NUOVO FRONTE POPOLARE, la Francia che vuole sconfiggere Le Pen-Bardella


i.fan. - 15 Giugno 2024 - aggiornato il 18/06/2024 08:18:58

/media/wzkhnjg0/leon-blum-fronte-popolare.jpg

Per sconfiggere Le Pen e sostituire Macron, 4 partiti di sinistra, France Insoumise, Partito Socialista, Verdi e Partito Comunista, si presentano uniti nel Nuovo Fronte Popolare alle elezioni più importanti degli ultimi 70 anni in Francia. Copiando l'esperienza di Léon Blum nel 1936.

L'economista Thomas Piketty sostiene il Nuovo Fronte Popolare



14 giugno - Per sconfiggere Le Pen e sostituire Macron, la Francia si rivolge a Léon Blum, il leader del Partito Socialista che nel 1936 guidò il Fronte Popolare alla vittoria contro la destra di Petain.

Dopo 4 giorni di conclave 4 partiti di sinistra, France Insoumise, Partito Socialista, Verdi e Partito Comunista, hanno deciso di presentarsi assieme nel Nouveau front populaire - Nuovo Fronte Popolare alle elezioni più importanti degli ultimi 70 anni, quelle in cui l'estrema destra di Marine Le Pen e Jordan Bardella potrebbe ottenere la maggioranza per formare il nuovo governo francese.

Dopo l'esito disastroso delle europee che ha visto Le Pen doppiare i voti di Macron, la sinistra reagisce, elabora un programma fortemente popolare e definisce i candidati unici per arrivare almeno ai ballottaggi.

Raphael Glucksmann, leader pragmatico del nuovo movimento Place Publique - Partito Socialista che ha ottenuto un buon risultato alle elezioni europee: "Per me l'unica cosa che conta è che il Rassemblement National (RN) non vinca queste elezioni e non governi questo Paese. L'unico modo di farlo è che ci sia un'unione di sinistra". 

Le elezioni legislative in Francia si terranno il 30 giugno per il primo turno e il 7 luglio per il secondo; Macron correrà da solo oppure ...


Su LIBERATION il "contratto elettorale" del Nuovo Fronte Popolare in Francia

Non chiamatelo programma, ma “contratto di legislatura” . Il Nuovo Fronte Popolare ha concordato gli ultimi dettagli di un documento di venti pagine, con misure scaglionate nel tempo. In caso di vittoria, all’indomani del secondo turno delle elezioni legislative previsto per il 7 luglio, la sinistra prevede di adottare “immediatamente venti atti di rottura per rispondere all’emergenza sociale, alla sfida climatica, al risanamento dei servizi pubblici, un percorso alla pacificazione in Francia e nel mondo.

“Cento giorni” per attuare “grandi cambiamenti” che saranno contenuti in 5 leggi dedicate a situazione sociale, sanità, istruzione, energia e clima, e nel bilancio con un disegno di legge di finanza correttiva per “abolire i privilegi dei miliardari”. Poi arriverà il momento della “trasformazione” .


Scenario internazionale ed Europa: "sostegno incondizionato" all'Ucraina e compromesso su Gaza


Le questioni internazionali, che avevano portato all'esplorazione della precedente alleanza fatta nelle elezioni legislative del 2022, sono in cima al programma. Con un primo obiettivo condiviso, "la diplomazia francese al servizio della pace" e dei "beni comuni planetari":

l'ambiente (riconoscimento del reato di ecocidio, creazione di un tribunale internazionale per il clima), la salute, i diritti delle donne.

Ma soprattutto, il programma porta a un compromesso su tre questioni che hanno spaccato la sinistra: l'Ucraina, la guerra Israele-Hamas e l'Europa.

Per difendere l'Ucraina, la linea rossa di Raphaël Glucksmann, i partner del Nuovo Fronte Popolare promettono di difendere "incrollabilmente la sovranità e la libertà del popolo ucraino", in particolare con "la consegna delle armi necessarie", la cancellazione del suo debito, il sequestro dei beni degli oligarchi russi e sostengono "l'invio di caschi blu per mettere in sicurezza le centrali nucleari".

Sulla guerra tra Israele e Hamas, è una semantica di compromesso. I massacri di Hamas sono quindi qualificati come "terroristici", un termine che alcuni leader ribelli si sono rifiutati di usare. Il progetto comune vuole anche "garantire il rispetto dell'ordine della Corte Internazionale di Giustizia che evoca inequivocabilmente un rischio di genocidio", una parola che Raphaël Glucksmann non ha mai usato. Ha denunciato il "colpevole sostegno" della Francia al "governo suprematista di estrema destra" di Netanyahu, ha chiesto "un immediato cessate il fuoco a Gaza" e di "agire per il rilascio degli ostaggi" e dei "prigionieri politici palestinesi". E difende l'immediato riconoscimento dello Stato di Palestina e l'embargo sulle forniture di armi a Israele.

Il testo converge finalmente verso un'Europa più sociale, ecologica e protettiva: rifiuto dei "vincoli di austerità", fase 2 del Green Deal, fine degli accordi di libero scambio, riforma della Pac, armonizzazione sociale "dall'alto", priorità agli investimenti verdi e tassazione dei più ricchi e dei superprofitti. Le questioni più divisive, come la difesa europea o l'integrazione dell'Ucraina nell'UE, sono state lasciate da parte.


(continua)


Thomas Piketty: «Il macronismo è crollato. Lo scontro nel Paese è solo tra sinistra e destra»


dal Corriere della Sera 18-06-2024, intervista all'economista Thomas Piketty

Perché ha deciso di sostenere il Nouveau front populaire?


Le prossime elezioni vedranno il confronto tra il blocco di destra formato attorno al Rassemblement national, con l’appoggio dei Républicains (destra gollista, ndr) e di Reconquête (il partito di Éric Zemmour, ndr), e il blocco di sinistra che unisce tutti i partiti di sinistra e ambientalisti (socialisti, comunisti, insoumis, ecologisti). Il blocco liberale macronista, che si presentava come centrista, aveva una base sociale davvero troppo stretta per governare il Paese in modo durevole. Quel blocco è crollato, aprendo la strada a un nuovo bipolarismo sinistra-destra.
...

Pensa che questa unione della sinistra così eterogenea, che va dall’ex presidente François Hollande e dal socialdemocratico Raphaël Glucksmann fino alla sinistra estrema di Jean-Luc Mélenchon, potrà tenere?


Sì, io credo di sì. La sinistra ha le sue contraddizioni, ma in fondo è molto più coerente del blocco nazional-liberale, che crollerebbe appena arrivato al potere. Detto questo possiamo risparmiarci l’esperimento, e sono convinto che molti elettori del Rassemblement national lo sanno bene. Penso che a queste elezioni si allontaneranno dal Rn proprio per la sua svolta liberale e antisociale


i.fan. twitter: menoopiu


Key1: Francia keywords: Macron, Marine Le Pen, estrema destra, Nuovo Fronte Popolare, Elezioni Francia 2024, Raphael Glucksmann, Jordan Bardella, ,

Date Created: 15/06/2024 16:00:42


Post recenti

next


/media/0ygd10xe/putin-trump-2024.jpg

Dugin: Putin Voterà Trump per Salvare il Mondo dall'Apocalisse Nucleare (sic!)

Vladimir Putin in Corea del Nord da Kim Jong-un lancia la campagna elettorale a favore di Donald Trump con un articolo del suo ideologo Aleksandr Dugin.
Paccottiglia nera ma efficace contro Joe Biden

previous


/media/11gbi5b0/gioventu-meloniana.jpg

I "ragazzi" di Giorgia Meloni: RICOSTITUZIONE DEL PARTITO FASCISTA

  • 27 giugno - Flaminia Pace, capa dei giovani FdI di cui Giorgia Meloni é fiera, si è dimessa dopo l'inchiesta di fanpage.it
  • Un'inchiesta di fanpage.it trasmessa da Piazza Pulita di Formigli su LA7 documenta un'agghiacciante realtà nascosta dietro la "Gioventù Nazionale", l'organizzazione giovanile di Fratelli d'Italia tanto cara a Giorgia Meloni.

---

_______ ALTRI POST _______