Mikhail Shishkin sulla Russia, Putin e la guerra a Ucraina


/media/1p5llc5b/bucha-crimini-di-guerra.jpg

Don’t Blame Dostoyevsky, non accusate Dostoyevsky per i crimini commessi da Putin (e dalla Russia) in Ucraina e l'indifferenza del popolo russo nei confronti della guerra. Alcuni brani dello scrittore russo Mikhail Shishkin

i.fan. - 4 Settembre 2022 - aggiornato il 04/09/2022 14:32:01


Un saggio su The Atlantic 
Culture, too, is a casualty of war.
...
La strada per il massacro di Bucha passa non attraverso la letteratura russa, ma attraverso la sua soppressione: le denunce di divieti di libri contro Fëdor Dostoevskij e Mikhail Bulgakov, Vladimir Nabokov e Joseph Brodsky, Anna Akhmatova e Andrei Platonov; le esecuzioni di Nikolai Gumilev, Isaac Babel e Perez Markish; la guida al suicidio di Marina Cvetaeva; la persecuzione di Osip Mandelstam e Daniil Kharms; la perseguitazione di Boris Pasternak e Aleksandr Solzhenitsyn.
La storia della cultura russa è una storia di disperata resistenza, nonostante le schiaccianti sconfitte, contro un potere statale criminale.
La letteratura russa deve al mondo un altro grande romanzo. A volte mi immagino un giovane che ora è in una trincea e non ha idea di essere uno scrittore, ma che si chiede: “Cosa ci faccio qui? Perché il mio governo mi ha mentito e mi ha tradito? Perché dovremmo uccidere e morire qui? Perché noi, russi, siamo fascisti e assassini?”
....

 

una guida letteraria e storica
Premessa alla nuova edizione
Sono passati quasi vent'anni dalla prima pubblicazione di questo libro.
La  Svizzera russa  è esaurita da tempo, e la domanda che fa piacere a ogni autore: «Dove si può comprare il proprio libro?» – fa male: da nessuna parte. La nuova edizione sta ora uscendo e sono molto lieto che gli editori Petit-Lucelle stiano pubblicando una versione ampliata e corretta del mio libro.
I libri invecchiano velocemente, come le persone.
Inevitabilmente, è sorta la domanda: la  Svizzera russa sarà  ancora attuale oggi? In questi vent'anni il mondo, la Svizzera e soprattutto il mio Paese sono cambiati radicalmente.
Quando stavo lavorando a questo libro sulla storia russa, nessuno avrebbe potuto immaginare un futuro così prossimo della Russia. Stampa strangolata? Prigionieri politici? La guerra contro l'Ucraina? Il nuovo zarismo? Inconcepibilmente. Eppure questa è la nuova realtà.
Mentre stavo preparando questo numero, leggendo il libro, ho notato che gli eventi del passato quasi dimenticato gettano una luce esplicativa sulla situazione attuale in Russia. Idee e pensieri di persone morte da tempo anticipano quasi letteralmente il discorso politico contemporaneo.
Quindi il libro è diventato di grande attualità.
La "guida storico-letteraria" racconta non solo il passato, ma anche il futuro della Russia.

un articolo sul Corriere della Sera
....
In Occidente nessuno vuole più sentir parlare di guerra, la gente è stanca di massacri e solidarietà.
La gente reclama la pace, prezzi stabili, una vita tranquilla e la possibilità di godersi le vacanze.
...
In Germania, migliaia di intellettuali hanno sottoscritto una petizione per chiedere al governo di fermare l’invio di armi all’Ucraina, perché si rischiava di far scoppiare la terza guerra mondiale. «Vogliamo una politica di pace, non la guerra», dichiaravano. Ma la terza Guerra mondiale era già cominciata, nel 2014. Come si fa a porre rimedio alla cecità, se ci si ostina a non vedere?
...Allora, si era ancora in tempo per fermare l’aggressore. Ma i politici europei hanno preferito chiudere gli occhi davanti alla realtà per guadagnarsi il favore degli elettori. Anche gli elettori volevano la pace, in quei giorni: posti di lavoro, nessun aumento del costo della vita, e vacanze assicurate. Gli analisti russi più esperti e corrotti insistevano che l’Occidente doveva capire la posizione di Putin e fare concessioni.
...
Oggi ci si chiede: come e quando finirà questa guerra? La guerra contro la Germania nazista non si concluse con la morte di Hitler, bensì con una schiacciante sconfitta militare. Prima o poi la morte di Putin sarà inevitabile, non così la sconfitta della Russia.
...
Il mondo libero dovrebbe finalmente rendersi conto che non sta combattendo contro un dittatore pazzo, bensì contro un sistema di potere autonomo, aggressivo e autorigenerante.
L’antica struttura sociale dell’autocrazia russa è stata preservata nel magazzino della storia e tramandata nei secoli. Ed eccola pronta a mutar pelle per ricomparire sotto nuove spoglie: come Khanato dell’Orda d’Oro e lo zarismo di Mosca, come l’impero dei Romanov e l’Unione Sovietica comunista di Stalin, e più di recente la «democrazia controllata» di Putin.


 


Mikhail Shishkin

 


 

i.fan. twitter: menoopiu


keywords: Mikhail Shishkin, Guerra Russia-Ucraina, Terza Guerra Mondiale, Putin, Crimine e Potere, Ucraina, Dostoyevsky, Cultura russa,

Date Created: 04/09/2022 07:35:56


Post recenti

next


Sondaggi al 5 Settembre, la Politica Non è una Scienza Esatta

Sondaggi al 5 Settembre, la Politica Non è una Scienza Esatta

FdI (Meloni-Draghi) avanza a scapito di Lega (Salvini-Putin) e Forza Italia (Berlusconi-Putin). PD (Letta-Draghi) aggrappato a Draghi perde idee e colpi, M5S (Conte-Xi Jinping) strappa voti a PD e Astensione, Calendarenzi (Draghi/Macron) non decolla. Sondaggi elettorali a tre settimane dal voto

5 Settembre 2022 - Leggi

previous


Maganov Capo di Lukoil Ucciso in Clinica a Mosca. Tragicomico

Maganov Capo di Lukoil Ucciso in Clinica a Mosca. Tragicomico

Il capo del consiglio di amministrazione di Lukoil, Ravil Maganov, è stato ucciso. Gettato dalla finestra dell'ospedale di Mosca in cui era stato ricoverato. L'azienda petrolifera lo dichiara morto per una "grave malattia", la polizia ipotizza che si sia suicidato, qualcuno parla di una caduta accidentale mentre fumava ...

1 Settembre 2022 - Leggi


---------------- altri post recenti ----------------