Putin Contro i Profughi, Propaganda per Salvini Le Pen Orban


/media/tmceycm1/ucraina-salvini-cacciato-da-polonia.jpg

Gli amici di Vladimir Putin sono in difficoltà di fronte alle orribili e inequivocabili notizie che arrivano dall'Ucraina invasa dal "macellaio". Ma Salvini, Orban, Le Pen possono ispirarsi alla nuova propaganda russa contro i profughi ucraini ...

i.fan. - 10/04/2022 - aggiornato il 10/04/2022 15:19:42


Come si fa a fare propaganda filo-russa quando scorrono le immagini e i racconti di Bucha, di Borodyanka, di Mariupol, Kramatorsk,  Markyv e delle altre decine di comunità ucraine violentate dalla paranoia omicida di Putin?

Matteo Salvini aveva provato a riciclarsi tra i profughi in Polonia ma è stato cacciato a furor di popolo. Marine Le Pen candidata alla Presidenza Francese, ha dovuto cancellare dalla campagna elettorale qualsiasi riferimento all'Ucraina e ai suoi finanziatori russi. Ha lasciato al suo comodo "avversario" Zemmour il compito di guadagnarsi i voti razzisti filorussi per poi scongelarli al secondo turno.

I sovranisti messi in difficoltà sul piano politico dall'iniziativa di Putin cercano di riorganizzare le loro propagande tradizionali, soprattutto quella anti immigrati, per svolgere efficacemente il compito che "zio Vladimir" gli ha assegnato in Europa.

Orban in Ungheria ha cavalcato sia l'emotività collegata alle storie di migliaia di profughi ucraini sia l'avversione popolare contro i "burocrati di Bruxelles" e grazie ad un sistema di informazione perfettamente controllato è riuscito a far passare la sua narrazione politica e vincere le elezioni.

E' quello che proverà a fare anche Marine Le Pen in Francia, complice la disastrosa gestione  di Macron, che si è fatto prendere in giro da Putin fino all'ultimo minuto prima dell'invasione e una volta scoppiata la guerra è scomparso dai radar.

In Italia Matteo Salvini ha il compito più difficile. E' costretto a sostenere il governo di Mario Draghi senza avere margini di manovra nel condizionarlo sul tema dei rapporti con la Russia. Salvini non ha potuto fare nulla per impedire che l'Italia aderisse alle sanzioni economiche contro Putin, e quando ha cercato di spezzare l'asse tra Enrico Letta e Mario Draghi sul tema dell'embargo gas-petrolio ha trovato un muro da parte dell'ex BCE:
"preferite la pace o i condizionatori d'aria?".


La battuta di Draghi ha ribaltato la propaganda di Salvini sulle conseguenze controproducenti delle sanzioni alla Russia e ha posto il problema sul piano della scelta etico-politica, azzerando le armi demagogiche che Salvini aveva comprato da Putin.

Ma ora si intravede un altro fronte di battaglia propagandistica filorussa a cui Salvini potrebbe attingere per riprendersi (almeno in parte) la parola.


Il fronte della polemica contro i rifugiati ucraini, in gran parte donne e bambini, che a milioni sono stati costretti a a fuggire in Europa, soprattutto in Polonia e nei paesi baltici.

Più di cinque milioni di persone vittime della guerra che devono essere assistite, sfamate, alloggiate e integrate giorno dopo giorno mettendo a dura prova la pur grande solidarietà, emotiva e materiale, che si è mobilitata nei loro confronti.

Mentre massacrava i "neonazisti" a Bucha, a Mariupol e nelle altre decine di città e comunità ucraine, Putin non aveva argomenti contro la massa di profughi disperati in cerca di salvezza, pur sapendo che rappresentavano un potente messaggio trasversale contro la guerra scatenata dal Cremlino.

Ora Putin ha deciso di passare al contrattacco anche sul tema dei profughi ucraini, cercando di rompere il cerchio di solidarietà che in tutti i paesi si è creato attorno a loro e dando argomenti di "propaganda" ai suoi amici sovranisti ammutoliti, come Matteo Salvini.

Per questo la stampa russa ha iniziato a costruire racconti di "profughi che disturbano le popolazioni che li stanno ospitando" ... "vedete come sono ingrati e arroganti... Voi li ospitate a casa vostra e loro se la prendono e fanno quello che vogliono"

E' la variante "operazione speciale" della demagogia razzista contro gli immigrati cara a Salvini: "sbarcano sulle coste, sporcano, rubano, spacciano, violentano e ci sono quelli che li ospitano e gli danno anche casa e denaro ...". Ogni allusione a Mimmo Lucano era puramente casuale.


Putin ha suonato la sveglia contro i profughi ucraini, con argomenti più o meno simili a quelli utilizzati dai sovranisti della destra europea contro gli immigrati.



Questo articolo su Moskovsky Komsomolets è un'avvisaglia molto esplicita:

I profughi ucraini tengono nella paura gli abitanti dei paesi baltici: astuti e aggressivi
“Più della metà di loro, per usare un eufemismo, sono persone cattive”


I baltici sono seriamente delusi da coloro che hanno "addomesticato" e non vogliono più esserne responsabili. Dobbiamo già raccogliere i frutti della politica migratoria. Nel centro di Riga, una folla di profughi ucraini ha spaventato la gente del posto battendo sulle pentole, ululando e ringhiando come un animale. Un concerto inquietante sui social network è stato soprannominato demoniaco, consigliando ai partecipanti di chiamare un buon esorcista. A Tallinn si sentono periodicamente grida di "Gloria all'Ucraina!" per le strade della città. e compaiono pareti, monumenti e strutture dipinte con i colori amati dagli ucraini. Come in Moldova, i cittadini dei paesi baltici stanno cercando di far ragionare gli estranei con i videomessaggi. Finora, inutilmente.

Il detentore del record di numero di rifugiati ricevuti è la Polonia, con la quale l'Ucraina ha più di 500 chilometri di confine comune. Secondo le Nazioni Unite, 2,3 milioni di persone sono entrate nel Paese, quasi 40.000 in Lituania e 11.000 in Lettonia. Molti rifugiati utilizzano i Paesi baltici come zona di transito per raggiungere gli ambiti paesi europei. Ad esempio, in Germania o in Francia. Coloro che sono rimasti si considerano non ospiti, ma re della vita. Ad esempio, si permettono di alzare la mano contro coloro che osano parlargli in una lingua diversa dall'ucraino.

"Abbiamo rifugiati dall'Ucraina e ci sono momenti in cui si comportano in modo molto aggressivo, principalmente nei confronti di donne e anziani", si indigna un residente lettone nel video, in lettone, e si rivolge loro in russo. Mi sono girato perché hanno gridato "Gloria all'Ucraina!" e spaventato il bambino. Un altro punto: recentemente una ragazza ha detto che stava camminando con suo figlio e parlava in russo al telefono. Le corsero incontro: "Gloria all'Ucraina!" e spruzzato spray al peperoncino in faccia al ragazzo. Presero i soldi e sparsero le cose lungo la strada. Le nostre autorità non stanno facendo nulla al riguardo, quindi chiedo agli uomini della Lettonia e di Riga. Abbiamo bisogno di supporto per spezzare gli ucraini che toccano la nostra gente. Combatteremo per il nostro popolo".

Vale la pena notare che fino a tempi abbastanza recenti, gli abitanti della Lettonia avevano un'idea completamente diversa dell'aspetto di un rifugiato sul loro territorio. Speravano che gli ospiti forzati venissero subito coinvolti nei lavori, e li avrebbero cercati non nella capitale "per non togliere lavoro alla gente del posto", ma nelle zone rurali.  ...

Uno dei residenti di lingua russa della Lettonia ha raccontato a Moskovsky Komsomolets del comportamento degli ucraini e dei trucchi che usano per guadagnarsi da vivere all'estero.

– Più della metà di loro, per usare un eufemismo, sono persone cattive. Ad esempio, coloro che hanno affittato i loro appartamenti per molti soldi da soli, che sono fuggiti dalle ostilità, ma sono andati loro stessi in Europa. Fanno anche tour. Abbiamo ricevuto aiuto in Polonia - siamo andati in Germania, da lì ancora più lontano. Lo status di rifugiato non viene rilasciato da nessuna parte, vengono solo per ottenere benefici.

– Ci si aspetta che nuovi rifugiati arrivino in Lettonia?

- Ci lamentiamo, ma aspettiamo una nuova ondata, 23mila persone. Dicono che ora saranno collocati in strutture sociali: chiese, scuole.

- Come si comportano con te?

- Sono astuti. I residenti di molti paesi dell'UE hanno iniziato a lamentarsi del fatto che le persone vengono da loro e scaricano i diritti, proprio come a casa. Non mi riferisco a coloro che si sono trovati davvero senza una casa, hanno perso i parenti. Sto parlando della maggioranza che è appena andata in Europa gratuitamente per una vita migliore e si è nascosta dal servizio militare.

 - Com'è ora la sicurezza nelle strade?

- Non esco di casa da solo. C'era un video in cui una ragazza russa che vive da molto tempo in Polonia è stata sistemata dai vicini rifugiati. Quindi questo vicino l'ha chiamata e ha minacciato che avrebbe accettato il suo lavoro come insegnante. E poi catturerà i suoi figli russi e la ucciderà.

In Estonia, un ex addetto alla sicurezza ha espresso indignazione versoi profughi, avvertendo che se non avessero cambiato comportamento, il loro destino potrebbe essere paragonato a un'insalata: "Mi rivolgo a tutti gli ucraini: e a coloro che vivono a lungo, e a coloro che sono appena arrivati ​​da noi. Sai, prima del nuovo anno prepariamo sempre le insalate. Ora sta accadendo il caos nel mondo e in Estonia: ovunque guardi, le bandiere ucraine sono ovunque. Sembra di vivere nella regione ucraina. La nostra gente è abbastanza bonaria, vi abbiamo aperto i nostri cuori, le nostre porte. Condividiamo con voi a spese dei nostri figli e degli anziani. C'è un detto: "non si va in una chiesa straniera con il loro statuto". E chiedo a te, in quanto ex agente delle forze dell'ordine della Repubblica di Estonia, di comportarti normalmente, comportarti in modo pacifico e tranquillo. In modo che non ti trasformi in questa insalata Olivier. Rimani umano. Senza urla e parole offensive come "Moskal". In Estonia, leggi umane e c'è solo una bandiera: la bandiera della nostra amata Estonia.

Anche altri residenti in Estonia si lamentano dell'eccessiva abbondanza di bandiere ucraine e dell'impatto di questo fatto sul comportamento degli ospiti:

Così la mia famiglia a Tartu è andata in un ristorante nel municipio. Guarda - 7 bandiere dell'Ucraina e 1 dell'Estonia, anche la nostra città non ha una bandiera!!! Puoi spiegarci dove si trova la bandiera della nostra città e dell'Europa? Finora non ho trovato una risposta, ma l'Ucraina è ovunque! Sono solidale con l'Ucraina, ma ragazzi, sono ancora in Estonia o ...?

I cittadini di lingua russa sono indignati per lo stato diseguale delle cose e avvertono delle possibili conseguenze più negative della situazione attuale: “Sono di lingua russa, ma sono nato in Estonia, e questo è il mio paese, non è vero? valutate noi, Estonia, chiudete le nostre scuole, i profughi dall'Ucraina sono davvero più importanti i nativi russi? Lavoriamo e paghiamo le tasse, perché io, che sono nato su questa terra, ho meno diritti degli stranieri? Ci sono circa il 30% di russi in Estonia e puoi metterli contro gli estoni che sono nostri amici! Per quello? Sono arrivati ​​in un piccolo paese dove i loro problemi sono al di sopra del tetto. Non funzioneranno, non impareranno la lingua, il 90 percento, e quindi non verrai espulso. Capisco gli ucraini, non capisco l'Estonia, anche se bolliamo per chiunque se è contro la Russia".

Ma non si deve pensare che siano i residenti di lingua russa dei Paesi baltici ad avere pretese contro i rifugiati. Ad esempio, in Polonia, anche i locali sono molto infastiditi, sono indignati dalle affermazioni gastronomiche degli ucraini. I polacchi si lamentano della loro eccessiva pigrizia nei confronti del cibo, che viene preparato gratuitamente per i visitatori dalla gente del posto. Ecco come una delle ragazze esprime la sua indignazione: “Voglio fare appello ai ragazzi che hanno attraversato il confine e sono in Polonia, che i polacchi aiutano con i vestiti e l'alloggio.  ... Per favore, sii umano."


Eccovi servita da parte degli strateghi putiniani una miniera di argomenti contro i profughi ucraini, che invece di farsi massacrare a Bucha o Mariupol o Kramatorsk vanno a disturbare gli altri paesi europei.

Argomenti utili nei prossimi giorni a rinsaldare il morale e la propaganda degli Orsini e Salvini nostrani.

i.fan. twitter: menoopiu


keywords: Invasione Ucraina, Putin, Profughi Ucraina, Salvini, Russia, Crimini di Guerra, Mario Draghi, Europa, Bucha, Mariupol,

Post recenti

next

Basurin il "Chimico Russo" Usa Armi Chimiche a Mariupol

Basurin il "Chimico Russo" Usa Armi Chimiche a Mariupol

il "chimico" russo Eduard Basurin ha proposto di lanciare "fumi tossici" dentro i tunnel per stanare i 3000 soldati ucraini rifugiati nei sotterranei del Azovstal di Mariupol e che da un mese resistono
Detto, fatto. Anche il macellaio Kadyrov ha una proposta per il Donbass: armi nucleari tattiche.

12/04/2022 - Leggi

previous

COVID-19, Proteste a Shanghai Contro Zero-Covid-Xi-Jinping

COVID-19, Proteste a Shanghai Contro Zero-Covid-Xi-Jinping

Shanghai capitale economica e sociale della Cina da due settimane in lockdown per cercare di fermare il contagio di Covid-19. La strategia cinese di Zero-Covid fiore all'occhiello di Xi Jinping, a Shanghai sta dando zero-risultati e la popolazione (26 milioni) protesta per la fame e la disorganizzazione

09/04/2022 - Leggi