La Lobby delle Armi Fa Strage di Bambini a Uvalde, Texas


/media/yyrke5k0/uvalde-texas-strage-bambini.jpg

A Uvalde in Texas un giovane squilibrato uccide 19 bambini e 2 insegnanti della Robb Elementary School, senza alcun motivo. L'assassino, Salvador Ramos di 18 anni, aveva comprato pistola e fucile come fossero giocattoli. Il governatore del Texas Greg Abbott è uno strenuo difensore della "libertà" di andare in giro armati e degli interessi della lobby delle armi. Joe Biden, come i suoi predecessori del Partito Democratico, chiede al Congresso di agire per limitare la diffusione delle armi

i.fan. - 25 maggio 2022 - aggiornato il 27/05/2022 07:15:09


A distanza di pochi giorni dalla strage di Buffalo, New York, la strage di Uvalde, Texas.

 

Nel primo caso l'omicida era un giovane di 19 anni, esaltato, razzista-suprematista bianco e armato.

Nel caso della scuola elementare in Texas, è un diciottenne, figlio di immigrati, paranoico-depresso e armato.

 

La costante sono le armi, in entrambe le stragi la facilità di acquistarle e maneggiarle.

Sembra mostruoso e paradossale, ma per molti giovani in America l'unica terapia per i propri disagi psichici o sociali è ormai affidata solo al possesso e all'uso delle armi.

 

Una società disarticolata, frammentata, ingiusta, malata vede nelle armi l'unico modo di affermare diritti negati e di regolare i conti delle diseguaglianze.

 

Lo Stato che consente all'industria delle armi di speculare sull'incapacità collettiva di risolvere le contraddizioni sociali e di proporsi quindi come unico mezzo di risoluzione di qualsiasi problema, dall'insicurezza alle turbe psichiche, è una collettività cinica e autolesionista.

 

I bambini della Robb Elementary School di Uvalde non potranno mai perdonare i politici come il governatore Greg Abbott che incita ad usare più armi per difendersi dall'assalto di una società malata.


Le stragi come quella di Uvalde indicano chi sono i veri colpevoli, i Greg Abbott convinti sostenitori dell'uso delle armi a fini "terapeutici". Con il plauso di chi fabbrica gli strumenti di morte.


 

A Uvalde in Texas un giovane squilibrato uccide 19 bambini e 2 insegnanti della Robb Elementary School, senza alcun motivo. 

L'assassino, Salvador Ramos di 18 anni, aveva comprato pistola e fucile come fossero giocattoli, grazie alla Lobby delle Armi.

 

Il governatore del Texas Greg Abbott è uno strenuo difensore della "libertà" di andare in giro armati e degli interessi della lobby delle armi e alle mamme dei bambini uccisi a Uvalde dice di essere sconvolto.

 

Joe Biden, come i suoi predecessori del Partito Democratico, dopo la strage di Uvalde chiede al Congresso di agire per limitare la diffusione delle armi.

 


 


In Texas si sono verificate otto sparatorie di massa negli ultimi 13 anni, mentre i legislatori hanno costantemente allentato le restrizioni sul trasporto di armi da fuoco


 


What are we doing? What are we doing ?

 

 


ABC News Politics
@ABCPolitics

 

 

"Vaffa ...  le vostre preghiere. Non sono servite a nulla per le ultime 20 sparatorie di massa. che ne dici di approvare leggi che fermeranno queste uccisioni ?", ha twittato il deputato Ruben Gallego, Democratico dell'Arizona, in risposta al repubblicano della California Darrell Issa che invitava a pregare.


 

i.fan. twitter: menoopiu


keywords: strage a Uvalde, Texas, USA, Lobby delle Armi, Salvador Ramos, Greg Abbott, Joe Biden, Chris Murphy,

Post recenti

next

Macron e Scholz Stanno a Guardare la Sconfitta di Ucraina?

Macron e Scholz Stanno a Guardare la Sconfitta di Ucraina?

Macron si preoccupa di "non umiliare Putin" e un suo ministro esclude che l'Ucraina possa entrare nell'Unione Europea prima di 20 anni. Scholz promette l'invio di armi ma si dimentica di spedirle. Entrambi pensano che la guerra finirà con la sconfitta degli ucraini, e aspettano...
La Russia ringrazia e ne approfitta per fare come in Cecenia e Siria

27 maggio 2022 - Leggi

previous

La Guerra Russia Ucraina e il Pacifismo delle Parole

La Guerra Russia Ucraina e il Pacifismo delle Parole

"L'Escalation delle parole" è il titolo di una riflessione di Ida Dominijanni sulla "militarizzazione e polarizzazione" del dibattito sulla guerra Russia-Ucraina. Dubbi e certezze di chi ha scelto "nè con Putin nè con Zelensky"

23 maggio 2022 - Leggi