/media/wrbe35bx/luigi-di-maio-espelle.jpg

Dimissioni Di Maio, Cosa Ne Pensa un Elettore CinqueStelle?

22/01/2020

Luigi di Maio annuncia che non sarà più il Capo Politico del Movimento Cinque Stelle, la creatura che Beppe Grillo gli aveva affidato per portarla al Governo e farla durare a lungo. Il primo obbiettivo lo ha raggiunto, ma il secondo è già fuori radar. Essendo stato un elettore del Movimento, posso auto-intervistarmi per dire cosa ne penso delle dimissioni di Luigi Di Maio.


Lascia o non lascia, la parabola di Luigi Di Maio era già finita. Nessuno lo rimpiange, l'unica incognita è quanto pesano le dimissioni sulle elezioni in Emilia Romagna

_________________

D - Ha sentito la notizia ? E' dispiaciuto che Di Maio non è più Capo del Movimento 5 Stelle?

R - Dispiaciuto no, assolutamente no. Avrebbe dovuto dimettersi già da molto tempo, ma come è nel suo stile, ha tentennato fino alla fine.


D - Ma non sarebbe stato meglio aspettare l'esito del voto di domenica in Emilia Romagna? Perchè si è tirato indietro proprio ora?

R - Il voto in Emilia sarà un'altra scoppola per il Movimento a guida Di Maio. Secondo me si è dimesso proprio ora per due motivi, 1) anticipare tutti per chiudere una partita ormai insostenibile sia sul piano politico che su quello umano, 2) tentare di rimediare in extremis alla scelta ingestibile di partecipare al voto autonomamente piuttosto che allearsi con Bonaccini per battere Salvini.
Se in Emilia il PD perde per pochi voti e Salvini chiede la caduta del governo Conte ed elezioni anticipate, con quale faccia Di Maio si presenta il lunedì successivo in Parlamento?
Con queste dimissioni, forse Di Maio dice ai suoi pochi sostenitori rimasti che in Emilia è meglio votare per Bonaccini piuttosto che per il candidato (ma come si chiama?) dei cinquestelle, un modo per togliersi di mezzo a poche ore dalla sfida.

D - E non poteva farlo prima e con più chiarezza? ora non rischia di avvantaggiare ancora di più Salvini?

R - Fa parte del personaggio, della sua intrinseca debolezza e dei suoi tentennamenti. Pochi giorni dopo la nascita del primo governo Conte, quello con la Lega, si è accorto che Salvini l'avrebbe fatta da padrone, togliendogli spazio e ossigeno.
Se Di Maio avesse avuto un altro spessore e intuito politico, dopo l'orrenda, volgare e idiota frase di Salvini sugli immigrati "la pacchia è finita" avrebbe detto al boss leghista : "il governo finisce qui, a meno che non chiedi scusa e eviti altre uscite del genere"
Non lo ha fatto, anzi lo ha anche salvato nel voto sulla Diciotti. Per una anno Di Maio ha permesso a Salvini di farsi propaganda elettorale a scapito dei CinqueStelle, come un cagnolino da salotto che abbaia amichevolmente alla vista del ladro in casa.

D - Ma è stata colpa di Renzi se Di Maio è stato costretto ad allearsi con la Lega per fare il governo dopo il trionfo del 4 marzo 2018 ...

R - Certo, quel grande stratega di Renzi ha fatto anche lui tutto quanto in suo potere per far vincere la destra. Anzichè togliere il disturbo e consentire al PD di fare le scelte più naturali dopo la batosta elettorale, si è messo di traverso solo per soddisfare il suo ego, ha consegnato i 5Stelle a Salvini con la presunzione di poter dire dopo, sulle macerie, visto? ve lo avevo detto!.
Renzi è un nano politico, che ha scelto di fare sgambetti pur di rimanere nel circo.

D - Le dimissioni di Luigi Di Maio rafforzano o indeboliscono il governo Conte Bis?

R - Dipende dal voto in Emilia Romagna, come già prima delle dimissioni di Di Maio. Se quei pochi elettori cinquestelle romagnoli rimasti non vanno a votare, vince Salvini e il governo cade. Se vanno a votare per Bonaccini forse Giuseppe Conte se la cava e respira ancora per un pò. Ma alla lunga le sorti del governo sono legati agli esiti della crisi cinquestelle. C'è il rischio che Di Maio faccia come Renzi e si metta a giocare in proprio, magari sottobanco, per far cadere Conte e poi ripresentarsi alle elezioni con Salvini.

D - E il Movimento Cinque Stelle sopravviverà alle dimissioni di Di Maio ?

R - Difficile ma non impossibile, e solo se troverà un motivo di esistere diverso dalla sopravvivenza parlamentare, che invece ora è quella che prevale.

D - Se cade il governo e si andasse a votare a maggio, voterebbe  di nuovo i CinqueStelle se alla guida ci fosse uno come Alessandro Di Battista ?

R - No, non credo. Per molto tempo i CinqueStelle hanno rappresentato un fenomeno sociale e politico collegato ad un solo nome, quello di Beppe Grillo. Poi sono arrivati gli altri, i Luigi Di Maio, Alessandro Di Battista, Roberto Fico ecc. Resuscitare il Movimento 5Stelle non è nelle possibilità di nessuno dei nomi conosciuti, tantomeno di Di Battista.

L'unica chance è che qualcuno non compromesso con la gestione di Luigi Di Maio riprenda con forza le tematiche sollevate dal movimento alla sua nascita e le aggiorni.
Se c'è qualcuno credibile e capace, che riparte dalla lotta alla corruzione, la critica alle tecnocrazie europee - anche quelle care al PD - le tematiche ambientaliste senza mediazioni con gli affaristi della green economy, la battaglia per la riduzione dei consumi e dei debiti, senza lasciare nessuno indietro, e magari si chiama solo Gennaro Esposito, forse molti potrebbero, faticosamente, dimenticare i due anni di governo passati.

Ma se vince Salvini, le priorità saranno altre, prima tra tutte non diventare sudditi di Putin e non farsi congelare in un regime autoritario.

(in aggiornamento)

_________________



ULTIMI POST

menoopiu' blog - le mie opinioni www.menoopiu.it - Questo sito non é una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge num. 62 del 7/3/2001. - "menoopiu.it" sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee, quindi tutti i post possono essere riprodotti ricordandosi di menzionare il blog o inserire un link al post originale. - Copyright © 2019 - realizzato con Umbraco v8.0.1 - i.fantasiaatmenoopiu.it - twitter: https://www.twitter.com/atmenoopiu