IN INDIA SCOPERTA UNA NUOVA SUPERVARIANTE DI COVID Blog menoopiù

IN INDIA SCOPERTA UNA NUOVA SUPERVARIANTE DI COVID


Mentre in Europa e USA crescono i timori per i vaccini AstraZeneca e J&J, l'India è invasa da una variante doppia del coronavirus, la B.1.167 che sta facendo crescere esponenzialmente il contagio. Come un missile balistico a doppia testata capace di sfuggire al vaccino.

i.fan. - 15/04/2021

/media/rsvczyf0/india-covid-2-varianti.jpg

In India nello stato del Maharashtra di cui Mumbai (ex Bombay) è la capitale, il 61% dei nuovi contagi di Sars-Cov-2 ha origine da una supervariante del coronavirus, una variante doppia, responsabile del riesplodere della pandemia in tutta l'enorme nazione indiana.


Da poche migliaia al giorno si è passati a più di 200.000, i morti, che fino a un mese fa si contavano in poche decine, ora hanno una media giornaliera a 4 cifre.


Nelle enormi metropoli da Mumbay a New Delhi gli ospedali sono al completo, i posti in terapia intensiva o rianimazione esauriti.


Nelle campagne mancano le strutture per reggere un'altra ondata di virus, accentuata dai flussi interni di ritorno dei migrant workers, i milioni di lavoratori che si spostano verso i centri urbani quando il lavoro c'é e viceversa quando l'economia è costretta a chiudere per covid.


Le notizie provenienti dall'India hanno convinto Boris Johnson, che aveva programmato una visita di Stato a fine aprile, a rinunciare praticamente al viaggio, limitandosi ad atterrare a New Delhi, incontrare a debita distanza solo il premier indiano Modi e tornarsene rapidamente a casa.

Dovendo ormai parafrasare la pandemia con il linguaggio dei militari, è come se il coronavirus si fosse trasformato da missile balistico con una sola testata a missile con due testate, indipendenti l'una dall'altra e capaci di colpire bersagli diversi.


Se la prima bomba viene intercettata, magari da un vaccino, la seconda può colpire indisturbata.


Sul piano della guerra vaccinale è una notizia terribile, perché mette in crisi gran parte di una strategia di lotta che già presentava numerose incertezze.


I vaccini progettati contro un coronavirus di 6 mesi fa saranno ancora efficaci contro una nuova variante?


E se le varianti diventano due in uno stesso virus?


Durante un incontro con i laboratori distrettuali nel Maharashtra la scorsa settimana, il National Institute of Virology (NIV) ha condiviso alcuni dati che mostrano una suddivisione di 361 campioni sequenziati del genoma del virus raccolti tra gennaio e marzo di quest'anno.


Il risultato principale dell'analisi : la presenza di una doppia mutazione è stata rilevata in 220 - quasi il 61% - dei campioni. Questa doppia variante è stata classificata la scorsa settimana come variante "B.1.617".


La variante B.1.617 di SARS-CoV-2 porta due mutazioni, E484Q e L452R. Entrambe si trovano separatamente in molte altre varianti di coronavirus , ma sono state segnalate insieme per la prima volta in India.

Le due mutazioni si trovano nella proteina spike del virus, quella che lo aiuta a legarsi ai recettori della cellula umana e ad entrare in una cellula ospite.


La mutazione E484Q è simile a E484K, una mutazione trovata nelle varianti del Regno Unito (linea B.1.1.7) e del Sud Africa (B.1.351) del coronavirus.


La mutazione L452R è stata trovata in varianti a rapida diffusione in California (B.1.427 e B.1.429). Può aumentare il potere di legame delle proteine ​​spike con i recettori ACE2 sulle cellule umane, rendendolo più trasmissibile.


L452R può anche potenziare esponenzialmente la replicazione virale.

Insieme, E484Q e L452R sono più contagiosi e possono eludere gli anticorpi.

Dove è stato trovato il B.1.617?
Le indagini sono in corso. È stato segnalato per la prima volta dal Maharashtra. A gennaio, sono stati sequenziati 19 campioni provenienti da vari distretti e B.1.617 è stato trovato in quattro. A febbraio, 234 campioni sono stati sequenziati da 18 distretti e 151 campioni - da almeno 16 distretti - avevano questa variante. E a marzo, ben 65 dei 94 campioni lo avevano.

Questa variante è più virulenta?
Finora non ci sono prove. La maggior parte dei pazienti può fare con l'isolamento domiciliare, sebbene l'esperienza clinica debba essere combinata con i dati di sequenziamento del genoma per generare prove scientifiche. Gli aneddoti clinici dei medici suggeriscono che la variante si diffonde più velocemente, è più contagiosa, può infettare intere famiglie, ma è meno virulenta e non causa drammaticamente più ricoveri.

“La maggior parte dei pazienti è asintomatica e questa è una buona indicazione. Ma in numero assoluto così tanti casi hanno messo a dura prova le infrastrutture sanitarie ", ha affermato il dottor Shashank Joshi, esperto della task force Maharashtra Covid.

Quanto si è diffuso?

Il dottor Sujeet Singh, direttore del National Center for Disease Control (NCDC) ha sottolineato che finora sono stati sequenziati pochissimi campioni dal Maharashtra ed è troppo presto per trarre conclusioni definitive su quanto sia diffuso il doppio mutante. Tuttavia, il governo centrale aveva riferito a marzo che i campioni del 15-20% nel Maharashtra avevano questa variante; sulla base degli ultimi dati di sequenziamento sappiamo che questo numero è ora superiore al 60%.
I medici e gli amministratori distrettuali del Maharashtra riferiscono che, a differenza della prima ondata, intere famiglie vengono infettate nella seconda ondata.
Ciò potrebbe indicare che le misure di allontanamento fisico e isolamento sono inadeguate nella famiglia o che il virus è diventato più trasmissibile.
Il dottor Gautam Menon, professore presso l'Università di Ashoka, Sonepat, e presso l'Istituto di scienze matematiche, Chennai, ha dichiarato: "Quello che abbiamo è suggestivo, ma abbiamo bisogno di più dati di sequenziamento del genoma per capire quale variante sta determinando il numero di nuove infezioni in stati diversi … Per suggerire che l'aumento dei casi sia dovuto a questa doppia variante mutante, dovremmo avere più punti temporali. Ad esempio, se potessimo dire di aver rilevato il 30% di questa variante nei campioni il 30 marzo e poi il 40% nei campioni il 14 aprile, ciò indicherebbe che la nuova variante sta dominando la diffusione della malattia ".

Anche il dottor Menon ha sottolineato la necessità di una maggiore trasparenza dei dati. "È possibile, anche se sempre più improbabile, che i casi potrebbero anche essere collegati al ceppo precedente", ha detto. "A meno che non sappiamo in che misura l'aumento può essere attribuito alla nuova variante, non saremo in grado di determinare in modo definitivo se i rilassamenti nel comportamento appropriato per Covid con il ceppo più vecchio abbiano guidato gli aumenti o se sia responsabile l'aumento dell'infettività della nuova variante. . "

Anche in questo caso, i dati sono limitati.

In India si sono riscontrati casi di persone che sono state infettate dopo la prima dose, ma non ci sono dati sul fatto che i loro campioni siano stati inviati per il sequenziamento del genoma.


“Sappiamo che la variante sudafricana è più in grado di sfuggire alla risposta immunitaria. Sappiamo che la variante del Regno Unito è la più trasmissibile. Ma finora non sappiamo nulla di B.1.617, perché non abbiamo i dati per trarre conclusioni ", ha detto il dott. Kang.


Il dottor Menon ha sottolineato che, sebbene non si preveda che i vaccini prevengano l'infezione, certamente prevengono malattie gravi e la morte. “Ci aspettiamo che questo rimanga vero anche con la nuova variante. L'unica soluzione a medio-lungo termine per affrontare il Covid-19 è che le persone si vaccinino ".


E' una speranza che negli ultimi giorni aveva convinto le autorità indiane a fermare l'export di vaccini nel resto del mondo - l'India è il maggior produttore ed esportatore di vaccini su scala globale - e a concentrarne l'utilizzo per i propri cittadini nell'impresa titanica di vaccinare gran parte dei 1.400 milioni di abitanti.


Se la nuova doppia variante indiana si dovesse dimostrare resistente ai vaccini già in circolazione, l'India diventerebbe l'epicentro di un nuovo drammatico capitolo della guerra a Covid-19.

i.fan.



Post recenti

next

DRAGHI LICENZIA SPERANZA, COVID RINGRAZIA

Da oggi Covid-19 non c'è più, sparito, finito. Lo ha deciso il governo Draghi-Salvini. Sulla base di "un rischio calcolato" dai commercialisti della Lega, che hanno preso il posto dei tecnici del ministero della Salute capeggiato da Roberto Speranza.

Leggi

previous

ZAKI REGENI DRAGHI AL-SISI ERDOGAN

aggiorno 17/4: Draghi non si impegna sulla cittadinanza a Zaki.

Il caso ha voluto che nello stesso giorno in cui il Senato della Repubblica approvava la mozione che impegna il governo Draghi a concedere la cittadinaza italiana a Patrick Zaki da 14 mesi sequestrato dal regime di Al Sisi, sia stata diffusa l'anticipazione di un'importante testimonianza al processo per l'omicidio di Giulio Regeni

Leggi

-->