Trump, Impeachment Più Probabile

22/10/2019

Viene ascoltato a porte chiuse Bill Taylor, inviato speciale degli USA in Ucraina, dalla commissione del Congresso che indaga sul caso Zelensky e sul ricatto subito dal presidente ucraino da parte di Trump.

La testimonianza conferma quanto già scritto in una memoria depositata nei giorni precedenti: l'ambasciatore americano Sondland gli aveva riferito che Trump aveva formulato una esplicita richiesta affinché le autorità ucraine aprissero un'inchiesta sulle attività di Biden figlio e padre, in vista della campagna presidenziale del 2020 in cui Biden padre sarebbe stato il probabile sfidante del partito democratico.

Si tratta del famoso "quid pro quo" che Trump nega ma che se fosse provato porterebbe il presidente americano all'impeachment del Congresso entro la fine dell'anno.

Quella di Bill Taylor è certamente una testimonianza "chiave", che dettaglia minuziosamente tutte le fasi del ricatto trumpiano e si aggiunge a quella altrettanto importante di Mick Mulvaney, capo dello staff della Casa Bianca, cioè l'uomo di cui Trump dovrebbe fidarsi più di ogni altro, che inavvertitamente ha ammesso l'esistenza del ricatto durante la sua audizione davanti i commissari del Congresso, anche se poi ha in parte rettificato le dichiarazioni fatte.

Trump reagisce a colpi di Twitter, e dopo la caccia alle streghe ora parla di "linciaggio" nei suoi confronti e i mass media lo hanno bacchettato per l'uso "improprio" del termine "lynching" che evoca l'odio razziale verso i neri d'America

Dopo le prime reazioni spavalde all'annuncio della procedura di impeachment da parte di Nancy Pelosi, il presidente biscazziere sente che la minaccia è consistente, al punto che persino i senatori repubblicani potrebbero iniziare a pensare di unire il loro voto a quello dei democratici, consentendo all'impeachment di arrivare fino in fondo, senza fermarsi al Congresso dove i dem hanno la maggioranza e il voto è scontato.

I sondaggi registrano l'evoluzione dell'inchiesta e ora la maggioranza degli americani si dichiara convinto della fondatezza della richiesta di indagare sulle attività illecite di Trump, e anche il giudizio complessivo sull'apprezzamento del suo operato cala nuovamente sotto il 40%.

Un presidente che senza pensarci due volte ha permesso ad Erdogan di attaccare i Curdi, consegnandoli di fatto a Putin, ha certamente ricattato l'Ucraina per conseguire i propri interessi personali.