A HONG KONG I TALEBANI CINESI SMANTELLANO UN MUSEO

A HONG KONG I TALEBANI CINESI SMANTELLANO UN MUSEO


La polizia cinese ha smantellato il "Museo 4 Giugno" che da oltre 30 anni a Hong Kong ricorda la strage di Piazza Tiananmen del 4 giugno 1989. Il Museo era una minaccia per la Sicurezza Nazionale della Cina di Xi Jinping

i.fan. - 09/09/2021

/media/a3xh4zte/museo-4-giugno-hong-kong-2.jpg

Prima hanno arrestato i leader del movimento che organizza(va) ogni anno la veglia per ricordare la strage di studenti in Piazza Tiananmen il 4 giugno 1989.


Poi oggi sono andati a smantellare il "Museo 4 Giugno", il luogo dove gli hongkongers avevano depositato per decenni le memorie della strage e delle veglie di solidarietà organizzate fino allo scorso anno, ultima occasione prima dell'introduzione della famigerata "legge di sicurezza nazionale".

Il ricordo del massacro di studenti, immortalata dall'immagine del giovane Tankman che sfida i carri armati di Pechino, è considerato una minaccia per la sicurezza nazionale della Cina e quindi va rimosso con qualunque mezzo.

Come i Talebani distruggono tutto ciò che non è conforme alla loro dottrina, così il regime di Xi Jinping ha bisogno di cancellare qualsiasi traccia della libertà di cui un tempo Hong Kong andava fiera.


hong kong museo 4 giugno smantellato

Le foto che documentano la primavera di Pechino del 1989, le immagini dei grandi raduni per commemorare il 4 giugno, le caricature dei leader comunisti cinesi, le lettere di studenti che pensavano di avere la ragione dalla loro parte.

Il materiale conservato nel museo 4 giugno non era una minaccia per la sicurezza dei cinesi, ma al dittatore Xi Jinping poco importa, a lui non piacciono i musei dove si conservi una storia diversa da quella ufficiale. Per questo vanno chiusi, smantellati, distrutti.

I Talebani hanno molto da imparare dal maestro Xi Jinping.

i.fan.


keywords: Museo 4 Giugno, Hong Kong, Legge sicurezza nazionale, Cina, Regime Xi Jinping, 4 giugno 1989,

Post recenti

next

COVID-19 NEWS DAL FRONTE - ISRAELE

COVID-19 NEWS DAL FRONTE - ISRAELE

Israele è il laboratorio anti Covid-19 della Big Pharma Pfizer, guidata da Albert Bourla, di origine ebraica. Pfizer ha accesso in Israele ai dati e alle analisi che servono per verificare in diretta l'efficacia del suo vaccino ed elaborare strategie da diffondere nel resto del mondo. Nonostante la terza dose, in Israele si teme un'altra impennata di contagi

11/09/2021 - Leggi

previous

COVID-19 NEWS DAL FRONTE DELLA PRIMA PANDEMIA DELL'ERA POSTMODERNA - U.S.A.

COVID-19 NEWS DAL FRONTE DELLA PRIMA PANDEMIA DELL'ERA POSTMODERNA - U.S.A.

9 settembre 2021 - le truppe della "DELTA Force Covid" avanzano negli Stati Uniti, vaccinazioni in calo, contagi e morti in crescita. Per Joe Biden si profila un 9/11 ancora più amaro, chiederà agli States di obbligare la popolazione a vaccinarsi

09/09/2021 - Leggi