DIVENTEREMO SUDDITI DI XI JINPING

DIVENTEREMO SUDDITI DI XI JINPING


Xi Jinping arriva in Italia il 21 marzo per fare shopping e dare consistenza alla penetrazione della Cina in Europa, dopo aver comprato a buon mercato il porto del Pireo dai disastrati greci.

i.fan. - 18/3/2019

/media/foanyig2/xi-jinping.jpg

Xi Jinping arriva in Italia il 21 marzo per fare shopping e dare consistenza alla penetrazione della Cina in Europa, dopo aver comprato a buon mercato il porto del Pireo dai disastrati greci. cina - uigur L'arrivo dei cinesi non e' da imputare tutto al trio Conte, Di Maio, Salvini ma alle decisioni gia' prese dai precedenti governi, ultimo Gentiloni, sulla nuova "Via della Seta", la poetica definizione con cui il regime di Xi Jinping maschera la vera grande invasione del 21� secolo. Dai siti industriali dell'estremo oriente alle piazze europee, non piu' splendenti ed esclusive, ma comunque necessarie ai progetti espansionistici, la Cina investira' miliardi di dollari (quelli incassati dai surplus commerciali) per costruire i corridoi logistici, finanziari e politici che gli consentiranno di unire le coste del Pacifico a quelle dell'Atlantico sotto un ombrello geopolitico che con il passare degli anni dovrebbe cambiare il volto del Pianeta. L'Italia e' un punto di passaggio importante nella strategia di Xi Jinping: una sorta di rivincita su chi quasi 800 anni fa apri' le porte per il dominio europeo sul continente asiatico ma soprattutto la testa di ponte per superare le ultime flebili itubanze dei paesi europei a farsi sedurre e ricattare dalla potenza economica cinese. Durante la visita del boss cinese Conte Di Maio Salvini si apprestano a firmare un "memorandum di intesa" nel quale ci sono generiche affermazioni che nascondono i futuri passi concreti: tanti soldi dalla Banca cinese AIIB - una entita' finanziaria creata appositamente per gestire il project financing della Belt and Road Initiative - con cui creare lavoro e investimenti, ovvero comprare le infrastrutture logistiche per far transitare le merci cinesi per togliere lavoro e investimenti ai paesi ospitanti. Sembrerebbe un grazioso e gentile regalo del popolo cinese al popolo italiano, ma in cambio cosa chiedono i nuovi padroni dell'economia mondiale? In apparenza nulla, o al massimo di avere una "visione diversa" della realta' socio-politica in Cina, di non chiamare piu' "lager" i "centri di rieducazione" dell'Uigur, di smetterla di denunciare le reporessioni e violazioni dei diritti umani e l'onnipresente sistema di schedatura di massa tecnologica, di capire che Xi Jinping e' un illuminato benefattore delle sorti globali e non un moderno dittatore che, al pari di Maduro ed Erdogan, si e' fatto modificare la Costituzione a sua immagine e convenienza. Conte Di Maio Salvini, a cui si aggiungera' per l'occasione anche Mattarella, saranno i primi sceneggiatori dei futuri spettacoli al Colosseo, con i dragoni al posto dei leoni e l'imperatore Xi a fare il pollice verso. Tags : Belt and Road, Cina, xi jinping, Di Maio, Salvini

i.fan.


keywords:

Post recenti

next

IN ITALIA UNO SU MILLE CE LA FA

IN ITALIA UNO SU MILLE CE LA FA

La notizia dell'arresto di Marcello De Vito, presidente 5Stelle della giunta comunale di Roma e del suo "compare" avvocato Mezzacapo, dimostra che in Italia ogni tanto qualcuno viene inquisito ed addirittura arrestato per reati di corruzione ! come dire che uno su mille ce la fa a finire in galera. arresto marcello de vito Il De Vito e il Mezzacapo si scambiavano messaggi di natura scientifica - la frequenza dei passaggi della cometa di Halley - e nell'occasione la chiacchierata finiva in tangente, con cui facilitare e accelerare le delibere per la costruzione del nuovo stadio della Roma, ma anche per altre opere altrettanto inutili. La notizia dell'arresto e' buona per almeno tre motivi: 1) i magistrati non sono faziosi e non fanno distinzioni tra il PD di Zingaretti o il M5S di Di Maio, quando c'e' da indagare ed arrestare non guardano in faccia a nessuno. C'era venuto qualche dubbio pensando allo sconto di pena e sanzioni regalati alla Lega sul rimborso in 99 anni dei 49 milioni di euro sottratti ai cittadini dal partito di Salvini. 2) La lotta alla corruzione e alla collusione tra potere politico e imprenditori che i 5Stelle avevano sbandierato come priorita' nella campagna elettorale di un anno fa torna finalmente alla ribalta, anche se contro un esponente dello stesso movimento di Di Maio che ovviamente si e' affrettato a cacciarlo DOPO la brutta notizia. 3) Il terzo motivo e' collegato alla prossima campagna per le elezioni europee ma lo svelero' solo in prossimita' del voto. PS: Nicola Zingaretti farebbe bene a sorridere di meno, perche' lo Stadio della Roma non si fara' nemmeno tra 10 anni. Tags : De Vito, Mezzacapo, Raggi, M5S, stadio della Roma

20/3/2019 - Leggi

previous

IN ITALIA UNO SU MILLE CE LA FA

IN ITALIA UNO SU MILLE CE LA FA

La notizia dell'arresto di Marcello De Vito, presidente 5Stelle della giunta comunale di Roma e del suo "compare" avvocato Mezzacapo, dimostra che in Italia ogni tanto qualcuno viene inquisito ed addirittura arrestato per reati di corruzione ! come dire che uno su mille ce la fa a finire in galera. arresto marcello de vito Il De Vito e il Mezzacapo si scambiavano messaggi di natura scientifica - la frequenza dei passaggi della cometa di Halley - e nell'occasione la chiacchierata finiva in tangente, con cui facilitare e accelerare le delibere per la costruzione del nuovo stadio della Roma, ma anche per altre opere altrettanto inutili. La notizia dell'arresto e' buona per almeno tre motivi: 1) i magistrati non sono faziosi e non fanno distinzioni tra il PD di Zingaretti o il M5S di Di Maio, quando c'e' da indagare ed arrestare non guardano in faccia a nessuno. C'era venuto qualche dubbio pensando allo sconto di pena e sanzioni regalati alla Lega sul rimborso in 99 anni dei 49 milioni di euro sottratti ai cittadini dal partito di Salvini. 2) La lotta alla corruzione e alla collusione tra potere politico e imprenditori che i 5Stelle avevano sbandierato come priorita' nella campagna elettorale di un anno fa torna finalmente alla ribalta, anche se contro un esponente dello stesso movimento di Di Maio che ovviamente si e' affrettato a cacciarlo DOPO la brutta notizia. 3) Il terzo motivo e' collegato alla prossima campagna per le elezioni europee ma lo svelero' solo in prossimita' del voto. PS: Nicola Zingaretti farebbe bene a sorridere di meno, perche' lo Stadio della Roma non si fara' nemmeno tra 10 anni. Tags : De Vito, Mezzacapo, Raggi, M5S, stadio della Roma

20/3/2019 - Leggi