La Polizia di Xi Jinping Vuole il Morto ad Hong Kong

11/11/2019

i reparti antisommossa della polizia militare cinese hanno invaso hong kong

il video del poliziotto "senza armatura" che spara al giovane e al suo soccorritore

Dietro la morte di un giovane studente e il ferimento deliberato di due manifestanti (di cui uno in fin di vita) con colpi di pistola a bruciapelo c'è una strategia di escalation poliziesca, con i reparti antisommossa dell'esercito cinese che da settimane stanno integrando e sostituendo la polizia ordinaria con l'obbiettivo di innalzare lo standard repressivo, considerato finora troppo tollerante nei confronti delle proteste di massa.


Si tratta di una vera e propria invasione strisciante ordinata dal regime di Pechino per soffocare il movimento di liberazione di Hong Kong, accompagnata da retate e arresti dei leader dei movimenti di liberazione e pestaggi organizzati da bande anonime filocinesi.

La strategia prevede di innalzare il livello di scontro, provocare reazioni di piazza sempre più violente in modo da giustificare ulteriori "giri di vite" fino al punto da rendere "normale" il nuovo livello di repressione e sospensione delle pur labili garanzie e diritti preesistenti.

Una "assuefazione" alle violenze poliziesche renderebbe possibile soffocare la rivolta di Hong Kong senza episodi eclatanti che potrebbero far gridare alla repressione stile piazza Tiananmen, ma altrettanto efficace nel distruggere il movimento di protesta.

https://www.hongkongfp.com/2019/11/11/breaking-hong-kong-police-shoot-protester-live-round-sai-wan-ho/