Hong Kong, ora e' la Cina che ha tutto da perdere | Blog menoopiu'

Hong Kong, ora e' la Cina che ha tutto da perdere


Il regime di Xi Jinping vede ridursi i margini di controllo "pacifici" per una soluzione indolore del conflitto di Hong Kong

i.fan. - 29/7/2019

/media/vfcoa2g4/hong-kong-01012020-3.jpg

La sfida dei giovani di Hong Kong al regime cinese e' arrivata ad un punto critico, come evidenzia il fatto che per la prima volta in 22 anni dopo l'acquisizione della ex colonia inglese, Pechino ha dovuto far scendere in campo il responsabile del suo ufficio di rappresentanza che di fatto e' il vero governo nella gestione degli affari interni.

Il portavoce di Xi Jinping ha ripetuto quanto gia' noto: pieno appoggio al governo locale di Carrie Lam, pieno appoggio alla polizia che da due mesi cerca in tutti i modi (brutali) di soffocare le proteste e di intimidire quanti si sono schierati a favore delle rivendicazioni di indipendenza, e infine l'ammonimento che se gli hongkongers - manipolati dall'occidente - non la smettono di protestare sara' necessario che la polizia (con l'aiuto dell'esercito) assuma decisioni piu' gravi e sbrigative. Una minaccia non troppo velata di riesumare il metodo "Tiananman" ? L'impressione e' che il regime cinese non sappia cosa realmente fare di fronte alla determinazione e profondita' delle manifestazioni di piazza che hanno coinvolto praticamente quasi tutta la popolazione. L'arroganza baldanzosa con cui i pro-Pechino pensavano di poter sdoganare la legge sull'estradizione in Cina, conseguenza di una analisi sbagliata sul ripiegamento del Movimento degli Ombrelli del 2014, li ha portati dentro un vicolo cieco, dove ogni mossa e' perdente di fronte alla richiesta ormai trasversale della societa' civile: Hong Kong non potra' mai essere inglobata nella "mainland", non si accontenta di uno status speciale di autonomia ma vuole indipendenza. E piu' si alzano le minacce di interventi autoritari e repressivi e piu' gli hongkongers si sentono in diritto di protestare e reclamare la fine dello schema truffaldino "una nazione, due sistemi". Il regime con il piu' alto livello tecnologico al mondo di repressione e manipolazione delle coscienze si scopre vulnerabile e impreparato ad affrontare la sfida piu' antica e ricorsiva dell'umanita', quella per la liberta'.

https://www.scmp.com/comment/opinion/article/3020467/hong-kong-protesters-have-decided-enough-enough-officials-would-be

Hong Kong protesters have decided enough is enough.

Officials would be foolish to ignore their demands https://www.hongkongfp.com/2019/07/29/breaking-beijings-top-office-hong-kong-backs-citys-govt-police-condemning-recent-protests-rare-press-con/

Beijing's top office on Hong Kong affairs backs city's gov't and police, condemning recent protests at rare press con

i.fan.



Post recenti

next

Chi ha consegnato l'ITALIA a Salvini?

Chi ha consegnato l'ITALIA a Salvini?

Salvini avanza nei sondaggi perche' compatta i consensi della destra moderata ed estrema in un fronte che da decenni e' maggioranza reale in Italia. Se poi gli altri, M5S e PD, lo aiutano lui ringrazia e va ad incassare.

Leggi

previous

Il Salvini Americano e' Donald Trump, o viceversa

Il Salvini Americano e' Donald Trump, o viceversa

Il delirio razzista di Trump, definito dalla stampa "Racist in Chief" racistinchief ha imbarazzato anche alcuni rappresentanti repubblicani ma lo fa puntualmente salire nei sondaggi oltre la soglia del 40% e gli procura i favori della meta' degli americani che sempre piu' si immedesimano nei suoi tweets, come avviene per Matteo Salvini in Italia, quando spara a zero contro Carola Rackete "ricca comunista tedesca" e invoca l'uso delle navi da guerra contro ONG e immigrati.

Leggi

-->