vivendo in una simulazione al computer.
Ne consegue che la convinzione che ci sia una significativa possibilità che un giorno diventeremo postpopulisti che eseguono simulazioni di antenati è falsa, a meno che non stiamo attualmente vivendo in una simulazione.

§§§

Mario Draghi è incaricato non solo di fare un governo, ma soprattutto di mettere a posto il "glitch", l'errore tecnico, il guasto nella Matrice di simulazione rappresentato dall'ascesa dei populisti nello scenario politico italiano e mondiale.

Il film di Rodney Ascher sembra che non sia piaciuto granché alla critica cinematografica anglosassone.


Jeffrey M. Anderson , di Common Sense Media, lo stronca:

I principali intervistati sembrano persone abbastanza gentili e sembrano tutti fan di film e videogiochi. E, cosa interessante, la maggior parte ha una sorta di background basato sulla fede. Raccontano storie su come hanno iniziato a rilevare schemi e coincidenze che li hanno convinti di una realtà artificiale. Ma la scelta di Ascher di camuffarli da avatar sembra uno scherzo o una presa in giro. L'uso costante del documentario, di clip di film e videogiochi suggerisce anche che è di umore leggermente meno che serio. Ma poi arriva al suo tratto finale, e non è più divertente. È allora che parla della storia di Joshua Cooke, ossessionato da Matrix. Credeva di vivere in una realtà artificiale e poi ha ucciso i suoi genitori (confessa di essere rimasto sorpreso quando non sono morti come i personaggi dei videogiochi). Alla fine, A Glitch in the Matrix non solo non riesce a convincere gli spettatori della sua argomentazione, ma sembra non sapere affatto cosa vuole dire.



Attenzione a non cadere nella trappola delle allusioni. Come sostiene Bostrom in ARE YOU LIVING IN A COMPUTER SIMULATION, umani e avatar, realtà e simulazione, convivono nello stesso istante e non sono distinguibili se non possiedi un accesso alla Matrice.

Quindi non è detto che Draghi sia un umano e Salvini, Di Maio, Zingaretti, Berlusconi, Renzi siano i burattini di un videogioco.

Potrebbe anche essere il contrario ma, opinione personale, non ci credo.

i.fan.


keywords: Governo Draghi, The Matrix, M5S, PD, Lega, Salvini, A Glitch in the Matrix,

Post recenti

next

TRA PUTIN E NAVALNYJ, IL MINISTRO SALVINI CHI SCEGLIE?

TRA PUTIN E NAVALNYJ, IL MINISTRO SALVINI CHI SCEGLIE?

La Russia ha espulso gli ambasciatori di Germania, Polonia e Svezia per ritorsione contro Navalnyj. In Italia il nipote di Putin, Salvini sta per entrare nel governo Draghi

09/02/2021 - Leggi

previous

I LAVORATORI AMAZON USA VOTANO PER FARSI UN SINDACATO

I LAVORATORI AMAZON USA VOTANO PER FARSI UN SINDACATO

Oggi si vota in Amazon. Un'iniziativa storica per i magazzinieri Amazon e dell'intero settore del commercio online

08/02/2021 - Leggi