GIUSTIZIA PER WILLY MONTEIRO DUARTE


- 09/09/2020

L'omicidio del giovane Willy ad opera dei fratelli Bianchi è potuto accadere per la complicità e il fallimento di due pilastri della società, la famiglia e le forze dell'ordine.


/media/gjijo2rj/willy-colleferro.jpg

L'assassinio del giovane Willy Monteiro Duarte, in una notte come tante a Colleferro propaggine metropolitana di Roma, nel retro buio di una caserma di carabinieri, ad opera di una delle tante bande di picchiatori, violenti, operatori del crimine sociale diffuso, ha suscitato reazioni fortissime, e sta facendo emergere lo spaccato di una società che cerchiamo di non vedere o che non ci immaginiamo così intrisa di violenza, stupidità, fanatismo.


I fratelli Bianchi, i due principali indiziati dell'omicidio e della violenza premeditata, sono il risultato del fallimento e della complicità di due delle più importanti istituzioni su cui si pretende di poggiare la società: famiglia e forze dell'ordine.


Scrive il rapper Ghali:


Giustizia per Willy Monteiro Duarte.
21 anni, era intervenuto per calmare una rissa ed é stato pestato a sangue fino a non respirare piu'.
Willy é stato ucciso dall'ignoranza, dall'odio, dal razzismo e dagli ideali di 4 ragazzi del quale i familiari hanno risposto dicendo: “era solo un immigrato”.
E' un problema ricorrente nel nostro paese e mi ha fatto tornare in mente alcuni episodi della mia vita in cui l'ho scampata per un pelo, in cui aspetti che si stanchino di tirare calci e pugni, in cui chiedi pietà e il perché sperando di riuscire a rialzarti da terra.
I veri criminali sono altri, i veri atleti sono altri.
Gli occhi di Willy sono altri.
Gli occhi della nuova generazione, di chi é stanco di fare a pugni, di chi cerca altro, di chi a differenza mia e dei miei coetanei non ha bisogno di ribadire dei concetti basilari come quelli sulla violenza.
Che questo sia l'ennesima sveglia per quanto sia inimmaginabile il dolore dei suoi cari.
E' così egoista fare di una tragedia una lezione ma infondo spero che lo sia per tutti.
Siamo stanchi, il pentimento tardivo non serve a nulla in casi come questo.
Giustizia per Willy . #giustiziaperwilly


Le parole e i commenti dei parenti dei due fanatici delle arti marziali vanno oltre la legittima difesa dei propri congiunti.

Sono la prova più lampante dell'humus in cui si coltivano i germi del fanatismo e della violenza, l'educazione familiare orientata alla soppressione degli altri, ancor più se immigrati, alla dimostrazione di forza brutale, al riempimento quotidiano dei muscoli e allo svuotamento dei cervelli.


L'altro pilastro frantumato dall'omicidio di Willy è quello delle forze dell'ordine al servizio dei cittadini e della giustizia.


Se nel caso dell'omicidio di Stefano Cucchi - anche lì calci, botte, violenze efferate - si era parlato di "mele marce" a proposito dei carabinieri che effettuarono il pestaggio e ne nascosero le prove, nella morte di Willy Montero Duarte ci sono molti aspetti da chiarire e far emergere.


Il pestaggio è avvenuto nei pressi di una caserma dei carabinieri, ed è passata quasi mezz'ora prima che qualcuno intervenisse, quando Willy era già moribondo.


I precedenti per risse, spaccio, aggressioni di Marco e Gabriele Bianchi erano documentati e ben noti alle "forze dell'ordine" ma non hanno mai sortito alcun effetto. Perseguire un reato per scoraggiare o impedirne altri dovrebbe essere la regola.

dal Corriere della Sera
ARTENA - Il 21 agosto scorso in piazza Monsignor De Angelis, ad Artena, si scrive il prologo dei fatti di Colleferro. Una manifestazione di potenza da parte di Mario Pincarelli, arrestato per l’omicidio di Willy Monteiro Duarte assieme ai fratelli Marco e Gabriele Bianchi più l’amico Francesco Belleggia. Un vigile urbano viene aggredito, insultato e spinto a terra. Il motivo? Pincarelli rifiuta di indossare la mascherina. Un episodio che, curiosamente, sottolinea oggi il sindaco Felicetto Angelini, non porta con sé neppure un fermo. Non una misura. Nulla, benché sia stata aperta un’inchiesta da parte della Procura di Velletri. Un episodio che, oggi, all’indomani dei fatti di largo Santa Caterina a Colleferro, segna la memoria di questa piccola comunità alle porte di Roma.


Perchè le denunce a carico dei Bianchi e amici non sono state prese sul serio? Quali erano, se c'erano, gli "agganci" tra i picchiatori e i carabinieri dei paesi in cui i fratelli Bianchi si "esibivano" ?


Ha fatto bene il presidente Giuseppe Conte a telefonare alla famiglia di Willy, dimostrando la sensibilità con cui lo Stato dovrà trattare questo efferato omicidio.

Spero che abbia fatto anche una telefonata ai vertici dei Carabinieri e della Pubblica Sicurezza per chiedere un'indagine seria e trasparente sulle dimenticanze o connivenze che emergono dietro l'omicidio del giovane Willy, intervenuto per difendere un suo amico dai picchiatori che le forze dell'ordine si erano sempre astenute dall'arrestare.



ULTIMI POST

menoopiu' blog - le mie opinioni www.menoopiu.it - Questo sito non é una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge num. 62 del 7/3/2001. - "menoopiu.it" sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee, quindi tutti i post possono essere riprodotti ricordandosi di menzionare il blog o inserire un link al post originale. - Copyright © 2019 - realizzato con Umbraco v8.0.1 - i.fantasiaatmenoopiu.it - twitter: https://www.twitter.com/atmenoopiu
-->