CARLES PUIGDEMONT ARRESTATO, L'ITALIA DEVE LIBERARLO SUBITO

CARLES PUIGDEMONT ARRESTATO, L'ITALIA DEVE LIBERARLO SUBITO


Puigdemont scarcerato ma con obbligo di rimanere in Sardegna in attesa di processo per la richiesta di estradizione. L'arresto in Sardegna del leader catalano parlamentare europeo Carles Puigdemont è un atto gravissimo che riapre una ferita che si stava faticosamente chiudendo. L'Italia non deve rendersi complice della persecuzione politica attuata dalla Spagna contro le rivendicazioni di autonomia e libertà della Catalogna

i.fan. - 24/09/2021

/media/yy3dddow/puigdemont-libero-subito.jpg


"La Spagna non perde occasione per coprirsi di ridicolo" ha dichiarato Carles Puigdemont all'uscita dal carcere di Sassari, tornando ad essere libero e senza alcuna restrizione cautelare.  Non è ancora chiaro se potrà lasciare la Sardegna , o se sarà costretto a rimanervi fino alla valutazione del tribunale per la richiesta di estradizione avanzata dalla Spagna.

Puigdemont scarcerato ma con obbligo di rimanere in Sardegna in attesa di processo per la richiesta di estradizione in Spagna. 

Puigdemont prigioniero politico per colpa dell'Italia

Manifestazioni di protesta a Barcellona e in Sardegna dopo l'arresto di Carles Puigdemont, avvenuto in circostanze poco chiare ad Alghero. L'europarlamentare Puigdemont rischia di essere estradato in Spagna nella veste di "prigioniero politico del governo Draghi"

Puigdemont libero

L'arresto in Sardegna del leader catalano e parlamentare europeo Carles Puigdemont per effetto di un mandato di cattura internazionale emesso dal giudice Pablo Llarena dalla Corte Suprema spagnola, è un atto gravissimo che riapre una ferita che si stava faticosamente chiudendo.

L'Italia non deve rendersi complice della persecuzione politica attuata dalla Spagna contro le rivendicazioni di autonomia e libertà della Catalogna e per questo deve consentire l'immediata liberazione di Carles Puigdemont.

L'arresto dell'ex presidente catalano avviene a 4 anni di distanza dal referendum popolare che chiedeva l'autonomia di Barcellona da Madrid e dalla successiva repressione del governo spagnolo guidato dalla destra conservatrice e dal Tribunale Supremo spagnolo.

Con il governo del socialista Sanchez, a cui anche gli autonomisti catalani danno un appoggio, gli esponenti catalani sono stati scarcerati per indulto, una misura di cui non ha potuto beneficiare Puigdemont perchè esiliato in Belgio dove svolgeva le funzioni di parlamentare europeo eletto dai cittadini catalani.





da La Vanguardia

L'ex presidente della Generalitat Carles Puigdemont è stato arrestato sull'isola di Sardegna dove si era recato per incontrare alcuni sindaci. L'arresto è stato sottoposto al mandato di arresto internazionale emesso dalla Corte Suprema spagnola per la causa di sedizione da parte dell'1-O (il referendum sull'autonomia della Calogna del 1 ottobre 2017), come confermato a fonti di La Vanguardia dell'Alta Corte.

L'ex presidente si sarebbe recato domani (24/09) all'assemblea dei sindaci e dei consiglieri indipendentisti della Sardegna e avrebbe incontrato i rappresentanti dei partiti sardi, che avrebbe ringraziato per il loro sostegno al diritto all'autodeterminazione della Catalogna.

Su Puigdemont pesa un mandato di arresto nazionale, europeo e internazionale concordato dal magistrato della corte suprema Pablo Llarena che ha istruito il caso per l'1-O. Il Supremo ha riattivato l'Euro-ordine dopo la sentenza che ha condannato l'ex vicepresidente Oriol Junqueras e altri 11 leader indipendenti per aver approvato le leggi sulla disconnessione e organizzato l'1-O. Una volta riattivato, fonti della corte spiegano che l'Euro-order non è mai stato disattivato di nuovo nonostante l'immunità parlamentare che ha ottenuto dopo aver vinto un seggio come eurodeputato.

L'immunità è stata revocata dal Parlamento europeo e il Tribunale dell'Unione europea ha mantenuto la revoca dell'immunità fino a quando non risolverà il ricorso che Puigdemont ha presentato per il mantenimento della protezione.

Secondo una dichiarazione ufficiale del suo ufficio, è stato arrestato dalla polizia di frontiera italiana all'arrivo ad Alghero e domani sarà messo a disposizione della corte d'appello di Sàsser, che è quella competente a decidere il suo rilascio o l'estradizione in Spagna.

Puigdemont ha lasciato la Spagna proprio mentre la Procura presentava una denuncia contro i leader indipendenti per un crimine di ribellione per il referendum del 1 ° ottobre 2017.

La sentenza stabilì che avevano commesso un crimine di "sedizione".

Da allora, Puigdemont è stato perseguitato dalla giustizia. È già stato arrestato in Germania, anche se la giustizia ha rifiutato di consegnarlo alla Spagna per un crimine di ribellione o sedizione.

L'ex presidente catalano si era stabilito in Belgio, dove anche la sua giustizia non sosteneva la sua resa alla Spagna per essere processato. Nelle ultime elezioni del Parlamento europeo, Puigdemont ha vinto un seggio e ha ottenuto l'immunità parlamentare.

Tuttavia, lo scorso luglio il sistema giudiziario europeo lo ha lasciato senza immunità parlamentare. Il Parlamento aveva sospeso la sua immunità e sebbene il Tribunale dell'UE avesse inizialmente sospeso l'accordo della camera, alla fine di questo mese di luglio ha revocato la sua precedente decisione. La risoluzione sosteneva che non vi era alcun rischio di arresto contro l'ex presidente.

Come ha reagito la Catalogna alla notizia dell'arresto di Puigdemont


da El Confidential

Il movimento indipendentista trattiene il fiato dopo l'arresto di Carles Puigdemont in Sardegna, in territorio italiano. Nessuno ha convocato nulla in strada, tenuto conto dell'ora tarda in cui si è saputo del nuovo incidente giudiziario del capo latitante. Il desiderio del movimento indipendentista è che oggi Puigdemont sia liberato.

Ecco perché si avvicinano alla crisi come che l'"expresidente" catalano sia "trattenuto" e non "detenuto". E sono state evitate dichiarazioni affrettate, anche da JxCAT. Ma ci sono anche dubbi e molti incrociano le dita.

 

È stato un incidente che nessuno si aspettava e che complica i piani di tutti gli attori. Non solo quelli della persona colpita, che ora è in attesa di essere rilasciata o meno oggi. Anche da JxCAT e ERC, che questa settimana avevano messo in scena un miglioramento delle loro relazioni in modo che il governo di coalizione continuasse a operare nonostante le abbondanti prove che entrambe le formazioni non si sostengono a vicenda.

Pere Aragonès ha mostrato la sua solidarietà su Twitter. "Dalla tua parte." E ha colto l'occasione per difendere i mantra del tavolo di dialogo: autodeterminazione e amnistia “di fronte alla persecuzione e alla repressione giudiziaria”. Aragonès ha cancellato la sua agenda per oggi per seguire la crisi a l'Alguer, che dà l'importanza di ciò che può venire fuori.

 

Fonti di entrambe le formazioni spiegano che gli scenari sono essenzialmente due: il primo e più probabile è che la Corte d'Appello di Sassari lo rilasci. In tal caso, servirà a rafforzare la figura di Puigdemont e la sua leadership morale. 

Tuttavia, se la detenzione si prolunga, le cose si complicano. JxCAT incolperà l' ERC e i repubblicani dovranno giustificare se agiranno o meno sul caso. Non basterà mettere un tweet.

i.fan.


keywords: Carles Puigdemont, arresto Puigdemont, Prigionieri politici catalani, Catalogna, governo Draghi, Spagna, governo Suarez, Sardegna,

Post recenti

next

GERMANIA AL VOTO, PREVISIONI SUL GEMELLO DELLA MERKEL

GERMANIA AL VOTO, PREVISIONI SUL GEMELLO DELLA MERKEL

Domenica di elezioni per il Bundestag in Germania. Finisce la lunga "dittatura" della Merkel e si sceglie qualcuno che ne segua il solco. Perchè tra Olaf Scholz (SPD) e Armin Laschet (CDU-CSU) le differenze sono più semantiche che sostanziali. Scholz viene dato in leggero vantaggio su Laschet, ma l'ago della bilancia saranno i verdi con Annalena Baerbock, anche se ridimensionati.

25/09/2021 - Leggi

previous

OMICIDIO DI GABBY PETITO, L'AMERICA SCOPRE IL FEMMINICIDIO

OMICIDIO DI GABBY PETITO,  L'AMERICA SCOPRE IL FEMMINICIDIO

La scomparsa e il ritrovamento del cadavere di Gabby Petito, 22 anni, uccisa dal fidanzato Brian Laundrie latitante, ha suscitato un'ondata di sdegno negli Stati Uniti, dove si scopre che il dramma dei femminicidi - catalogati come "violenza domestica" - è molto più ampio di quello che appare.

22/09/2021 - Leggi