PER CHI SUONA LA CAMPANA A CUBA?

PER CHI SUONA LA CAMPANA A CUBA?


  • Un fenomeno impossibile da immaginare, cubani in piazza a Cuba, per protestare contro il regime di fame e la mancanza di medicinali.
  • Joe Biden si schiera al loro fianco ma non toglie l'odioso embargo.
  • Il presidente cubano Diaz Canel ammette che tra i dimostranti ci sono molti "rivoluzionari male informati"
  • Dietro le apparenze forse ricomincia la trattativa tra USA e Cuba interrotta da Trump

i.fan. - 12/07/2021

/media/wj0lxamf/proteste-popolari-cuba-havana-072021.jpg

In un'esibizione senza precedenti di rabbia e frustrazione, migliaia di persone sono scese in piazza domenica in città e villaggi di Cuba, inclusa L'Avana, per chiedere la fine della dittatura decennale, cibo e vaccini, poiché la carenza di beni di prima necessità ha raggiunto proporzioni di crisi e i casi di COVID-19 sono aumentati vertiginosamente.

Erika Guevara-Rosas, direttrice di Amnesty International per le Americhe, ha definito le proteste spontanee "incredibili e potenti".

Tutto è iniziato a San Antonio de los Banos, una città di circa 46.000 persone, a ovest dell'Avana. Centinaia di cubani sono scesi in strada, stanchi dopo quasi una settimana di interruzione dell'elettricità durante il caldo torrido di luglio.
Erano tutti per le strade, dopo sei giorni con solo 12 ore di energia ogni giorno.

Le manifestazioni si sono estese a diverse città, almeno 25 diverse località dell'isola, tra cui le più grandi dell'isola - L'Avana, Santiago, Santa Clara, Matanzas, Cienfuegos e Holguín - ma anche in città più piccole come Palma Soriano, Cárdenas, Colón, Guira de Melena, Artemisa e altre.

Dal Malecón, il lungomare dell'Avana vicino alla città vecchia, alle piccole città della provincia di Artemisa e Palma Soriano, la seconda città più grande della provincia di Santiago de Cuba, i video trasmessi in streaming su Facebook hanno mostrato migliaia di persone che camminavano e andavano in bicicletta e moto lungo strade cantando "Libertà!" "Abbasso il comunismo!" e " Patria y Vida " che è diventato un grido di battaglia tra gli attivisti dopo che un video musicale virale ha ribaltato lo slogan rivoluzionario "Patria o morte".

"Non abbiamo paura!" cantava Samantha Regalado mentre filmava centinaia di persone che camminavano lungo una stradina di Palma Soriano.

A Cuba non accadeva dal 1994

Le immagini che circolano sui social media di folle inferocite che ribaltano le auto della polizia sono invisibili in un paese in cui il governo comunista ha tenuto una stretta presa sulla popolazione per più di sei decenni.

L'ultima volta che i cubani sono scesi in piazza per protestare contro il governo comunista è stato nel 1994 e Fidel Castro era vivo. Ma la rivolta, nota come Maleconazo, ebbe luogo solo all'Avana e non durò a lungo, poiché l'ex leader cubano trasformò rapidamente le manifestazioni in un massiccio esodo dopo aver aperto i confini marittimi di Cuba. Migliaia di cubani lasciarono l'isola su barche di fortuna e zattere traballanti, in quella che divenne nota come la crisi del balsero .

Decine di video documentano le proteste con migliaia di manifestanti che chiedono la libertà e gridano "Abbasso la dittatura" e "Abbasso Díaz-Canel"

I manifestanti hanno anche chiesto medicine, vaccini COVID e "la fine della fame".

Le proteste sono state relativamente pacifiche, alcune auto rovesciate, e anche la polizia si è limitata a contenere i manifestanti, facendo una ventina di arresti e alcuni feriti.

In un discorso televisivo improvvisato nel tardo pomeriggio di domenica, Díaz-Canel ha accusato che le proteste favoriscono gli sforzi degli Stati Uniti per inasprire l'embargo, con la presunta intenzione di "provocare una rivolta sociale" che giustificherebbe un intervento militare.

Visibilmente turbato e alzando la voce, il leader cubano ha avvertito che i manifestanti avrebbero affrontato una risposta forte e ha invitato "tutti i rivoluzionari" ad affrontarli per le strade "con fermezza e coraggio".

"Non consegneremo la sovranità o l'indipendenza del popolo", ha detto. "Ci sono molti rivoluzionari in questo paese che sono disposti a dare la nostra vita, siamo disposti a fare qualsiasi cosa e saremo nelle strade a combattere".

Cuba è alle prese con la sua peggiore contrazione economica in oltre tre decenni, poiché le inefficienze croniche e la burocrazia paralizzante e corrotta hanno gradualmente eroso la capacità produttiva del paese, compresi i settori alimentari e agricoli essenziali. Le sanzioni dell'era Trump hanno ridotto l'accesso a salvataggi economici vitali come le rimesse e gli investimenti esteri sono precipitati. Le dolorose riforme valutarie di quest'anno hanno fatto impennare l'inflazione e le lunghe code per il cibo sono tornate all'ordine del giorno.

Cuba sta lottando per controllare la trasmissione del coronavirus e nelle ultime settimane ha stabilito livelli record di contagi quasi ogni giorno.

Cuba ha deciso di produrre il proprio vaccino contro il COVID-19 e non ha cercato di acquistare iniezioni da altri paesi. Ma i piani per immunizzare la popolazione con un vaccino locale sono stati afflitti da ritardi.

I casi di COVID-19 a Cuba sono saliti a un record di 6.422 venerdì, quasi il doppio del numero registrato appena all'inizio della settimana, mentre i decessi hanno raggiunto 28 mentre l'isola lotta per contenere il virus nelle aree ad alta trasmissione e nella capitale L'Avana.

La scorsa settimana le richieste al governo di accettare gli aiuti umanitari sono aumentate quando i cubani hanno iniziato a documentare sui social media il crollo del sistema sanitario nella provincia di Matanzas, l'epicentro della pandemia di COVID-19 nell'isola.

Il presidente degli USA Joe Biden lunedì ha espresso sostegno ai cubani che protestano:

"Stiamo con il popolo cubano e il suo strenuo appello alla libertà e al sollievo dalla tragica morsa della pandemia e dai decenni di repressione e sofferenza economica a cui è stato sottoposto dal regime autoritario di Cuba", ha affermato Biden in una nota. "Gli Stati Uniti chiedono al regime cubano di ascoltare la loro gente e servire i loro bisogni in questo momento vitale, piuttosto che arricchirsi".

Dietro le parole scontate di Biden alcuni intravedono un segnale di ripresa delle trattative tra Stati Uniti e Cuba, avviate da Obama e interrotte da Trump.

Mentre secondo altri, gli Stati Uniti, complice l'ottuso regime, hanno iniziato a suonare la campana per mettere fine all'anomalia cubana.

Il precedente esperimento contro il dittatore Maduro in Venezuela non fa ben sperare.

i.fan.


keywords: proteste a Cuba, Patria y Vida, Miguel Díaz-Canel, Joe Biden, Stati Uniti, embargo Cuba, Covid-19,

Post recenti

next

UNA BUONA NOTIZIA: MATTEO RENZI INDAGATO

UNA BUONA NOTIZIA: MATTEO RENZI INDAGATO

  • Matteo Renzi minaccia Mario Draghi "Ho fatto cadere un governo, lo rifarei anche oggi", se Cartabia non ferma i magistrati che indagano su di lui;
  • Matteo Renzi indagato per finanziamento illecito e fatture false, Enrico Letta e Giuseppe Conte esultano, Salvini preoccupato

13/07/2021 - Leggi

previous

DOPPIA SCONFITTA PER L'INGHILTERRA DI BORIS JOHNSON

DOPPIA SCONFITTA PER L'INGHILTERRA DI BORIS JOHNSON

Sconfitta dall'Italia ai calci di rigore nella finale UEFA 2020, l'Inghilterra si scopre razzista scagliandosi contro i suoi giocatori neri, "colpevoli" di aver sbagliato

12/07/2021 - Leggi