IN ITALIA UNO SU MILLE CE LA FA


La notizia dell'arresto di Marcello De Vito, presidente 5Stelle della giunta comunale di Roma e del suo "compare" avvocato Mezzacapo, dimostra che in Italia ogni tanto qualcuno viene inquisito ed addirittura arrestato per reati di corruzione ! come dire che uno su mille ce la fa a finire in galera. arresto marcello de vito Il De Vito e il Mezzacapo si scambiavano messaggi di natura scientifica - la frequenza dei passaggi della cometa di Halley - e nell'occasione la chiacchierata finiva in tangente, con cui facilitare e accelerare le delibere per la costruzione del nuovo stadio della Roma, ma anche per altre opere altrettanto inutili. La notizia dell'arresto e' buona per almeno tre motivi: 1) i magistrati non sono faziosi e non fanno distinzioni tra il PD di Zingaretti o il M5S di Di Maio, quando c'e' da indagare ed arrestare non guardano in faccia a nessuno. C'era venuto qualche dubbio pensando allo sconto di pena e sanzioni regalati alla Lega sul rimborso in 99 anni dei 49 milioni di euro sottratti ai cittadini dal partito di Salvini. 2) La lotta alla corruzione e alla collusione tra potere politico e imprenditori che i 5Stelle avevano sbandierato come priorita' nella campagna elettorale di un anno fa torna finalmente alla ribalta, anche se contro un esponente dello stesso movimento di Di Maio che ovviamente si e' affrettato a cacciarlo DOPO la brutta notizia. 3) Il terzo motivo e' collegato alla prossima campagna per le elezioni europee ma lo svelero' solo in prossimita' del voto. PS: Nicola Zingaretti farebbe bene a sorridere di meno, perche' lo Stadio della Roma non si fara' nemmeno tra 10 anni. Tags : De Vito, Mezzacapo, Raggi, M5S, stadio della Roma

i.fan. - 20/3/2019

/media/vmyj2yyb/arresto-marcello-de-vito.jpg

La notizia dell'arresto di Marcello De Vito, presidente 5Stelle della giunta comunale di Roma e del suo "compare" avvocato Mezzacapo, dimostra che in Italia ogni tanto qualcuno viene inquisito ed addirittura arrestato per reati di corruzione ! come dire che uno su mille ce la fa a finire in galera. arresto marcello de vito Il De Vito e il Mezzacapo si scambiavano messaggi di natura scientifica - la frequenza dei passaggi della cometa di Halley - e nell'occasione la chiacchierata finiva in tangente, con cui facilitare e accelerare le delibere per la costruzione del nuovo stadio della Roma, ma anche per altre opere altrettanto inutili. La notizia dell'arresto e' buona per almeno tre motivi: 1) i magistrati non sono faziosi e non fanno distinzioni tra il PD di Zingaretti o il M5S di Di Maio, quando c'e' da indagare ed arrestare non guardano in faccia a nessuno. C'era venuto qualche dubbio pensando allo sconto di pena e sanzioni regalati alla Lega sul rimborso in 99 anni dei 49 milioni di euro sottratti ai cittadini dal partito di Salvini. 2) La lotta alla corruzione e alla collusione tra potere politico e imprenditori che i 5Stelle avevano sbandierato come priorita' nella campagna elettorale di un anno fa torna finalmente alla ribalta, anche se contro un esponente dello stesso movimento di Di Maio che ovviamente si e' affrettato a cacciarlo DOPO la brutta notizia. 3) Il terzo motivo e' collegato alla prossima campagna per le elezioni europee ma lo svelero' solo in prossimita' del voto. PS: Nicola Zingaretti farebbe bene a sorridere di meno, perche' lo Stadio della Roma non si fara' nemmeno tra 10 anni. Tags : De Vito, Mezzacapo, Raggi, M5S, stadio della Roma

i.fan.


keywords:

Post recenti

next

STRAGE DI STATO IN CINA, ESPLODE UNA FABBRICA DI PESTICIDI E FA PIU' DI 50 VITTIME

STRAGE DI STATO IN CINA, ESPLODE UNA FABBRICA DI PESTICIDI E FA PIU' DI 50 VITTIME

I MORTI ACCERTATI SALGONO A 64. Un impianto chimico per la produzione di pesticidi e' esploso a Yancheng, nella provincia cinese di Jiangsu.

22/3/2019 - Leggi

previous

STRAGE DI STATO IN CINA, ESPLODE UNA FABBRICA DI PESTICIDI E FA PIU' DI 50 VITTIME

STRAGE DI STATO IN CINA, ESPLODE UNA FABBRICA DI PESTICIDI E FA PIU' DI 50 VITTIME

I MORTI ACCERTATI SALGONO A 64. Un impianto chimico per la produzione di pesticidi e' esploso a Yancheng, nella provincia cinese di Jiangsu.

22/3/2019 - Leggi