/media/yf1ibccw/spiaggia-affollata-coronavirus-fase-2.jpg

COVID-19 IN ITALIA, CHI L'HA VISTO?


- 09/06/2020

I numeri dell'epidemia di Covid-19 in Italia non appassionano più nessuno, nè gli ottimisti tanto meno i pessimisti. Alla prossima ondata non conteremo più i contagiati i morti o i guariti. Ci limiteremo a dare qualche informazione sull'ordine di grandezza. Godiamoci il Piano Colao per l'estate.


_________________

E' come un grande incendio che sembra domato.

Nella radura di tronchi bruciati e distese di cenere affiorano piccole fumarole.

Chi guarda dopo aver visto le fiamme alte decine di metri divorare tutto con furore, pensa che il peggio è passato, non gioisce ma tira comunque un sospiro di sollievo.


E' la stessa impressione che si ricava in questi giorni di "ripartenza" in Italia. I numeri dei contagi, dei morti e dei ricoverati sembrano testimoniare la fine dell'incendio furioso e devastante, ma sotto la cenere cova ancora molta brace, pronta a riattizzare altri incendi non appena il vento si rinforza.


La brace dell'epidemia di Covid 19 cova ancora forte in Lombardia e in alcune altre province del Nord Italia. Da giorni le statistiche indicano che il 50-60 percento del coronavirus è ancora concentrato nel cuore industriale e commerciale italiano, lasciando aperto il dubbio che forse sarebbe stato più saggio differenziare le ripartenze tra quelle zone e il resto d'Italia.

Ma proprio lì c'è anche la pressione politica più forte a riaprire, tutto e subito, una pressione impossibile da contrastare quando viene alimentata da interessi e manipolazioni.


Il virus non c'è più, parola di scienziato, e dietro questa frase un fiume di opinioni e documenti e prove ecc ecc.


_________


Per sentire che sotto la cenere dopo l'incendio cova la brace ci devi mettere il piede sopra, bruciartelo e poi forse chiamare di nuovo i pompieri.

Oppure avrai imparato a camminare sui carboni ardenti. Così sarà per Covid-19.

I numeri giorno per giorno, ancora per molti giorni, oscilleranno tra "è tutto finito" e "attenzione ai nuovi focolai".


Probabilmente sarà così per tutta l'estate, perchè, nonostante le condizioni climatiche, il coronavirus non scomparirà completamente e mano a mano che si avvicinerà l'autunno, e ci saremo ancora di più assuefatti ai numeri di un contagio minimo e latente, e avremo ripreso a viaggiare, a muoverci senza distanze trasportandoci il virus, saremo esposti alla nuova ondata.


Molti sono convinti che non dovremmo avere particolari paure di una seconda onda di covid19 perchè, per quanto intensa, ormai sappiamo come trattare il virus, come difenderci, come allestire rapidamente le barriere e le strutture ospedaliere (?!).


Non credo che andrà proprio così, nel caso il virus dovesse riaffacciarsi a ottobre. Ci saranno pressioni ancora più forti a non fermare tutto, a non ripetere misure forti di lockdown, tanto poi il virus passa, moriranno un pò di anziani, amen, ma poi passa, poi arriverà un vaccino.

Ci saranno ancora i sala e gli zingaretti, i fontana e i salvini, i renzi e le meloni, di maio e conte, a difenderci e a incitarci.


Gli incendi si spengono quando non c'è più nulla da bruciare. Quando saremo stati tutti contagiati e chi doveva morire è morto e gli altri sono (forse) diventati immuni.


I numeri del covid-19 in Italia non appassionano più nessuno, nè gli ottimisti tanto meno i pessimisti. Sono numeri che non danno segnali, o sono insignificanti, perchè si è deciso che il virus non esiste più.


Alla prossima ondata non conteremo più i contagiati i morti o i guariti.

Ci limiteremo a dare qualche informazione sull'ordine di grandezza, come per le influenze stagionali, "milioni di italiani a letto".


Tra due o tre settimane non se ne parlerà più nemmeno negli Stati Uniti, dove l'ecatombe registra più di 110 mila morti e due milioni di contagiati individuati.


E che se ne parli in India o in Africa o in Sudamerica interessa a pochi o sarà solo per rimarcare le differenze, "noi l'abbiamo scampata, loro, poverini ancora no".

Molti andranno lì a fare i turisti e gli aerei riprenderanno a trasportare uomini e covid, ma ormai non ci faremo più caso.


Per ora godiamoci il Piano Colao, sei punti per non perdere l'abitudine a sognare sotto l'ombrellone.



ULTIMI POST

menoopiu' blog - le mie opinioni www.menoopiu.it - Questo sito non é una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge num. 62 del 7/3/2001. - "menoopiu.it" sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee, quindi tutti i post possono essere riprodotti ricordandosi di menzionare il blog o inserire un link al post originale. - Copyright © 2019 - realizzato con Umbraco v8.0.1 - i.fantasiaatmenoopiu.it - twitter: https://www.twitter.com/atmenoopiu